Erbe aromatiche

Come annaffiare e quanto bagnare le erbe aromatiche

Le erbe aromatiche sono piante dotate di profumi e virtù particolari. Utilizzate in cucina rendono più buono e salutare il cibo, ma sono utilizzate anche in cosmetica e per le loro proprietà medicamentose. La maggior parte di esse può essere coltivata in giardino o nei vasi sul balcone. Nel primo caso, in genere le piante si adattano facilmente al clima, se mite. Naturalmente alcune sono più resistenti al freddo, altre amano il sole e sopportano meglio i periodi di siccità. Raggruppandole in modo piuttosto sommario, possiamo dire che piante come menta, finocchio, timo, salvia, prezzemolo, peperoncino e ruta hanno necessità di annaffiature moderate, quando il terreno è asciutto. Il rosmarino, che in natura cresce sui costoni rocciosi, come il mirto e l'origano, resiste bene ai periodi siccitosi, anche se annaffiature regolari lo aiuteranno a crescere rigoglioso. Una differenza fondamentale è data dalla coltivazione in orto o in vaso. Se coltivate in piena terra, le erbe aromatiche sono più autonome, mentre quando sono tenute nei vasi, magari anche piuttosto piccoli, le annaffiature devono essere più regolari e, in estate, più frequenti.
Erbe aromatiche sul balcone

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla e Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€
(Risparmi 1€)


Coltivare e curare le erbe aromatiche

Erbe aromatiche in giardino Poiché le piante aromatiche sono davvero tante, solitamente si tende a coltivare in casa quelle più comuni e quelle che si usano di più. Prezzemolo, sedano, aglio, basilico, rosmarino, salvia, menta, lavanda, borragine e timo sono forse tra le più utilizzate. Tutte si adattano alla coltivazione in vaso, per essere tenute anche da chi non ha molto spazio, ma ama avere sempre a disposizione i sapori che arricchiscono i piatti. Alcune, come il basilico o la borragine, sono annuali e durano una sola stagione, producendo però i semi che possono essere conservati ed utilizzati per essere seminati l'anno successivo. Rosmarino, salvia, finocchio selvatico e menta sopravvivono alla stagione invernale, soprattutto nei climi più miti. Per coltivare il più a lungo possibile le erbe aromatiche è bene cimarle ed impedire, per buona parte della stagione, che giungano a fioritura, lasciando che questa fase avvenga al sopraggiungere dell'autunno.

  • Varietà di basilico La pianta del basilico appartiene alla famiglia delle Lamiacee ed è un arbusto annuale di piccole dimensioni. E’ originario dell’Asia ma viene coltivato anche nel nostro paese da molti anni. È caratte...
  • Foglie della pianta della maggiorana La pianta della maggiorana è originaria dell’Africa ma da molti anni viene coltivata anche nel nostro paese. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e ne esistono numerose varietà che presentano prof...
  • Pianta cespugliosa di origano La pianta dell'origano cresce spontaneamente in luoghi alti fino a 2000 metri sul livello del mare, ben assolati e aridi; il suo fusto eretto è ligneo alla base, ed erbaceo alla sommità dei rami. Ragg...
  • L L'elicriso, detto anche elicriso liquirizia, è una pianta arbustiva che cresce spontanea in Italia; infatti il suo nome latino, Helicrisum italicum, ne tradisce le origini. Questa pianta predilige ter...

Il Kit Erbe Aromatiche di Plant Theatre - 6 diverse erbe aromatiche da coltivare -Regalo per gli amanti del giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Come e quando concimare le erbe aromatiche

Mazzetto di erbe aromatiche La concimazione aiuta le erbe aromatiche a crescere sane e rigogliose, oltre che profumate e maggiormente ricche dei loro principi attivi. Una buona regola generale da seguire è quella di fornire loro, una volta al mese nel periodo vegetativo, un concime completo contenente fosforo, potassio, azoto e microelementi. In commercio si trovano fertilizzanti in forma liquida abbastanza ben bilanciati che possono servire allo scopo e sono facili da dosare e da somministrare. Un cucchiaino di calce nel terreno una volta all'anno, da somministrare alle piante perenni, può essere d'aiuto per la maggior parte delle erbe aromatiche che, molto spesso, preferiscono suoli non acidi.Un'attenzione tutta naturale che si può riservare alle erbe aromatiche è quella di arricchire il terreno che le ospita con guscio d'uovo ridotti in poltiglia. Essi sono ricchi di calcio, sostanza molto utile alla piante, e possono essere somministrati una volta a settimana.


Erbe aromatiche: Esposizione, malattie e possibili rimedi

pianta di menta Per evitare malattie e funghi alle erbe aromatiche, il primo passo da seguire è quello di garantire loro un buon drenaggio che lasci ristagnare l'acqua sul fondo. Fatto questo, per andare sul sicuro, bisogna fornire loro un'esposizione che sia luminosa, relativamente soleggiata (anche molto soleggiata, nel caso del rosmarino) e non eccessivamente umida.Le patologie che più facilmente possono attaccare le erbe aromatiche sono i parassiti, come afidi e larve, e le muffe dovute alla troppa umidità. Nel primo caso, poiché le erbe sono coltivate per essere utilizzate in cucina, si può cercare di eliminare gli insetti con metodi naturali. Un'irrigazione mattutina effettuata con una certa "violenza" elimina una parte di insetti attaccati alla pianta. E' efficace l'uso di acqua addizionata a sostanze odiate dai parassiti, come aglio, rafano, zenzero e pepe. Si prepara un infuso che potrà essere utilizzato per una settimana. Se il problema non è ancora risolto, conviene preparare un nuovo miscuglio che sia abbastanza fresco e potente. Possono servire anche vaporizzazioni con acqua e sapone di Marsiglia, che provoca la morte del parassita.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO