Asimina - Asimina triloba

Generalità

L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba.

È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscaglie in consociazione con altre specie arboree; viene denominata paw paw o banano del nord.

È un piccolo albero, alto 5-7 m, caratterizzato da una forte attitudine pollonifera, da una chioma densa e da un habitus di crescita assurgente. Il tronco è corto ed ha una corteccia di colore grigio che contiene sostanze antitumorali e pesticidi naturali; il suo legno è molto fragile, per cui non ha un interesse commerciale. Le foglie sono ellittiche, grandi (dimensioni 12 x 24 cm), di colore verde brillante che in autunno, prima della loro caduta, vira al giallo oro ed hanno un caratteristico portamento pendulo. L’emissione delle foglie è tardiva, avviene tra metà aprile e metà maggio soltanto sui rami di un anno, mentre le branche rimangono prive di vegetazione. Dalle gemme ascellari dei rami di un anno ad aprile compaiono i fiori, costituiti da sei petali di color rosso-violaceo e caratterizzati dall’essere proterogini, ossia con l’ovario che matura prima del polline. L’asimina è una specie autofertile ad impollinazione sia anemofila che entomofila, operata da mosche e coleotteri; i fiori non sono attratti dai pronubi a causa del loro aroma poco invitante.

Frutti di Asimina


Frutti

Ogni fiore dà luogo a 5-11 frutticini, ma soltanto da 1 a 3 completano la maturazione; una volta giunti a questa fase, nel mese di settembre, i frutti maturi cadono a terra. Il frutto è una bacca ovale, lunga fino a 15 cm, che assomiglia ad una banana tozza con la buccia verde e liscia. La polpa è bianco-giallognola e cremosa, però a completa maturazione tende all’arancio o al bruno; all’interno sono posti su due file, in ordine sparso, i semi neri con tegumento duro, grandi poco più del doppio di un seme di anguria. Al momento della raccolta, effettuata prima della maturazione completa, i frutti hanno un sapore molto astringente, per cui nei giorni seguenti vengono sottoposti all’ammezzimento, il quale attenua il sapore dei frutti; inoltre la buccia da verde diventa marrone. Dal punto di vista nutrizionale il contenuto calorico, di vitamine, minerali, aminoacidi è superiore ai frutti di uso comune.

  • Ribes rosso - Ribes rubrum

    Pianta di Ribes rosso con frutti Il ribes rosso appartiene alla famiglia delle Sassifragacee, al genere Ribes ed alla specie rubrum.È una pianta perenne, dotata di radici robuste, di 1-2 m di altezza che forma cespugli di media vig
  • Ribes nero - Ribes nigrum

    Pianta di Ribes Nero Il ribes nero appartiene alla famiglia delle Sassifragacee, al genere Ribes ed alla specie nigrum.È un cespuglio che raggiunge e supera un’altezza di 2 m, dotato di fusti ramificati. Le foglie sono
  • Uva spina - Ribes grossularia

    Pianta di Uva Spina L’uva spina appartiene alla famiglia delle Sassifragacee, al genere Ribes ed alla specie grossularia.È un cespuglio di bassa taglia, alto 0,5-0,7 m, a portamento eretto; le radici sono superficiali
  • Papaia - Carica papaya

    Pianta di papaya La papaia appartiene alla famiglia delle Caricacee, al genere Carica ed alla specie papaya.È una pianta erbacea, succulenta, a rapido accrescimento, in grado di superare i 20 m d’altezza, avente un


Clima e terreno

Nonostante la famiglia delle Annonacee comprenda molte specie tropicali o subtropicali, l’asimina si adatta ai climi temperati, con ottima resistenza alle basse temperature invernali, fino a -20 °C, e buona alle estati calde, mentre teme i forti venti. Relativamente all’esposizione gli esemplari giovani, essendo un’essenza da sottobosco nelle zone d’origine, necessitano di essere posti in luoghi semi ombreggiati, mentre gli alberi adulti preferiscono il pieno sole. L’asimina predilige terreni sciolti, freschi, profondi e ricchi di sostanza organica, mal sopportando la presenza di calcare.


Varietà e propagazione

Le cultivar principalmente diffuse un tempo erano Uncle Tom, Early best e Arkansas Beauty. Attualmente sembra esistere un certo risveglio d’interesse per questa pianta nei luoghi d’origine in quanto il mercato è saturato dalla frutta tradizionale, per cui nei prossimi anni sarà possibile avere a disposizione delle nuove varietà. L’asimina si propaga per seme in quanto la talea non emette radici, le piante ottenute dal seme hanno una crescita molto lenta, per cui sono necessari almeno 6-8 anni prima che raggiungano uno sviluppo accettabile ed entrino in produzione. Le giovani piante, prima della messa a dimora, vanno coltivate per almeno due anni in vaso.


Asimina - Asimina triloba: Tecniche di coltivazione

La messa a dimora di piante allevate in contenitore con tutto il loro pane di terra è da preferire sicuramente al trapianto di semenzali e astoni a radice nuda in quanto le radici sono molto fragili, per cui si rompono facilmente, quindi al momento del trapianto il pane di terra intorno alle radici deve rimanere integro. Le distanze d’impianto sono di 4,5-5 m tra le file e 2,5-3 m sulla fila, con densità di 700-1000 piante/ha. Per quanto concerne gli interventi al terreno è comune la pratica dell’inerbimento naturale con sfalcio periodico per contenere il manto erboso e ridurre le competizioni idriche e nutrizionali, vengono anche eseguite pacciamature con materiali vegetali sulla fila al fine di contenere lo sviluppo di erbe infestanti.

La forma di allevamento più interessante è il vaso ridotto (o vasetto) ottenibile asportando l’astone centrale e le ramificazioni interne in piante lasciate crescere liberamente per alcuni anni, si ottiene così una pianta con fusto basso e 3-5 branche principali; l’altezza definitiva deve essere tale da consentire l’esecuzione di tutte le operazioni manuali da terra.

La potatura è molto semplice bastano solo periodici interventi per eliminare i polloni o effettuare dei tagli di ritorno per contrastare la tendenza a vegetare soltanto all’esterno della chioma.

La concimazione è generalmente organica e si esegue a fine inverno inizio primavera.

Questi alberi possono accontentarsi delle piogge, anche se è bene intervenire con irrigazioni di soccorso su esemplari giovani nei periodi caldi dell'anno, soprattutto in caso di prolungata siccità.

L’asimina ha una buona resistenza ai parassiti grazie alle sostanze contenute nella sua corteccia.

Questa essenza può essere impiegata anche come pianta ornamentale grazie alla sua forma piramidale e globosa ed al suo fogliame di color verde brillante.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: