Corniolo - Cornus mas

Generalità

Il corniolo appartiene alla famiglia delle Cornacee, al genere Corpus ed alla specie mas.

È un albero ad accrescimento lento con una forte attitudine pollonifera, in grado di raggiungere un’altezza di 10 m se si trova nelle situazioni migliori, oppure diventa un arbusto alto 3-5 m. Il tronco ha un andamento contorto, con la corteccia di colore grigio chiaro, mentre i rami sono verdi, con delle sfumature rosse se illuminati a lungo dal sole. Le branche presentano numerose ramificazioni e quelli basali si possono sviluppare dal fusto ad un’altezza di 30-40 cm dal terreno. Le foglie sono caduche, ovali, di medie dimensioni (lunghezza massima 6-7 cm), intere, opposte, leggermente pelose, appuntite, di color verde scuro, mentre in autunno, prima di cadere, assumono una colorazione giallo-rossa. I fiori sono ermafroditi, di colore giallo, di piccole dimensioni e riuniti in appariscenti infiorescenze a forma di ombrello. La fioritura si verifica nei mesi di febbraio-marzo, prima dell’emissione delle foglie; è una specie autofertile ad impollinazione entomofila.

Pianta di Corniolo


I frutti ed il loro utilizzo

I frutti sono delle drupe a forma ellittica, simili ad un'oliva per le sue dimensioni e sono chiamate corniole. Presentano una buccia di colore giallo arancio, la quale tende ha divenire rossa con la maturazione. La polpa è deliquescente, anche a frutto maturo conserva un sapore acidulo ed è ricca di tannini, zuccheri e mucillagini; il nocciolo ha una consistenza cornea e dura. Il frutto del corniolo non è molto conosciuto ai tempi odierni; se ne trova qualche pianta nelle campagne, che ormai sono poco frequentate dalla maggior parte della gente. In passato la corniola veniva impiegata soprattutto per preparare confetture a livello famigliare. La corniola era anche utilizzata nella preparazione delle “olive di corniole”; i frutti maturi venivano messi in acqua e sale, con lo stesso procedimento utilizzato per la conservazione delle olive. Dal loro seme si ottiene un olio usato in saponeria. Le cultivar più diffuse nel nostro Paese sono Golden Glory, Variegata, Aurea ed Elegant.

Le drupe, oltre che il per consumo diretto e la conservazione in salamoia, hanno un impiego farmaceutico, essendo dotate di proprietà antidiarroiche oppure possono servire per ottenere un particolare tipo di sidro.

  • Cornus

    cornus in autunno Le persone che scelgono in totale autonomia di dotare la propria abitazione di un giardino privato conoscono di certo alla grande sia i vantaggi che gli svantaggi di questa soluzione; essi sono, bisog...
  • Ciliegio - Prunus avium

    Ciliegio in fiore Il ciliegio appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Cerasus; le specie più importanti sono il ciliegio dolce, il più coltivato, e quello ac...
  • Giuggiolo - Zizyphus jujuba

    Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...
  • Litchi - Litchi chinensis

    Pianta di litchi Il litchi, o lici, appartiene alla famiglia delle Sapindacee, al genere Litchi ed alla specie chinensis.È un albero alto 8-10 m, con un fusto corto ed eretto, una chioma densa e tondeggiante. Le fog...


Clima e terreno

Il corniolo preferisce climi temperati, non teme le alte temperature estive ed i freddi invernali, nel caso di temperature molto basse si può ricoprire il colletto con del materiale vegetale pacciamante; è sensibile alle gelate primaverili a causa della precoce fioritura. Può essere coltivato sia in pianura che in collina, fino ad un’altitudine di 1000 m; preferisce esposizioni soleggiate, ma nel caso di temperature estive troppo elevate è bene scegliere zone semi-ombreggiate o anche esposte a nord.

Il corniolo è una specie originaria dell’Europa sud-orientale e dell’Asia occidentale, allo stato naturale si trova nelle radure e ai margini dei boschi di latifoglie, sia in pianura sia in media montagna. In fatto di terreno è una pianta molto adattabile, infatti cresce bene su suoli aridi e sassosi pur prediligendo quelli sciolti, ben drenati, moderatamente calcarei e con una buona dotazione di sostanza organica, mentre rifugge i terreni troppo umidi e compatti.


Tecniche di coltivazione

Il corniolo si può propagare per seme, per talea semilegnosa, che però fatica ad emettere radici, e per polloni radicati, sfruttando la forte attitudine pollonifera della specie. Le piante ottenute da seme sono caratterizzate da un ottimo ancoraggio al suolo, da una lenta messa a frutto e da una forte eterogeneità. I semenzali di almeno due anni di età vengono messi a dimora, l’anno successivo all’impianto si effettua l’innesto in campo con materiale proveniente da piante di buone caratteristiche. Viene allevato a forma libera adottando sesti d’impianto di 4-5 X 5 m. In fase di allevamento la potatura consiste nella predisposizione di fusto e branche; una volta entrata in produzione gli interventi sono limitati in quanto il corniolo fruttifica prevalentemente sui dardi di 2-3 anni e consistono nell’asportazione delle formazioni fruttifere esaurite e degli eventuali polloni.

La concimazione viene effettuata interrando vicino alle piante del concime organico a fine inverno; il corniolo si irriga da marzo a settembre nell’anno della messa a dimora, mentre dopo qualche le piante si accontentano delle piogge in quanto abbastanza resistenti alla siccità.

Le corniole maturano nei mesi di luglio e agosto, la raccolta si effettua manualmente.


Corniolo - Cornus mas: Utilizzo della pianta

Il corniolo è una pianta che può essere utilizzata a scopo ornamentale in parchi e giardini per la fioritura precoce ed il colore dei frutti.

Il legno è molto duro e serve a svariati usi; nell’antichità si utilizzava parecchio per la fabbricare i raggi delle ruote ed i manici degli attrezzi agricoli. Gli antichi Persiani, i Greci ed i Romani utilizzavano il legno del corniolo per fabbricare armi come le aste di giavellotti, le lance e le frecce.


  • corniolo frutto

    corniolo frutto Il nome scientifico del corniolo è Cornus mas ed appartiene alla famiglia delle Cornacee. Originaria dell’Africa e dell’
    visita : corniolo frutto
  • corniolo albero

    corniolo albero Il corniolo, il cui nome scientifico è “Cornus mas”, è un arbusto a foglie caduche che appartiene alla famiglia delle Co
    visita : corniolo albero

commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


00:42:23 -
hans - commento su Corniolo - Cornus mas
dopo anni, oramai la pianta ha un diametro di 5cm pur fiorendo non porta frutto...cosa ne faccio? devo abbatterla o aspettare ancora?