Il mandorlo

Come e quando irrigare il mandorlo

Il mandorlo è una pianta robusta, tanto che può resistere per lunghi periodi alla mancanza di acqua. Ovviamente, però, l'irrigazione è necessaria sia che si tratti di una pianta da frutto che da ornamento. Infatti l'acqua è l'elemento essenziale per avere una cospicua fioritura prima e una conseguente produzione di frutti dopo. È necessario progettare un impianto di irrigazione, poiché il mandorlo ha necessità di essere bagnato costantemente per un determinato periodo, quindi sono necessari irrigatori a goccia o micro-irrigatori a spruzzo. Le irrigazioni sono accentuate nei periodi caldi, eseguite più volte al giorno per tenere il suolo costantemente umido, sono diradate in inverno poiché il riposo vegetativo non richiede molta acqua che tra l'altro viene fornita dalle precipitazioni più frequenti nel periodo autunnale e invernale.
fioritura del mandorlo

Melograno Punica Granatum Pianta Astoni in vaso di Melograno Punica Granatum - Astone in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Curare il mandorlo

mandorlo pianta Il mandorlo non richiede cure particolari, ma è essenziale seguire alcuni accorgimenti. Innanzitutto bisogna preparare il terreno che deve essere ben lavorato. Quindi se si tratta di una pianta da frutto si procederà ad arare in profondità il terreno. Se invece il mandorlo è coltivato per i suoi fiori verrà utilizzato un compost di torba e sabbia sia per le piante messe a dimora in giardino che per quelle in vaso. Ogni esemplare deve essere piantato ad una profondità che va dai 70-80 cm in aperto terreno ai 30-40 cm in vaso. Attenzione richiede anche il numero di piantine presenti in una area circoscritta, in terreno ogni pianta di mandorla sarà distante da una sua simile a circa 6 metri. Diversamente, in vaso, per poter avere la giusta impollinazione, si cercherà di avere un unico esemplare. La fioritura e la conseguente produzione di frutto si avrà dopo 3-4 anni dalla sua semina.

  • Mandorlo in Fiore Il mandorlo (Amygdalus communis) appartiene alla famiglia delle Rosacee ed alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee; si divide nelle sottospecie amara (mandorlo amaro), sativa (mandorlo dolce co...
  • fiorimandorlo1 La fioritura del mandorlo segna quasi sempre l’inizio della primavera e delle prime giornate tiepide e fresche. Quando sui rami dell’albero compaiono i primi fiorellini bianchi o rosati è segno che la...
  • Frutto di Anacardio con foglie L’anacardio appartiene alla famiglia delle Anacardiacee, al genere Anacardium ed alla specie occidentale. È un albero di medio sviluppo alto non più di 10 m, con una corteccia ricca di canali resinife...
  • olio2 L’olio di mandorla è la sostanza emolliente che si ricava dal seme del mandorlo. Si tratta di una sostanza dalle innumerevoli proprietà benefiche, impiegata con successo nella cosmesi e nei trattament...

TAP-TRAP® - IL TAPPO TRAPPOLA - LA VERA ESCA ECOLOGICA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,49€


Concimare mandorlo

Il fiore del mandorlo Il mandorlo ha bisogno di una giusta quantità di sostanza organica. Il fertilizzante più importante è all'azoto, da aggiungere soprattutto ai terreni sabbiosi, ricchi di sali minerali. In genere la scelta da seguire è quella di usare prodotti biologici come i concimi organici ricchi di azoto che lo rilasciano lentamente per periodi lunghi, anche per diversi mesi. In alternativa si possono utilizzare prodotti chimici da somministrare in fase di irrigazione. La concimazione deve essere fatta sia in autunno che in primavera-estate, va fatta regolarmente dall'impianto fino alla fioritura e alla comparsa dei frutti. In fase di maturazione delle mandorle va interrotta. Altri elementi chimici da aggiungere sono il fosforo, il potassio, il magnesio e in quantità minime lo zinco, il boro, il calcio e il ferro.


Il mandorlo: I principali parassiti del mandorlo

Il trattamento con antiparassitari I mandorli soffrono dell'attacco di parassiti come ragni, cocciniglie, insetti come tignole. Poiché il più delle volte il frutto è destinato all'alimentazione, si consiglia di utilizzare metodi biologici ed eco-sostenibili, come l'introduzione di insetti e predatori utili. Con questi metodi naturali si ottiene un prodotto incontaminato, naturale sia per l'uomo che per l'ambiente. Queste piante soffrono anche di malattie originate dall'attacco di funghi, che si sviluppano a causa di un'eccessiva irrigazione o alla vicinanza di zone ad alta umidità. Tra le malattie fungine alcune sono molto gravi come la gommosi della corteccia, il mal del piombo e la citospora. In alcuni casi l'attacco avviene dalle radici, provocando il loro marciume e il conseguente deperimento della pianta. In questi casi la manifestazione avviene già in tarda primavera, i trattamenti saranno adottati all'inizio dell'estate dopo la raccolta del frutto. Per quando riguarda il mandorlo in vaso soffre dell'attacco di afidi e ragnetti: questi sono debellati con l'utilizzo di trattamenti chimici ma anche naturali come l'irrorazione con una soluzione di acqua decantata con della cenere di legna.



COMMENTI SULL' ARTICOLO