Cocciniglia che cos'è

La cocciniglia

L'insetto che normalmente indichiamo come cocciniglia, nella realtà, si compone di diverse specie, sebbene con caratteristiche simili. Nel loro insieme formano uno dei più temibili raggruppamenti di insetti dannosi. Anche le dimensioni variano moltissimo: si passa dai pochi millimetri di alcune specie fino ad arrivare al mezzo centimetro in altre. I maschi sono alati, mentre le femmine non possiedono ali e sono dotate di piccole zampe che in alcuni casi perdono dopo aver deposto le uova. Va detto che la femmina della cocciniglia è caratterizzata da una forte regressione che ne influenza l'anatomia, la morfologia e anche la funzionalità: basti pensare che in alcuni casi le femmine perdono le zampe a seguito della ovodeposizione, diventando, di fatto, un semplice contenitore per le uova.
Cocciniglia su cactus

Bayer Borneo insetticida acaricida contro il ragnetto rosso 40 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,11€


La riproduzione

Maschio e femmina di cocciniglia La cocciniglia ha modalità riproduttive diverse da specie a specie: generalmente è ovipara, ma non mancano le specie ovovivipare e quelle vivipare. Inoltre possono essere presenti ermafroditismo o partenogenesi. Lo sviluppo avviene in tre stadi: la deposizione dell'uovo, la larva e l'adulto. Lo sviluppo della larva femmina passa per tre - quattro stadi, mentre quella del maschio ne ha cinque. Nell'adulto la femmina rimane fissata alla pianta ospite, dalla quale trae il suo nutrimento e depone le uova, mentre il maschio è in grado di muoversi grazie alla presenza delle ali. Il numero di generazioni che si creano è molto variabile ed è estremamente influenzato dal clima e dalla specie di appartenenza: nei climi equatoriali o semplicemente in ambienti protetti (come le serre) il numero delle generazioni che si sviluppano è più alto.

  • afidi6 Chiamati anche “pidocchi delle piante” o insetti “succhiatori”, sono considerati tra i più temibili parassiti vegetali. Stiamo parlando degli afidi, insetti molto diffusi tra le piante ornamentali e c...
  • Celosia Nonostante l'esistenza di varie specie, che si differenziano per forma e colore, la celosia è una pianta d'appartamento facilmente riconoscibile per via delle accese tonalità che caratterizzano le sue...
  • Cura delle orchidee Le orchidee sono piante dotate di immenso fascino, per via della particolare forma dei fiori e dei loro colori sgargianti, che possono variare notevolmente da specie a specie. Le orchidee sono piante ...
  • L Impossibile resistere al fascino delle ortensie: gli arbusti raggiungono grandi dimensioni e premiano ogni amante del giardinaggio con ampie infiorescenze sferiche dai colori sgargianti e dall'intenso...

Mighty Wash 1L NPK Industries

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,44€


L'alimentazione della cocciniglia

Larva di cocciniglia La cocciniglia ha una dieta caratterizzata da un alto rapporto carbonio/azoto a causa, soprattutto, della sua scarsa mobilità e dalla specializzazione nella fitofagia; caratteristica, quest'ultima, che condivide con psille, afidi ed aleurodidi. Questo spiega anche perché attacca più volentieri piante che ricevono concimazioni azotate e irrigazioni abbondanti e costanti nel tempo. Pertanto il suo cibo è caratterizzato dalla linfa che scorre nelle piante ospiti e i prodotti di scarto che si originano da questa dieta sono acqua e zuccheri, di cui l'animale si disfa con la produzione della melata. Quella stessa melata che producono i suoi cugini afidi e di cui vanno ghiotte le formiche che fungono da veri e propri protettori nei suoi confronti (la presenza di queste ultime sulle piante è sempre un campanello d'allarme che sta suonando), come succede con gli afidi.


Cocciniglia che cos'è: La lotta alla cocciniglia

Colonia di cocciniglie La cocciniglia è facilmente individuabile, poiché la femmina adulta si protegge con la secrezione di sostanze esterne. Le sostanze hanno tutte la caratteristica di indurirsi e produrre una sorta di "scudetto" protettivo che rende le femmine resistenti alle avverse condizioni climatiche ed addirittura agli insetticidi per contatto. Questo, insieme al fatto che la cocciniglia è in grado di colpire organi differenti delle innumerevoli piante che colpisce, fa di lei uno degli insetti più temibili. La lotta preventiva si attua mantenendo le chiome delle piante arieggiate. In presenza di una leggera infestazione è possibile asportare manualmente le cocciniglie, utilizzando un batuffolo di cotone imbevuto di alcool. La lotta chimica, invece, si attua con l'uso dell'olio bianco, meglio se in concomitanza a piretro o malathion, per migliorarne l'efficacia.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO