Olivo

L'irrigazione

L'olivo non ha bisogno di una quantità eccessiva di acqua, ma un periodo di siccità troppo lungo può causare ingenti danni al raccolto. Si consiglia, pertanto, di limitare le irrigazioni nel periodo invernale, anche sulla base dell'andamento delle precipitazioni; in estate, invece, le risorse idriche somministrate devono essere maggiori, anche perché alla fine della stagione calda le olive riprendono il proprio sviluppo interrotto al termine della primavera e necessitano di più frequenti annaffiature. Se così non accadesse, la qualità dei frutti ne risentirebbe non poco. In ogni caso devono essere evitati i ristagni idrici, che provocano marciumi alle radici. Un ottimo metodo di irrigazione è quello a goccia, che permette di bagnare la superficie del suolo o direttamente le radici con getti sottili.
I frutti dell'olivo

OLIPLUS KG 25 - CONCIME GRANULARE ORGANO MINERALE PER OLIVI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€


Come coltivare e curare l'olivo

Un esemplare di olivo Il terreno ideale per la coltivazione di questa pianta è profondo, ben drenato, povero di argilla e dotato di un ph neutro o basico. Prima della messa a dimora è essenziale lavorare il suolo, rompendone lo strato più in superficie per renderlo più areato ed eliminando le erbe infestanti; dopo l'impianto bisogna eseguire un'operazione di pacciamatura con materiali organici come la paglia, così da migliorare la fertilità ed il drenaggio del terreno. È importante potare la pianta annualmente, tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera, per eliminare i rami vecchi e favorire la crescita di quelli più piccoli; vanno rimossi anche i rami interni che ostacolano l'apporto generale di luce. I tagli effettuati devono essere netti, ed a tale scopo è fondamentale servirsi di cesoie affilate e disinfettate.

  • pianta di ulivo in giardino Un giardino di casa non è per forza il luogo dove far crescere qualche bella piantina da fiori, oppure dove far giocare i bambini mentre noi ci dilettiamo a potare o sistemare qualche specie di pianta...
  • olivo3 La potatura è una tecnica colturale che serve a migliorare la crescita delle piante e la loro fruttificazione. Infatti, questa tecnica viene abbondantemente praticata sugli alberi da frutto, sia ornam...
  • Concimazione olivo La concimazione è un'operazione che non deve essere vista come una mera aggiunta facoltativa di sostanze nutritive, per ottenere una più generosa produzione di olive e una pianta più produttiva. Si tr...
  • Olivo sano. Se si vuole ridurre al minimo il pericolo di avversità e malattie per l'olivo è necessario e basilare favorire la ventilazione e l'insolazione della vegetazione. Questo è possibile grazie ad un'adegua...

Vivai Gardenhome - Olivo Taggiasca

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,5€


La concimazione

Un olivo correttamente concimato Prima dell'impianto bisogna eseguire una concimazione preliminare, utilizzando fertilizzanti naturali come il letame; successivamente si consiglia di concimare due volte all'anno, a inizio primavera e durante l'estate, conciliando con le sostanze organiche un prodotto a base di potassio, fosforo e azoto. Questi tre macroelementi sono fondamentali per un corretto sviluppo della pianta: il primo migliora la qualità dei frutti, il secondo rafforza le radici ed il terzo favorisce la crescita delle parti vegetative. Ugualmente importanti sono i microelementi, che a loro volta devono essere contenuti nel concime adoperato; tra questi vanno menzionati il magnesio, lo zinco, il manganese, il boro ed il rame. Il fertilizzante può essere somministrato anche in forma liquida, insieme all'acqua delle irrigazioni.


Olivo: Esposizione, malattie e parassiti

La mosca dell'olivo L'olivo ha bisogno di un'esposizione luminosa e soleggiata; predilige ambienti con clima temperato, non troppo umidi ed al riparo da venti eccessivi. Può sopportare le basse temperature, ma è necessario, per la salute della pianta, che esse non scendano al di sotto dei -5 °C. Molto fastidioso, tra le malattie fungine, è l'occhio di pavone, che si manifesta con macchie sulle foglie e ne provoca la caduta, unitamente al disseccamento dei rami; si raccomandano, per la cura, prodotti a base di ossicloruro di rame. Nociva è anche la carie del legno, la quale si può riconoscere da rigonfiamenti o depressioni sulle parti legnose e richiede l'utilizzo di anticrittogamici specifici. Come parassita, molto temuta è la mosca delle olive, la quale si nutre dei frutti ed è contrastabile sia con soluzioni chimiche, sia con apposite trappole per la cattura.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO