Alberi Latifolie

Gli alberi Latifoglie appartengono alle Angiosperme, o come si preferisce dire recentemente in ambito scientifico, alla divisione Magnoliophyta, apparsa sulla terra 130 milioni di anni fa, nel periodo Cretaceo. Le latifoglie vengono impropriamente chiamate così per metterle in contrapposizione alle aghifoglie o conifere, sottolineando il fatto che hanno foglie espanse invece che aghiformi. Le Angiosperme a differenza delle gimnosperme hanno i semi avvolti da un vero frutto che li protegge (il loro nome significa infatti “seme protetto”) e ne facilita la dispersione a opera di animali, vento, acqua. Si suddividono in monocotiledoni e dicotiledoni, a seconda di quanti cotiledoni sono presenti all’interno del seme. Tutti gli alberi conosciuti che non rientrano nel gruppo tassonomico delle Gimnosperme fanno parte delle Latifoglie. Più in generale le Angiosperme comprendono piante erbacee, ... continua

Articoli su : Alberi Latifolie


1          3      4      5      6      7      8      9      10      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • Liquidambar

    liquidambar styraciflua Il liquidambar è un arbusto appartenente alla famiglia delle Altingiaceae o Amamelidaceae a seconda della classificazione adottata
  • Acero Campestre

    foglie acero campestre Caratteristiche botaniche, esigenze pedoclimatiche, messa a dimora nei parchi pubblici, coltivazione e parassiti dell'acero campestre.
  • Carpino nero

    ostrya carpinifolia Parliamo del carpino nero, un albero adatto a svariate situazioni, rustico e di poche pretese, ma solido e affascinante.
  • Paulonia

    paulonia Tutto sulla coltivazione della paulonia per iniziare dalle basi a conoscere questa pianta dal legno ottimo ma non solo
  • Carpino bianco

    carpinus betulus Albero di taglia media, il carpino bianco può raggiungere fino 15 metri di altezza; presenta uno sviluppo irregolare e un fusto piuttosto contorto
  • Acacia di Costantinopoli

    acacia di costantinopoli immagine del fiore Una delle caratteristiche dell' acacia di Costantinopoli è la particolare forma della sua chioma. Quando la pianta si sviluppa infatti, presenta una forma a ombrello
  • Acero platanoide

    foglie di acero riccio in primavera Questa tipologia di pianta, cresce in maggior misura nei boschi, in maniera spontanea ma non per questo, si può trovare anche nei giardini di casa e nei cortili
  • Lagerstroemia

    lagerstroemia indica La lagerstroemia, con i suoi bellissimi fiori colorati e molto abbandonanti regala vivacità e allegria a chi sceglie di coltivarla nel proprio giardino. La fioritura avviene da giugno a settembre.
  • Acero palmato

    acer palmatum L'acero palmato è utilizzato moltissimo al giorno d'oggi come pianta da bonsai, grazie alla sua particolare bellezza e alla capacità di sopravvivenza senza particolari attenzioni
  • Betulla bianca

    foglie ed infiorescenze di betulla bianca In Russia è la regina delle piante. La betulla bianca si adatta ai climi molto rigidi e resiste anche agli inverni più freddi
  • Acero negundo

    pianta di acero negundo Utilizzato come pianta ornamentale, l'acero negungo presenta dimensioni piuttosto variabili e una crescita abbastanza rapida
  • Acero di monte

    pianta di acero di monte L'acero di monte è una pianta meravigliosa che presenta una chioma piuttosto arrotondata ma con rami imponenti. Questo tipo di acero si caratterizza per avere una crescita piuttosto rapida!
  • Bagolaro

    pianta di bagolaro Una delle particolarità del bagolaro è la sua grande adattabilità all'ambiente in cui si trova. Ha infatti una grande resistenza di sopravvivenza anche in condizioni meteorologiche rigide
  • Orniello

    fraxinus ornus L'orniello è una albero rustico e resistente che produce una fioritura profumata che lo rende particolarmente adatto alla realizzazione di siepi.
  • Albero di Giuda

    cercis siliquastrum L'albero di giuda è una pianta latifoglie dalla bellezza incredibile. Infatti, con l'avvento della primavera mostra la sua bellissima fioritura accesa lasciando tutti a bocca aperta
  • Biancospino

    craetegus mon Sai come utilizzare il biancospino per preparare tisane, infusi e in quali dosi assumerlo? Entra nella pagina e scoprilo con noi e i nostri consigli.
  • Catalpa

    catalpa bignonioides La Catalpa (Catalpa bignonioides) detta anche Albero dei sigari è un albero originario degli Stati U
  • Alberi di alto fusto nomi

    Tronco di un faggio Quando si parla di alberi d'alto fusto, nomi e caratteristiche sono fondamentali per poter orientare la nostra scelta per il giardino e adornarlo nel modo migliore. Gli alberi latifoglie, in particola
  • Olmo campestre

    ulmus minor L’Olmo campestre (Ulmus minor, ma in certi casi anche Ulmus canescens e Ulmus procera) appartiene al
  • Melo selvatico

    melo selvatico Il melo selvatico è una pianta che produce frutti non commestibili e fiori primaverili, che la rendono adatta per decorare i giardini.
1          3      4      5      6      7      8      9      10      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , arbustive e arboree, a foglie caduche o persistenti, con fiori ermafroditi oppure a sessi separati. In quest’ultimo caso possono essere presenti o sulla stessa pianta che viene quindi detta monoica, o su piante diverse dette quindi dioiche come nel caso dell’alloro che esiste come pianta maschile e femminile. Gli alberi latifoglie hanno colonizzato vari ambienti, da quello pluviale (foreste pluviali equatoriali dette anche tropicali) a quello alluvionale e a galleria su corsi fluviali, passando per le classiche foreste a latifoglie della fascia climatica temperata, le mediterranee decidue e le foreste pluviali temperate.Il fiore della Latifoglie può essere ermafrodito quando presenta sia l’androceo che il gineceo, oppure unisessuato e in questo caso ha solo l’androceo (fiore maschile o staminifero) o il gineceo (fiore femminile o pistillifero). I pezzi fiorali derivano da foglie modificate, e in genere sono, dall’esterno all’interno, calice, corolla, androceo e gineceo. La corolla e/o il calice, detti nell’insieme perianzio, possono avere oltre alla funzione protettiva dell’androceo o del gineceo, anche una funzione vessillifera per attirare insetti o altri animali impollinatori. Il nettare viene prodotto dai nettari alla base dei petali. L’androceo è costituito dagli stami, a loro volta composti da filamenti che sorreggono le antere, costituite da due teche contenenti le sacche polliniche. Il pistillo è invece la parte femminile del fiore composta dall’ovario che continua nello stilo che termina nello stimma. Il polline si deposita sullo stimma. La classificazione delle Angiosperme si basa molto sulla morfologia fiorale. Macroscopicamente in base alla forma e il grado di simmetria della corolla possiamo parlare di fiori irregolari, senza alcuna simmetria, fiori attinomorfi a simmetria raggiata come nel caso delle Rosaceae quali Pesco o Ciliegio, fiori zigomorfi a corolla bilabiata cioè a simmetria bilaterale come nel caso di molte piante aromatiche tra cui il Rosmarino, e fiori zigomorfi a corolla papilionacea come nel caso della Sophora japonica, della Robinia o del semplice trifoglio dei prati. Il frutto delle latifoglie può essere un vero frutto carnoso (bacche come per il Sambuco, esperidi come per tutti gli agrumi, drupe come per Ciliegio, Palma da Cocco, Noce e Olivo, balaustrio come nel caso del Melograno) o secco (i legumi come nel caso dell’Albero di Giuda, le samare tipiche degli aceri o le nucule di nocciolo e castagno). Esistono anche i falsi frutti come nel caso del pomo di Biancospino, Sorbo o Melo, il cui vero frutto è comunemente noto come torsolo, contenente appunto i semi della pianta. Il legno delle Latifoglie è più evoluto rispetto a quello delle Conifere, che presentano le sole Tracheidi all’interno dei loro fusti. Le Latifoglie infatti hanno vere e proprie trachee, cioè vasi aperti entro i quali i liquidi possono scorrere molto più rapidamente, che hanno la caratteristica di essere prodotte in diametri differenti a seconda della disponibilità stagionale di acqua. In primavera quando l’acqua è abbondate le trachee prodotte hanno diametro maggiore, mentre in estate ne crescono altre con un lume più piccolo. In Italia le categorie forestali più diffuse sono i querceti di Rovere, Roverella e Farnia seguiti dalle faggete e dai boschi di Cerro, Farnetto (Quercus frainetto), Fragno (Quercus trojana)e Quercia vallonea. Nei parchi, giardini pubblici e privati, nelle campagne e lungo le strade le specie di Latifoglie che si incontrano più spesso sono Tiglio, Pioppi, Aceri, Castagno, Betulla, Carpini, Faggio, Frassino, Ontani, Robinia. Questo elenco è ovviamente di massima, soprattutto considerando che a secondo degli habitat alcune specie saranno più o meno diffuse, e che per il verde pubblico e nei giardini privati l’impiego di cultivar di pregio e grande bellezza è ampiamente diffuso. Anche in contesti di ridotte dimensioni o addirittura in vaso è possibile coltivare Latifoglie scelte con cura per le loro caratteristiche, in particolare specie a portamento arbustivo oppure nane o a crescita lenta (Per esempio Cornus, Salix, Laurus, Prunus da fiore, Agrumi, Aceri giapponesi)
  • aghifoglie Le piante e gli alberi latifoglie si possono distinguere per la caratteristica di avere il seme avvolto da un frutto, in
    visita : aghifoglie
  • piante aghifoglie Spesso sentiamo parlare di alberi latifoglie e, nella larga maggioranza dei casi, la nostra conoscenza in tema si ferma
    visita : piante aghifoglie