Coltivazione lavanda

vedi anche: Lavanda

Lavanda: quando seminarla

Per cominciare è importante scegliere il periodo giusto per la semina della lavanda. Questo primo passo varia a seconda del metodo di coltivazione scelto. Nel caso si decida di piantarla direttamente nel terreno, bisognerà controllare il periodo dell'anno più adatto alla semina del prodotto. In questo caso specifico ci sono un paio di possibilità disponibili: se il clima è abbastanza mite si può procedere con l'operazione a fine autunno, mentre se il freddo invernale risulta corposo, è meglio piantare i semi (una bustina circa da 3-4 gr) all'inizio della primavera. Nel caso invece si voglia procedere con la coltivazione da talea, sarà necessario utilizzare rametti di circa 12 cm. In entrambi i casi annaffiare leggermente e senza troppa foga, per evitare di far marcire le piantine ancora allo stadio "baby".

Canova GK-JD9419 - Kit coltivazione in vaso disegnata da Julie Dodswotyh, lavanda

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,3€


Lavanda: rinvaso e annaffiatura

Campi di lavanda in UK Una volta seminata, la lavanda non ha bisogno in verità di particolari cure se si rispettano alcuni parametri principali. Sebbene sia consigliabile darle dall'inizio una dimora stabile, la procedura del rinvaso è utilizzata e non crea danni ai giovani virgulti. Sarà importante ricordare però che questa pianta ha bisogno di spazio, quindi nel caso di coltivazione esterna lasciare circa 30-40 cm tra un germoglio e l'altro. Per quanto riguarda il rinvaso invece, badare bene a farlo in primavera, preparando una buona dose di terreno fresco e drenato. Anche per quanto riguarda l'annaffiatura dobbiamo distinguere tra ambiente esterno e interno: nel primo infatti - in terra o in vaso che sia - la natura provvederà con la pioggia a nutrire le piante e solo durante l'estate sarà necessario il "rinforzo" da parte dell'uomo. In linea di massima si può affermare che per tutto l'inverno (novembre-febbraio) l'annaffiatura sarà sospesa per poi riprendere una volta al mese in primavera e in autunno. Solo d'estate si procederà a dare acqua una o due volte alla settimana, in base a quanto asciutto risulterà il terreno.

  • Ombrellone da terrazzo Sfruttare il proprio terrazzo trasformandolo in una zona adibita al relax non è sempre facile: in assenza di strutture in muratura che costituiscano una valida copertura contro la pioggia o i raggi di...
  • Grigliati in legno da giardino Decorare lo spazio verde con fiori e piante è un imperativo per gli amanti degli spazi aperti; meglio ancora se le coltivazioni si estendono a decorare anche le superfici verticali, come nel caso dell...
  • Grigliati in legno per terrazzo Delimitare il terrazzo con dei grigliati in legno significa dare vita ad una barriera protettiva che, senza creare oppressione, possa garantire la privacy di chi ne fa uso decorando allo stesso tempo ...
  • piantedaterrazzo Il terrazzo è uno spazio più limitato del giardino ma pur sempre ideale per praticare del buon sano giardinaggio. L’amore per il verde, infatti, non ha confini e può essere praticato anche in spazi ri...

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla e Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€
(Risparmi 0,09€)


Lavanda: crescita e potatura

Cespuglio di lavanda Sono necessari circa tre anni dalla semina, per avere un arbusto di lavanda al massimo del suo splendore. Le cure da riservare alla pianta non sono particolarmente complicate, essendo questa un cespuglio resistente e compatto. Alcune piccole pratiche però sono assolutamente essenziali per la buona crescita e lo sviluppo di questa specie vegetale. Ad esempio è importantissima la potatura, che viene effettuata ogni anno dopo la fioritura estiva, che varia da giugno ad agosto in base alle fasce climatiche. A inizio autunno quindi si potrà procedere a sforbiciare il cespuglio. Il primo anno verranno cimati i fusti per circa un terzo della lunghezza, in modo da garantire la crescita laterale e regolarizzare la forma del cespuglio. Gli anni successivi i tagli saranno più drastici (i rami verranno recisi a pochi centimetri dal colletto) in modo da rinvigorire e rinnovare completamente la vegetazione.


Coltivazione lavanda: Lavanda: proprietà e usi

Biscotti alla lavanda Semplice da coltivare e resistente di indole, la lavanda (in tutte le sue declinazioni) è una pianta aromatica "multitask". Utilizzata da sempre come profumatore d'ambiente e contro gli insetti infestanti, raccolta in piccoli sacchetti, è anche famosa per la versatilità dei suoi usi. Oltre ad avere effetti calmanti contro l'ansia, la nausea e i dolori intestinali, è utilizzata sotto forma di olio essenziale per cosmetici biologici rilassanti e lenitivi. I fiori essiccati inoltre possono essere utilizzati non solo per preparare saponi vegetali e decotti curativi, ma anche per realizzare deliziose ricette per dessert particolari e un po' eccentrici: graziosi e gustosi ad esempio gli shortbread - biscottini al burro famosissimi nel mondo anglosassone - aromatizzati proprio con questa deliziosa fragranza.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO