Gelso - Morus spp.

Generalità

Il gelso appartiene alla famiglia delle Moracee ed al genere Morus, all’interno del quale si annoverano soprattutto due specie: il gelso bianco (Morus alba) ed il gelso nero (Morus nigra).

Il primo è utilizzato prevalentemente per l’allevamento del baco da seta, in quanto il fogliame è molto appetito dal filugello, mentre il gelso nero è interessante per la sua produzione frutticola.

Il gelso bianco è un albero in genere alto 10-12 m, se lasciato crescere liberamente è in grado di raggiungere i 20 m d’altezza; è molto longevo, con un’età media di 100 anni, ma ci sono anche esemplari plurisecolari.

Le radici sono profonde, robuste e di color giallo-aranciato, il tronco è eretto, dotato di ramificazioni irregolari e, negli individui adulti, raggiunge un diametro di circa 70 cm; è rivestito da una corteccia bruno grigiastra, screpolata, reticolata a piccole scaglie. La chioma è tondeggiante ed ampia, i rami sono di un colore grigio tendente al giallo, lisci e con lunghi internodi, le gemme sono relativamente piccole, larghe alla base ed appuntite all’apice. Le foglie sono caduche, alterne, lisce, di colore verde lucente non molto scuro, non molto grandi, di lunghezza variabile dai 7 ai 14 cm e larghezza tra 4 e 6 cm, di forma ovato-acuta e con un margine irregolarmente dentato. I fiori sono unisessuali ed entrambi si possono trovare sulla stessa pianta, quelli maschili sono raggruppati in piccoli amenti ed i fiori femminili in infiorescenze di forma ovale.

Il gelso nero è un albero più piccolo rispetto al bianco, è dotato di rami grigi o scuri, di foglie piuttosto piccole, divise in lobi o intere, appuntite all’apice, con un bordo molto seghettato, di color verde scuro e ruvide; è proprio per quest’ultimo motivo che il fogliame è poco appetito dal filugello.

Esemplare isolato di Gelso


Frutti

Dalle infiorescenze femminili si origina il frutto, chiamato anche sorosio o mora di gelso.

Il sorosio ha la forma di un lampone allungato ed è provvisto di un breve peduncolo, è un’infruttescenza formata dagli involucri fiorali divenuti carnosi, ossia da piccoli frutticini a forma di drupa (falsi frutti). Le more del gelso bianco sono lunghe 3-4 cm, di un colore bianco-giallastro, con un sapore dolciastro ed a maturazione, in luglio, cadono con il peduncolo che rimane attaccato; sono molli per cui mal sopportano il trasporto. Le more del gelso nero sono nere, succulente, mediamente consistenti, con un sapore dolce-acidulo e, quindi, più saporite rispetto a quelle del gelso bianco, infatti sono destinate alla produzione di confetture e sciroppi.


  • Gelsomino

    gelsomino1-1 Il gelsomino, nome botanico Jasminum L. comprende oltre 200 diverse specie di piante arbustive, rampicanti e sempreverdi. Quelle coltivate nei nostri giardini sono un rampicante sempreverde che serve ...
  • Gelsomino (Jasminum Officinale)

    Gelsomino Jasminum Officinale E’ una delle piante dal gusto più classico ed elegante da posizionare all’interno del proprio giardino: il tradizionale gelsomino, noto anche come Jasminum Officinale, offre bianchi e candidi fiori pe...
  • Gelsomino (Jasminum Polyanthum)

    Gelsomino (Jasminum polyanthum) Il gelsomino “jasminum polyanthum” è una pianta rampicante appartenente alla vasta famiglia delle Oleaceae, che conta oltre 300 specie di arbusti rampicanti. Il gelsomino, in particolare, è originario...
  • Gelsomino sempreverde (Trachelospermum jasminoides)

    Gelsomino sempreverde Il Trachelospermum è un rampicante sempreverde che conta oltre trenta specie arbustive di origine asiatica: come ogni gelsomino, si adatta a diversi tipi di climi e ambienti e può quindi crescere anch...


Clima e terreno

I gelsi preferiscono i climi temperati, hanno una buona resistenza al freddo, al vento ed all’inquinamento atmosferico, infatti sono piante molto utilizzate per le alberature stradali.

Il gelso nero resiste meglio del bianco alle basse temperature invernali, per cui può crescere fino ad un’altitudine di 1000 m. In fatto di terreno sono piante molto adattabili, vegetano bene anche su suoli argillosi pesanti, asciutti e rocciosi, però prediligono terreni sciolti, profondi, ben drenati e ben riforniti di sostanza organica. Il gelso bianco è originario della Cina ed è stato introdotto in occidente assieme al baco da seta, mentre il gelso nero è spontaneo del bacino orientale del Mediterraneo; entrambi vanno esposti al sole oppure in zone semi-ombreggiate, in Italia sono presenti lungo i canali o ai bordi dei campi nella pianura padana ed in zone collinari.


Gelso - Morus spp.: Tecniche di coltivazione

Il gelso si moltiplica per seme e per talea, nel primo caso i semenzali di due anni vanno messi a dimora in autunno o in primavera e l’anno seguente, a causa dell’eterogeneità del materiale e per anticipare la messa a frutto, viene effettuato l’innesto in campo. Prima dell’impianto viene eseguita una lavorazione profonda del suolo, in seguito si apporta del concime minerale complesso. Nel caso della bachicoltura le piante vanno disposte in filari con sesti d’impianto di 4 X 4 o di 5 X 5 m, mentre se messe a dimora in parchi o giardini a scopo ornamentale gli alberi devono essere distanziati tra loro almeno 7-8 m; nell’arredo a verde è preferibile impiegare varietà col solo fiore maschile in quanto sono sprovviste dei frutti che cadono a terra. Con la potatura di allevamento si formano il fusto principale e la testa di moro, punto in cui si sviluppano i rami; in fase di produzione va effettuato un taglio netto al tronco oppure alla testa di moro, detto sfrondatura, e si staccheranno le foglie dai rami eliminati manualmente o meccanicamente. Per la produzione delle more la potatura si esegue ogni 2-3 anni con lo scopo di favorire il rinnovamento della vegetazione; inoltre concimazioni autunnali periodiche garantiscono una fruttificazione abbondante. L’irrigazione è importante per le piante giovani, bisogna intervenire durante i mesi estivi più caldi nei due anni successivi alla messa a dimora, mentre le piante adulte sopportano anche lunghi periodi di siccità. Il gelso è una pianta rustica, per cui è poco soggetta ai parassiti, talvolta si possono verificare attacchi di insetti minatori fogliari.


Guarda il Video
  • potatura gelso

    potatura gelso Tra le varie occupazioni che rientrano sotto il nome di fai da te, una è quella del giardinaggio, un' attività che richi
    visita : potatura gelso

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: