Camomilla comune - Matricaria chamomilla

Generalità

La camomilla comune appartiene alla famiglia delle Composite, al genere Matricaria ed alla specie chamomilla. È una pianta erbacea annuale alta 50-80 cm con un portamento eretto, lo stelo è sottile, liscio e molto ramificato. Le foglie sono alterne, sessili, verdi chiare, a contorno lanceolato, formate da più foglioline filiformi disposte regolarmente e profondamente incise. I fiori sono riuniti in piccole infiorescenze dette capolini, aventi dimensioni di 1-2 cm, con un involucro formato da brattee di colore verde, appuntite ed un ricettacolo conico, liscio e cavo internamente. I capolini sono costituiti da fiori centrali a forma di tubuli, gialli, ermafroditi e da fiori femminili esterni (detti anche fiori del raggio), ligulati, bianchi e rivolti verso il basso. La fioritura si verifica da maggio a settembre, l’impollinazione è entomofila, operata dalle api e da altri insetti pronubi. Il frutto è un achenio, un frutto secco indeiscente che racchiude un unico seme non aderente al tegumento. La pianta ha un profumo molto caratteristico che aiuta a distinguerla da altre piante molto simili ad essa; le parti utilizzate sono i capolini.
Foto Camomilla

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre - 6 varietà da coltivare - Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Clima e terreno

camomilla seccaLa camomilla comune preferisce i climi temperati, con inverni miti ed una buona umidità, però non troppo elevata; necessita di temperature mediamente elevate per la crescita e teme i valori termici inferiori allo zero. Le esposizioni migliori sono gli ambienti in pieno sole, meglio se riparati da correnti d’aria e venti. In fatto di terreno è piuttosto adattabile, infatti vegeta bene sui suoli calcarei, comunque predilige terreni freschi, sciolti, di medio impasto, subacidi, ben drenati, non troppo fertili e con poca sostanza organica, mentre rifugge i suoli compatti in quanto soggetti a ristagni idrici. È una specie originaria dell’Asia sud-orientale, attualmente è presente in tutto il mondo, nel nostro Paese cresce spontanea nei luoghi incolti fino a 800 m di altitudine e nei campi coltivati a cereali, tanto da essere considerata un’erba infestante.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla e Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€
(Risparmi 0,09€)


Semina

semi camomillaLa camomilla comune si propaga per auto disseminazione. La prima operazione consiste nella preparazione del letto di semina, inizialmente viene eseguita un’aratura superficiale per evitare l’approfondimento eccessivo delle radici ed in seguito il terreno va amminutato. La semina viene effettuata in autunno ove gli inverni sono miti ed in primavera in zone a clima rigido, il seme va posizionato 1-2 cm in profondità. La distanza tra le file è di 40 cm e sulla fila di 25 cm, con una densità di 10 piante/mq; nel caso in cui si volesse ricorrere al trapianto l’investimento è di 6-8 piante/mq e aumentano i costi. A differenza di altre specie la camomilla comune necessita di luce per la germinazione.


Tecniche di coltivazione

campi di camomillaLa camomilla comune è coltivata negli orti e nei giardini familiari e come coltura in pieno campo, si adatta anche alla coltivazione in vaso. L’emergenza delle piantine si verifica a tre settimane dalla semina, se la densità è troppo elevata vengono diradate le piantine meno vigorose. Nei giardini le eventuali erbe infestanti vengono eliminate manualmente, invece se la coltivazione è praticata su estensioni considerevoli si procede con la sarchiatura. La concimazione si effettua soltanto se il ciclo è biennale somministrando dei concimi complessi prima della preparazione del letto di semina. L’irrigazione va eseguita frequentemente prima e dopo la raccolta dei fiori, aspettando che il terreno si asciughi tra un intervento e l’altro. La camomilla comune è una pianta poco colpita dai parassiti, il fungo più pericoloso è la ruggine bianca delle Composite.


Raccolta

I fiori si prelevano scalarmente nella fase iniziale dell’antesi, con le infiorescenze ancora bianco e che cominciano a schiudere, perché in questa fase hanno un contenuto elevato di principi attivi; per non compromettere l’essiccazione la raccolta si effettua quando le giornate sono asciutte e la sera perché le piante non sono bagnate dalla rugiada. Se la destinazione è la distillazione per ottenere oli essenziali, il prodotto viene impiegato fresco e si raccoglie in genere l’intera pianta perché attualmente non sono ancora presenti macchinari che raccolgono soltanto le infiorescenze.

I capolini si pongono ad essiccare in assenza di umidità, di luce e in presenza di aria in modo da impedire l’insorgenza di parassiti e l’imbrunimento della pianta. La conservazione avviene in contenitori di vetro tenuti in luoghi poco luminosi, i capolini mantengono le loro caratteristiche per circa un anno.


Camomilla comune - Matricaria chamomilla: Proprietà ed utilizzo

olio di camomillaL’olio essenziale estratto dai capolini presenta proprietà calmanti, antispasmodiche, eupeptiche, antinfiammatorie, carminative, febbrifughe, sudorifere, antisettiche. È utilizzata in particolare per disturbi infiammatori del tratto gastrico intestinale associati a spasmi. In cucina è impiegata per la preparazione di infusi utilizzati a scopo curativo, inoltre la camomilla comune dà un infuso particolarmente dolce e delicato. Inoltre si usa nelle marmellate, nei gelati, nell’industria alimentare per la produzione di dolci e per insaporire i liquori tra cui il vermouth.



COMMENTI SULL' ARTICOLO