Il tagete

Irrigazione del tagete

Il tagete forma mazzi di fiori molto gradevoli per abbellire la casa. L'unico neo è il suo profumo che molti non gradiscono perché troppo intenso e selvatico. Le annaffiature del tagete devono essere regolari, ma modeste. Questa pianta infatti non ha tante pretese, ma è capace ugualmente di mantenere colorato e completo qualunque zona verde. Il terreno ideale sarà comunque tendenzialmente secco. Se invece il tagete si coltiva in vaso l'apporto d'acqua diventa indispensabile. Tuttavia, se l'annaffiatura fosse eccessiva potrebbe provocare un risultato alquanto negativo, in particolare per la specie nana che a contatto con l'umidità potrebbe marcire. In ogni caso il tagete è una pianta molto usata soprattutto per il suo aspetto colorato e grazioso ed è inoltre molto apprezzata anche dagli ibridatori.
Fiori di tagete

Il Kit Fiori Gourmet di Plant Theatre - 6 varietà di fiori commestibili da coltivare - regalo ottimale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Coltivazione del tagete

Pianta del tagete La semina del tagete in vetro deve svolgersi possibilmente in marzo e aprile. Si coprono leggermente i semi alla temperatura giusta per ottenere una germinazione veloce. In seguito, le piantine si trasferiscono nei vassoi e si piantano a maggio. Altrimenti il tagete deve essere seminato da febbraio considerando però il clima e la disponibilità della serra riscaldata. Si utilizzano cassette con terriccio soffice da mantenere umido con vaporizzazioni oppure tenendo i contenitori in un filo d'acqua. Con una buona aerazione e idonea temperatura si elimina il rischio delle muffe, mentre la germinazione si completerà nell'arco di due settimane anche se sarà la temperatura stessa ad influenzare il risultato finale. Le piantine poi andranno trasferite nella loro sistemazione definitiva il prima possibile. Se invece sono in vaso tenerle fino alla fioritura e solo dopo trapiantarle.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Il Frutto della actinidia chinensis L’actinidia appartiene alla famiglia delle Actinidiacee ed all’omonimo genere; le specie più importanti sono Actinidia chinensis, quella maggiormente coltivata, e Actinidia arguta, avente frutti picco...
  • Piantina di Fragola con frutti La fragola appartiene alla famiglia delle Rosacee ed al genere Fragaria, il quale comprende diverse specie: la fragolina di bosco (Fragaria vesca), Fragaria virdis, adatta in terreni calcarei, Fragari...

Tagetes vendita speciale di semi patula, genuino seme capelvenere originale, calendula francese, about100 particelle / pack

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,01€


Concimazione del tagete

Tagete Il tagete non richiede un terreno particolare anche se non accetta i ristagni d'acqua. Questa erbacea si trova bene nella terra povera e leggera in quanto l'abbondanza per esempio di azoto provocherebbe lo sviluppo esagerato di foglie e poca fioritura. Per la varietà nana invece il terreno troppo ricco porta ad una crescita eccessiva con steli che si piegano facilmente. L'unico rimedio possibile è quello di usare un terriccio con sabbia. Inoltre, si consiglia sempre di formare uno strato di argilla e ghiaia sul fondo del vaso. La concimazione della pianta invece deve avvenire durante la fioritura e si deve somministrare insieme all'acqua delle irrigazioni, di norma ogni quindici giorni. Mentre nel terreno non sono necessarie particolari fertilizzazioni; al limite è possibile utilizzare un concime con potassio che aiuta la colorazione e la fioritura.


Il tagete: Esposizione e malattie del tagete

Varietà di tagete Il tagete ama l'esposizione soleggiata per fiorire, anche se si adatta facilmente a momenti d'ombra, magari al mattino. Tuttavia, questa pianta teme il freddo, quindi in inverno è bene tenerla al riparo per poi spostarla all'aperto nei mesi caldi. Il tagete è attaccato dagli afidi che sono i parassiti di questa pianta, nonostante sia sana e forte. Infatti di solito non necessita di cure specifiche perché piuttosto autonoma. Ma se si vuole una fioritura sempre abbondante è meglio pulire i capolini che sono sfioriti. Il tagete viene inserito volentieri nei giardini e negli orti per le sue radici che emettono delle sostanze utili per eliminare i nematodi, quindi lo si potrà vedere molto spesso vicino a dei rosai. Nell'orto invece il tagete bonifica il terreno troppo sfruttato dalla coltivazione di patate e pomodori.



COMMENTI SULL' ARTICOLO