Geranio

Quello che conosciamo come geranio si chiama, in realtà, Pelargonium o pelargonio, pianta a fiore originaria del Sud Africa. Il pelargonio che comunemente chiamiamo geranio è proprio la specie che viene coltivata sui balconi delle nostre case. L’ampia diffusione di questa pianta è dovuta alla sua facilità di coltivazione, alle sue scarse esigenze colturali e all’adattabilità anche ad estreme condizioni di temperatura ed esposizione solare. La facilità di adattamento del geranio a condizioni diverse, gli consente di fiorire per quasi tutto l’anno e di arricchire la resa ornamentale di qualsiasi ambiente domestico.

Oltre al Palergonium , esistono altri due generi di gerani, chiamati Geranium ed Erodium. Queste famiglie di piante comprendono oltre quattrocento specie, a cui si aggiungono numerosi ibridi ottenuti con diversi incroci tra i vari generi di geranio. Questa ampia varietà di piante permette di scegliere gerani con fiori dalla colorazione molto diversa tra loro. Esistono, ... continua


Articoli su : Geranio


1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • Geranio macranta

    Geranio macranta Per riuscire a coltivare adeguatamente un Geranio macranta e farlo sviluppare in maniera ottimale, sarebbe opportuno sapere come curarlo utilizzando i terreni ideali, la giusta esposizione solare e in
  • Malattie dei gerani

    Gerani sani, belli e fioriti La salute del geranio è nelle nostre mani, ecco quali sono gli accorgimenti da adottare per creare l'ambiente ideale perché possa crescere, prosperare e mantenersi sano e forte, quali sono le principa
  • Geranio odoroso

    Fiori di geranio odoroso Il geranio odoroso è una pianta molto profumata. E' sufficiente sfiorare le foglie per far sprigionare gli oli essenziali che contengono. Si possono reperire presso i vivai o nei negozi di fiori del c
  • Geranio edera

    geranio edera I gerani edera sono fiori facili da coltivare, sopravvivono a lungo con qualche facile accorgimento e in cambio regalano dei balconi fioriti con infinite varietà di colori. Il geranio edera deve il su
  • Come curare i gerani

    Gerani Il Geranio è una pianta che non necessita di moltissime cure, ciononostante è importante conoscere adeguatamente la pianta per poterla coltivare nelle migliori condizioni possibili. Quindi è essenzial
  • Gerani in inverno

    I colori dei gerani in inverno I gerani sono le piante da giardino più popolari. Al centro del giardino, i gerani vengono di grandi dimensioni; questo li rende più costosi di altre piante. A differenza di molte piante similari, i g
  • Geranio parigino

    Geranio in vaso Originario del Sudafrica è il più popolare fra i fiori da balcone. Ama le zone assolate ma predilige quelle a mezz'ombra dove può dare il meglio della fioritura. Il geranio parigino è il re di terraz
  • Concime per gerani

    Bellissimo fiore di geranio Tutto ciò che c'è da sapere sulla concimazione dei gerani. Prima vengono descritti caratteri comuni e necessità dei gerani. Poi le varie tipologie di concime. Viene infine suggerito come e quando forn
  • Fiori gerani

    Geranio rosso Il nome scientifico dei fiori gerani è Pelargonium. Ne esistono differenti varietà ed altrettante colorazioni dei fiori che possono essere rosa, violetto, rosso, fucsia, bianco e arancione. Tutte tona
  • Gerani coltivazione

    Composizione di gerani dalle diverse colorazioni La coltivazione dei gerani è facilmente realizzabile e produce grandi soddisfazioni. Il rapido sviluppo insieme alla fioritura rigogliosa, permette di decorare i propri spazi velocemente, ottenendo me
  • Gerani inverno

    Potatura dei gerani I gerani amano temperature miti e in inverno sono da evitare neve, gelo, vento. Vanno riposti in ambienti non troppo freddi, come un garage, un ripostiglio luminoso o mini serre da sistemare in un ang
  • Gerani odorosi

    Fiori e foglie del Pelargonium odoratissimum I Gerani odorosi della specie conosciuta con il nome di Pelargonium odoratissimun, dall'aroma di mela oppure gli esemplari detti Pelargonium radens, dall'odore limonaceo. Le varietà chiamate Pelargoni
1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , infatti, gerani dai fiori fucsia, bianchi, rossi, rosa e arancio. Ogni specie presenta diverse caratteristiche e peculiarità, ma in linea di massima, le regole di coltivazione del geranio sono simili per qualsiasi varietà. Come detto al precedente paragrafo, il geranio annovera diverse specie e varietà di piante. In natura ne esistono tantissime, oltre a numerosi ibridi creati da abili florovivaisti. In questa sede sarebbe impossibile elencarle tutte, per cui ci limiteremo a ricordare quelle più importanti, più conosciute o maggiormente coltivate. Tra queste spiccano il pelargonium zonale, il pelargonium odorantissimum, il pelargonium grandiflorum, il geranio edera ed il geranio di Boemia. Il pelargonium zonale è un ibrido che fiorisce praticamente tutto l’anno. Questa specie presenta un fusto cespuglioso e foglie di colore verde a forma di cuore. I fiori possono avere un colore rosso, arancio o rosa. Il pelargonium odorantissimo è un geranio dalle foglie molto profumate. Queste foglie emanano un profumo simile alla mela. I fiori di questa varietà sono molto piccoli e di colore bianco. Il pelargonium grandiflorum , chiamato anche geranio imperiale, si adatta anche alle basse temperature. I fiori di questo geranio sono grandi e di colore rosa intenso; le foglie sono costellate di frange ai bordi. Il geranio imperiale, dopo un periodo di oblio, è tornato di moda proprio negli ultimi anni. I cultori del giardinaggio sono tornati ad apprezzarlo per la sua facilità di coltivazione e la sua adattabilità a qualsiasi condizione di clima, umidità e temperatura. Il geranio edera si presenta con fiori rosa o aranciati a quattro petali e con foglie simili all’edera. Il geranio di Boemia presenta, invece, foglie palmate e steli che portano stupende infiorescenze bianche. Di solito, il geranio fiorisce durante tutto l’anno. Per tale caratteristica viene anche classificato tra le specie rifiorenti. Esistono anche gerani non rifiorenti e adatti ai climi freddi e rigidi. Queste piante, infatti, fioriscono una volta l’anno e riescono a svilupparsi anche alle basse temperature. La scelta tra una specie rifiorente o meno dipende quindi dal clima dove la stessa sarà coltivata e dai gusti personali. La colorazione dei fiori di geranio permette, inoltre, di creare degli interessanti abbinamenti con le altre piante. Accostare tra loro vasi di geranio e vasi con altre piante permette di sbizzarrirsi nella creazione di accostamenti cromatici e di esaltare la resa estetica di qualsiasi spazio e di qualsiasi superficie.

Il geranio può essere annoverato tra le piante più semplici da curare e coltivare. La pianta ama le posizioni soleggiate, ma si adatta bene anche all’esposizione a mezz’ombra. Per evitare shock termici, il geranio dovrebbe essere coltivato a una temperatura di circa venticinque gradi. La temperatura invernale, invece, dovrebbe essere mantenuta sempre intorno ai quindici gradi. Come pianta da balcone e da terrazzo, il geranio va coltivato in vaso. Per favorire l’assorbimento dell’acqua e la respirazione della pianta, ricordate di rimescolare periodicamente il terriccio e di rimuovere la crosta che si forma sulla superficie del contenitore. Anche se si adatta alle posizioni areate, il geranio non gradisce l’eccessiva ventilazione.Il geranio è una pianta che non ama i terreni troppo acidi. Per evitare sintomi da eccesso di acidità, si consiglia di correggere il Ph del terriccio aggiungendovi un po’ di carbonato di calcio. Il substrato ideale per la pianta va preparato con torba ed argilla. Queste sostanze si mettono in un vaso che non deve essere troppo grande. I grandi contenitori, infatti, causano un eccessivo sviluppo delle radici della pianta. Il rinvaso del geranio si effettua ogni anno in primavera. Prima del trapianto è utile liberare il vecchio terriccio dalle radici. E’ consigliabile anche tagliare quelle troppo grandi, perché l’eccessiva crescita di queste strutture vegetali danneggia la resa estetica della pianta. Il geranio va concimato da aprile fino all’ inizio dell’ autunno. I concimi da usare sono liquidi e vanno aggiunti all’acqua di irrigazione. I concimi ideali per il geranio devono contenere un titolo di potassio superiore al fosforo e all’azoto, in modo da stimolare la fioritura. Durante le altre stagioni e dopo la fioritura , il geranio va, invece, concimato usando fertilizzanti composti da azoto, fosforo e potassio in parti uguali. I concimi devono anche essere arricchiti da microelementi quali ferro, rame, zinco, boro, manganese e molibdeno, tutti utili per la sana crescita della pianta. Per non commettere errori, si consiglia di diminuire leggermente le dosi di concime rispetto a quanto segnalato nella confezione di acquisto. Anche in fatto di irrigazione il geranio non presenta eccessive esigenze. Le regole della corretta irrigazione della pianta sono infatti simili a quelle di molte altre specie coltivate in vaso. Le irrigazioni devono essere regolari, ma evitando i ristagni idrici. L’eccesso di acqua, infatti, nella maggior parte dei casi, provoca marciumi radicali. Il geranio va irrigato più a primavera e in estate, mentre nelle altre stagioni, l’acqua va data in maniera più sporadica. A primavera, la pianta va bagnata almeno tre volte a settimana, mentre in estate, anche tutti i giorni. Le irrigazioni devono colpire solo la base del terriccio e non la pianta. Il substrato deve essere bagnato completamente. La successiva irrigazione va effettuata solo quando il terriccio appare completamente asciutto. Per migliorare la resa ornamentale del geranio, è consigliabile tagliare le foglie secche o ingiallite. Queste vanno rimosse a un centimetro dall’attaccatura dello stelo, in modo proteggere la pianta da eventuali attacchi di parassiti che potrebbero penetrare all’interno dei tagli di potatura. Di norma, le foglie secche si eliminano appena si formano, in modo da impedire che queste diventino veicolo per i parassiti vegetali. Nel geranio giovane si consiglia anche di cimare i germogli apicali, in modo da stimolare lo sviluppo dei rami laterali. La pianta si pota anche quando iniziano ad appassire i fiori. Questi vanno tagliati all’altezza delle prime due foglie, in modo da impedire alla pianta di sprecare energia per la formazione dei semi. Il geranio, infatti, viene coltivato per la bellezza dei suoi fiori, che vanno mantenuti sempre sani, freschi e colorati. L’unico metodo di moltiplicazione del geranio è la talea. Con questo metodo si mettono a dimora dei rametti ( talee) che vanno prelevati a fine estate dai germogli più robusti della pianta. Le talee devono essere lunghe almeno dieci centimetri e vanno tagliate appena sotto il nodo di attaccatura del fusto. Per questa operazione si usa un coltello ben affilato e disinfettato. I rametti vanno poi ripuliti dai fiori e dalle foglie basali e vanno trattati con degli ormoni radicanti e con fungicidi ad ampio spettro per prevenire eventuali infezioni. Dopo i trattamenti, le talee vanno inserite in un vaso composto da torba e sabbia. La miscela deve ricoprire i rametti fino all’altezza delle foglie. Il contenitore, posto all’ombra, va tenuto con il terriccio costantemente umido e a una temperatura di circa diciotto gradi. Il vaso va coperto con un telo di plastica da non far entrare in contatto con il terriccio. Questo telo va sollevato ogni giorno per rimuovere la condensa che si forma al di sotto della sua superficie. Con le giuste condizioni di umidità e temperatura, le talee di geranio attecchiscono entro un mese. Dopo la radicazione, le nuove piantine vanno trasferite su un altro vaso e coltivate come le piante adulte.Il geranio è una pianta che può subire gli attacchi di parassiti e malattie. Di solito, le malattie vegetali e le infezioni parassitarie si manifestano a causa di errori colturali. Se, ad esempio, foglie e fusto ingialliscono, è probabile che si tratti di cattiva illuminazione. In tal caso è meglio spostare la pianta in uno spazio più soleggiato o più luminoso. Se il fusto, invece, si annerisce, è quasi certo che si tratta di marciume, fastidiosa malattia fungina causata da scarso drenaggio, umidità eccessiva ed irrigazioni abbondanti. Quando il marciume attacca il fusto della pianta, non è più possibile intervenire. In questo caso si può solo rimuovere la pianta e il terriccio per evitare infezioni alle piante vicine. Il geranio è anche una specie molto suscettibile agli attacchi degli insetti. Tra questi: cocciniglie, ragnetto rosso e afidi. Le cocciniglie che attaccano il geranio sono quelle brune e farinose. Le prime provocano macchie brune sulla pagina inferiore delle foglie, mentre le seconde causano delle macchie bianche sempre nella stessa zona fogliare. Le cocciniglie si possono rimuovere manualmente tramite cotone imbevuto con alcool o con lavaggi fogliari a base di acqua e sapone. Il ragnetto rosso causa invece ingiallimento e puntini marroni sulle foglie. Questo parassita è un acaro che attacca le piante in condizioni di scarsa umidità. Per combatterlo, si possono effettuare delle nebulizzazioni sulla chioma, che inibiscono la proliferazione dell’insetto. Gli afidi, invece, pungono le foglie del geranio succhiando la linfa vegetale. In caso di infezioni estese, cocciniglie, afidi e ragnetto rosso vanno debellati con antiparassitari specifici.


Guarda il Video