Noce moscata - Myristica fragrans

Generalità

La noce moscata è una spezia ottenuta dalla specie Myristica fragrans, appartenente alla famiglia delle Myristicacee. È un albero di notevoli dimensioni, alto fino a 15-20 m, con una chioma tondeggiante, compatta e molto ramificata; il tronco è eretto, con la corteccia grigia. Le foglie sono sempreverdi, alterne, piuttosto grandi, di forma oblunga, con l’apice appuntito, lisce, di un colore verde scuro brillante sulla pagina superiore, mentre quella inferiore si presenta opaca ed è provvista di ghiandole oleifere. È una pianta dioica, per cui i fiori maschili e femminili si trovano su piante diverse. I fiori sono piccoli, campanulacei, peduncolati, di colore giallo crema, quelli maschili singoli, mentre quelli femminili si raggruppano in piccole infiorescenze a grappolo inserite all’ascella delle foglie; la fioritura si verifica durante tutto l’arco dell’anno. Il frutto è una drupa a forma di pera, di colore verde, che a maturità vira al giallo e si divide a metà liberando un seme ovale, grigio-marrone e legnoso: la noce moscata. Il seme è rivestito da un arillo di colore rosso brillante che in seguito diviene giallo-arancione, questo rivestimento è un’altra spezia detta macis, che risulta più aromatica della noce moscata.
Foto di Noce moscata

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre - 6 varietà da coltivare - Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Clima e terreno

L’albero della noce moscata preferisce i climi tropicali umidi, però è in grado di adattarsi anche a quelli subtropicali; va tenuto presente che non tollera le basse temperature, infatti se scendono al di sotto dei 10 °C la pianta ne risente negativamente. Le esposizioni migliori sono gli ambienti completamente soleggiati. La noce moscata predilige i terreni sciolti, fertili, ben drenati e con un buon contenuto di sostanza organica, però vegeta bene anche sui suoli vulcanici, mentre rifugge quelli compatti in quanto sono soggetti ai ristagni idrici. È una specie originaria dell’Indonesia, è diffusa anche nelle zone tropicali dell’America Centrale, soprattutto nelle Antille, mentre la principale area di produzione si concentra nelle isole Molucche.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

Easy kit Orto per gli Aromi - starter kit di semina per coltivare le piante e erbe aromatiche - istruzioni online in tempo reale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,49€


Tecniche di coltivazione

La noce moscata si moltiplica per seme o per talea in primavera, nel primo caso la germinazione è rapida però la fioritura avviene anche dopo quindici anni; mediante la propagazione per talea si anticipa di qualche anno la messa a frutto, però l’inconveniente è rappresentato dai costi elevati.

La potatura consiste nell’eliminazione dei rami secchi, danneggiati e di quelli che si sviluppano all’interno della chioma creando ombreggiamenti. La concimazione viene effettuata prima dell’impianto ed annualmente apportando del letame maturo. In assenza di precipitazioni la pianta necessita di irrigazioni, tramite le quali bisogna mantenere il terreno leggermente umido, se si eccede si possono verificare dei ristagni idrici. La noce moscata è una pianta poco soggetta ad attacchi di parassiti, nei terreni argillosi bisogna assicurare un rapido sgrondo delle acque in modo da evitare i ristagni idrici ed il successivo instaurarsi dei marciumi radicali.


Raccolta

La noce moscata matura anche tre volte all’anno se le condizioni climatiche sono favorevoli, l’epoca ottimale di raccolta si ha quando i frutti virano dal verde al giallo e si aprono in due parti.

La raccolta viene effettuata manualmente oppure mediante delle canne di bambù che provocano la caduta dei frutti, in seguito il macis e la noce moscata si separano a mano, quest’ultima si pone ad essiccare. È importante immergere i semi nella calce viva in modo da impedirne la germinazione in futuro. La noce moscata viene grattugiata prima dell’utilizzo perché l’olio essenziale volatile sprigiona tutto il suo aroma caratteristico.


Proprietà

La noce moscata ed il macis possiedono proprietà digestive, rubefacenti, carminative ed antinfiammatorie. Se assunta a piccole dosi è utile per contrastare la flatulenza, la diarrea, le fermentazioni intestinali, i gonfiori addominali, il vomito, le bronchiti, la nausea, l’insonnia ed i reumatismi. La noce moscata contiene un olio grasso da cui si ottiene il burro di noce moscata e l’olio essenziale costituito da sostanze terpeniche e da miristicina, quest’ultima provoca l’effetto allucinogeno della spezia. La noce moscata, se assunta in dosi eccessive, causa allucinazioni, euforia, sonnolenza e nei casi peggiori può condurre alla morte. L’uso di questa spezia è fortemente sconsigliato per le donne in gravidanza in quanto può provocare contrazioni dell’utero anche se consumata in bassissime dosi.


Noce moscata - Myristica fragrans: Utilizzo

Il sapore della noce moscata è dolciastro, mentre quello del macis è più amaro. In cucina nei Paesi europei viene utilizzata per aromatizzare cavolfiore, patate bollite, passati di verdura, zuppe di molluschi, stufati e pasticci di carne, dessert al formaggio, piatti a base di uova, dolci al miele, dessert alla frutta, torte ai canditi, macedonie, gelati, budini e mascarpone. La noce moscata anche entra nella preparazione di salse come la besciamella e la salsa alle cipolle, nei ripieni di ravioli e nei sughi per la pasta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO