Anice verde - Pimpinella anisum

Generalità

L’anice verde appartiene alla famiglia delle Ombrellifere, al genere Pimpinella ed alla specie anisum. È una pianta erbacea annuale, alta 50 cm, con radici fittonanti, fusiformi, bianche e lunghe 30 cm. Il fusto è sottile, ramificato all'apice, cavo, eretto, striato, verde e rotondeggiante. Le foglie sono alterne, non molto numerose e presentano diverse caratteristiche a seconda di come sono inserite sul fusto: quelle basali sono solitamente di forma rotondeggiante, seghettate e lobate; le foglie intermedie hanno una forma trifogliata; quelle più in alto presentano delle incisioni strette e un picciolo corto.

I fiori sono piccoli, di colore bianco-giallastro e riuniti in infiorescenze ad ombrella, la fioritura avviene in piena estate. Il frutto è un seme ricoperto da peluria, di color verde-grigio, oleoso dal gusto piccante e dolce; sono la parte utilizzata della pianta e maturano ad agosto-settembre.

La pianta ha un aroma gradevole.

Foto della Pimpinella

Extragifts ecocube Menta - piante nel cubo di legno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Clima e terreno

L’anice verde preferisce i climi temperati, le temperature ottimali per il suo sviluppo variano da 15 a 25 °C; tollera valori termici di poco inferiori allo zero però teme le gelate tardive. Le esposizioni migliori sono gli ambienti in pieno sole, ma riparate dai venti, infatti in caso di vento forte è meglio legare le piante ad un sostegno. L’anice verde predilige i terreni sciolti, di medio impasto, argillosi, calcarei, profondi, fertili, ben drenati e ricchi di sostanza organica, però rifugge i suoli umidi e compatti perché soggetti ai ristagni idrici. È una specie originaria dell’Oriente, è coltivata nella maggior parte del territorio europeo, in Asia minore, India, nord Africa e Messico. Nel nostro Paese l’anice verde si coltiva prevalentemente in Emilia-Romagna e Toscana, mentre si riscontra allo stato spontaneo in Sicilia.


  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

60 SEMI di PEPERONCINO delle 6 Varietà Più Piccanti del Mondo COLLEZIONE 6 + PICCOLA GUIDA COLTIVAZIONE ED. 2016: CAROLINA REAPER, TRINIDAD MORUGA SCORPION CHOCOLATE, RED BHUTLAH, TRINIDAD SCORPION BUTCH TAYLOR, NAGA MORICH, 7 POD BRAIN STRAIN YELLOW - I FRUTTI DELLA FOTO OVVIAMENTE NON SONO COMPRESI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€
(Risparmi 2€)


Varietà e propagazione

Le principali cultivar di anice verde in commercio sono: Anice d’Italia, di Spagna e di Malta, con frutti di medie dimensioni e di color verde cenere, Anice francese presenta un color verde-biancastro ed un forte aroma, Anice di Tunisia ha i semi verdi e dolci, mentre Anice di Russia è caratterizzato da frutti piccoli e nerastri. L’anice verde si propaga per auto disseminazione. I semi sono caratterizzati da una rapida perdita di germinabilità e, se di grosse dimensioni, da una maggiore energia germinativa, per cui è necessario che i semi siano recenti e che provengano dall’ombrella centrale della pianta.


Semina

Il terreno va lavorato in profondità e ben affinato, prima di effettuare lavorazioni si esegue una concimazione con letame maturo. La semina avviene a marzo-aprile, i semi si pongono nel terreno a 1-2 cm di profondità. Il seme germina in un mese, però, una volta emesse 3-4 foglie, ha una crescita molto rapida. La distanza tra le file è di 60-70 cm e sulla fila di 30-40 cm, è sconsigliabile seminare sullo stesso terreno l’anice verde nei primi anni successivi al suo ciclo, per cui bisogna adottare ampi avvicendamenti.


Tecniche di coltivazione

Una volta che le piantine hanno raggiunto un’altezza di 10 cm, se la semina è stata eseguita troppo fitta, va effettuato un diradamento e si tengono sotto controllo le erbe infestanti mediante una sarchiatura. L’anice verde trae vantaggio della presenza di calcio nel suolo e può essere consociata con una pianta biennale come il cumino dei prati, ottenendo i frutti dell’anice il primo anno e la produzione del cumino al secondo. L’irrigazione viene eseguita durante i periodi siccitosi o molto caldi. I frutti si raccolgono tagliando le piante alla base degli steli prima della completa maturazione, con le infiorescenze di color grigio-verdastro ed i semi piuttosto consistenti. Le ombrelle si fanno essiccare al sole per completare la maturazione e per fare uscire i semi, i quali, una volta essiccati, vengono conservati in contenitori ben chiusi. Per quanto riguarda i parassiti alcuni funghi colpiscono foglie e frutti, mentre in fase di conservazione l’anice verde è attaccato da un coleottero; solitamente non si effettuano trattamenti chimici.


Anice verde - Pimpinella anisum: Proprietà ed utilizzo

L’anice verde è largamente impiegato per le sue qualità aromatiche e salutari, svolge un’azione espettorante del catarro bronchiale, carminativa, diuretica, lassativa ed antispasmodica. È molto efficace nella cura delle flatulenze e delle coliche, viene utilizzato come coadiuvante della digestione e stimolante dell’appetito in quanto favorisce la secrezione gastrica. L’olio essenziale contenuto prevalentemente nel frutto è costituito per circa l’80 % da anetolo; esso è incolore o presenta leggere sfumature giallognole ed è un ottimo antisettico. L’estrazione avviene tramite distillazione in corrente di vapore. Il seme viene utilizzato nella preparazione di pane, focacce, strudel, salse, creme e canditi; può essere aggiunto ai formaggi freschi e cremosi. Il fiore e le foglie si mescolano alle macedonie con fichi, datteri e castagne, mentre il gambo e le radici danno un leggero aroma di liquerizia a minestre e stufati. Un uso ulteriore è quello della preparazione di bevande alcoliche come l’anisette, l’assenzio ed il varnelli.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO