Azalee

Come annaffiare azalee

L'azalea va innaffiata in maniera diversa a seconda della stagione. Ad esempio, da marzo ad ottobre la pianta va annaffiata con regolarità ed in maniera tale da evitare che il terreno risulti eccessivamente bagnato. Durante i mesi invernali invece, è possibile e consigliato ridurre la frequenza dell'annaffiatura procedendo con parsimonia. Mentre per quanto riguarda le azalee sempreverdi, si può procedere all'annaffiatura durante tutto l'anno, lasciando il terreno sempre piuttosto umido. La regola generale che si può tenere a mente per l'irrigazione della pianta è innaffiare ogni qual volta il terreno si sia asciugato completamente. Se le giornate sono particolarmente secche, è molto utile vaporizzare più volte le foglie e bagnare le aree circostanti lasciando che l'acqua evapori gradualmente.
Germogli di azalea

Compo 22556 - Concime per ortensie, azalee, camelie e rododendri, 1 l

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,62€


Cura delle azalee

Esemplare di azalea Le azalee amano un clima piuttosto temperato. Generalemente, una temperatura adeguata per la pianta va dai dieci ai venti gradi. Se in inverno si arriva a temperature più basse, è buona norma porre l'azalea a riparo ad esempio in una serra fredda o comunque, ripararla da venti freddi. E' inoltre consigliabile porre un telo isolante attorno alla pianta e coprire anche la parte aerea. In estate invece, quando le temperature superano i venti gradi, la pianta dovrebbe essere posta sotto l'ombra di conifere o grandi latifoglie, conservando sempre l'umidità ambientale piuttosto che quella del terreno. Dunque, è importante scegliere bene il luogo in cui posizionare la pianta e prendere bene in considerazione l'andamento delle stagioni durante l'anno. Maggiore sarà caldo il clima del luogo, maggiore sarà necessario il posizionamento dell'azalea in un luogo ombreggiato e fresco.

  • azalee1 Si possono coltivare in vaso e su piena terra. Si possono tenere in appartamento e all’aperto. Si possono regalare o tenere per sé, ammirandone le stupende fioriture. Stiamo parlando delle azalee, pia...
  • Azalea bianca L’essere umano ha da sempre cercato di cogliere dalla natura quante più cose positive possibili; si tratta di un percorso quasi obbligato visto che la natura è la nostra Madre Creatrice e quindi la no...
  • Giardino roccioso a effetto naturale Il luogo adatto per costruire giardini rocciosi fai da te è in pendenza per permettere all'acqua un deflusso regolare. La pendenza però non deve essere eccessiva per non avere un effetto "dilavato". P...
  • annaffiare Azalea L'azalea cresce al meglio in un terriccio costantemente umido purché dotato di un ottimo drenaggio. A tal fine, se il substrato di terra è troppo argilloso, vi si può mescolare della torba o, in alter...

TERRICCIO DI QUALITA' PER AZALEE RODODENDRI E PIANTE ACIDE IN GENERE COMPO SANA IN CONFEZIONE DA 50 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,9€


Concimazione dell'azalea

Azalea in fioritura Il substrato gioca un ruolo fondamentale nella corretta coltivazione dell'azalea. Queste piante prediligono un terreno piuttosto acido, con un ph che si aggira attorno a 5/5,5. Un ph più alto inibisce l'assorbimento delle sostanze nutritive ed è la causa della clorosi che causa l'ingiallimento delle foglie. Il terreno inoltre, deve essere ricco di sostanze organiche e privo di ristagni idrici. Per ottenere una buona fioritura è dunque bene procedere con dei concimi adatti. Generalmente, è preferibile scegliere concimi per piante acidofile, sia granulari che liquidi. Comunque, è anche consigliato procedere con parsimonia nella somministrazione del concime in quanto le azalee sono piante che non amano essere troppo stimolate, proveniendo da suoli abbastanza poveri. Si concima in genere da febbraio a metà luglio.


Azalee: Malattie dell'azalea

Azalea in giardino L'azalea è molto sensibile al tipo di terreno nel quale viene piantata. Dunque, buona parte dei problemi e delle malattie della pianta generalmente provengono da un terreno non troppo adeguato. La malattia che colpisce l'azalea con più facilità è la clorosi. Il più delle volte, è causata da un terreno troppo pesante e da un'abbondanza di carbonato di calcio. Il rimedio più frequente contro la clorosi è l'irrigatura dell'azalea con acqua e solfato di ferro. In questo modo, si abbassa il pH del terreno rendendo di nuovo possibile l'assorbimento delle sostanze nutritive. Se questo non bastasse, si può aggiungere del ferro chelato, sia in versione liquida sia tramite concimazione fogliare. E' tuttavia ampiamente consigliato procedere velocemente anche alla rinvasatura della pianta cambiando il terreno e procedendo senza commettere gli stessi errori.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO