Olmo albero

L'annaffiatura dell'olmo albero

L'annaffiatura dell'olmo è una delle parti più importanti della cura della pianta. Il numero di volte che un albero deve essere innaffiato dipende da motivi diversi, come ad esempio la sua specie, il periodo dell'anno in cui si trova, la dimensione dell'albero, il terreno dove è piantato e il clima. Una delle cose fondamentali quando si ha un olmo è imparare ad osservarlo, e così capire quando deve essere innaffiato. Se ad esempio il terreno risulta asciutto è meglio bagnare la pianta; per capirlo, basta tastare con le dita per verificare lo stato del terreno. Si consiglia di non bagnare le piante seguendo schemi, ma di osservare prima di agire. Risulta essere fondamentale anche la miscela del terreno che si usa; solitamente viene usato un terriccio formato da akadama e ghiaia fine, ma se si usa una miscela che trattiene maggiormente l'acqua, usando più terra, sarà possibile bagnare l'olmo di meno. Si consiglia poi di non innaffiare l'olmo durante il pomeriggio, dopo che il terreno è stato scaldato dal sole, poichè con l'acqua si raffredderebbe troppo in fretta.
L'olmo

Albero Bonsai Set Regalo Olmo Cinese

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,49€


Prendersi cura dell'olmo

foglie olmo Prendersi cura di un olmo non è facile, poichè le sue caratteristiche sono particolari. L'olmo è una pianta che presenta una corteccia di colore grigio, con una superficie abbastanza liscia per gli alberi più giovani; gli olmi più vecchi hanno un colore che tende al marrone scuro e la corteccia mostra fenditure notevoli. Gli olmi hanno quindi una struttura molto grande, ma risultano eleganti, infatti vengono usati come ornamenti, sia isolati, che accompagnati da altri alberi, con lo scopo principale di alberare viali in grandi giardini e spazi verdi. La chioma dell'olmo risulta larga ed elegante e può arrivare a raggiungere un'ampiezza di circa 10 metri. Se si decide di acquistare un olmo, si consiglia di tenerlo in un luogo mite, sarebbe ideale e opportuno mantenerlo all'interno di un ambiente con una temperatura compresa tra i 15 e i 20 gradi. Tuttavia resiste molto bene anche ai climi freddi, ed ai venti.

  • liquidambar styraciflua I Liquidambar sono alberi estremamente interessanti appartenenti alla famiglia delle Altingiaceae o Amamelidaceae a seconda della classificazione adottata, il cui nome significa “ambra liquida” dato ...
  • pioppo tremulo Il Pioppo tremolo (Populus tremula) è un albero appartenente alla famiglia delle Salicaceae che arriva a 25 m di altezza al massimo, con la ramificazione ascendente che genera una chioma rada e globos...
  • potare3-1 Per ottenere una maggiore resa estetica e produttiva, si ricorre spesso a delle tecniche colturali che prevedono l’asportazione di alcune parti della pianta. L’asportazione delle parti vegetali, come ...
  • albero-1 La botanica degli alberi è una branca della botanica che classifica e censisce tutte le specie arboree. Visto che molti alberi sono coltivati sia a fini produttivi che ornamentali, la botanica di ques...

Molto Grande Olmo Cinese S Tronco Albero Bonsai 50-55 cm in vaso di ceramica e vassoio di gocciolamento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 141,35€


La concimazione dell'olmo

L'albero dell'olmo La concimazione dell'olmo è un altro momento fondamentale. Bisogna concimare in maniera regolare, specialmente durante la stagione dello sviluppo e della crescita, poichè solo così verranno portate le giuste sostanze nutritive direttamente al suolo. E' meglio fertilizzare la pianta durante la stagione intera, quindi dall'inizio della primavera fino all'autunno. Gli elementi principali dei concimi sono tre elementi: azoto, fosforo e potassio, ed ognuno ha scopi diversi. L'azoto sviluppa la crescita delle foglie e degli steli, il fosforo contribuisce ad una sana e buona crescita delle radici e il potassio aiuta l'aumento di frutti e fiori. Durante la stagione primaverile è meglio usare un concime ricco di di azoto, in estate è opportuno utilizzare concimi più equilibrati, e per l'autunno è bene concimare con un fertilizzante adatto per dare più energia alla pianta per affrontare l'inverno.


Olmo albero: Malattie dell'olmo

L'olmo pianta Le malattie dell'olmo sono diverse. Spesso accade che l'olmo venga attaccato da un fungo pericoloso, che provoca la perdita delle sue foglie e la conseguente morte dei rami della pianta. Il fungo è chiamato "Ophiostoma ulmi" e provoca la "grafiosi" dell'olmo, che colpisce la pianta all'interno, anche se esternamente non è visibile; per la precisione il fungo colpisce i vasi linfatici della pianta, bloccando la trasmissione del floema nella pianta e anche dell'acqua. Questa mancanza si noterà poi sulle foglie, che andranno a deperire ed a ingiallire, fino a seccare e poi morire con tutta la pianta. Il fungo viene attaccato da un coleottero, lo scolitide, che vive all'interno della corteccia dell'olmo, nella quale scava delle gallerie. Per prevenire questa malattia si deve più che altro mirare alla prevenzione, per limitare la diffusione della stessa. La cura delle piante ammalate consiste nell'eliminazione delle parti infette, attraverso l'asportazione delle zone attaccate dal fungo. Le parti malate vanno bruciate, mentre gli arnesi usati per la potatura dovranno essere disinfettati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO