Melissa pianta

Melissa, pianta officinale

Come pianta officinale, la melissa veniva apprezzata già da Greci e Romani, anche se ne esistono poche tracce nei manoscritti; nel X secolo, gli Arabi la consideravano un buon tonico, capace di dissipare tristezza e malumori; nel tardo Medio Evo, poi, se ne cominciò a fare ampio uso come tonico e come sedativo negli attacchi isterici e nelle convulsioni; inoltre, con essa si produceva la miracolosa "acqua di Melissa dei Carmelitani Scalzi".In erboristeria, l'infuso di melissa viene utilizzato come tonico per la pelle del viso e per risciacquare i capelli, specialmente se grassi; il decotto fatto con le sue foglie, invece, si può aggiungere all'acqua del bagno per tonificare l'organismo. Inoltre, le foglie di melissa appena colte offrono sollievo dalle punture d'insetto, se applicate sulla parte colpita.
Melissa (illustrazione scientifica)

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre - 6 varietà da coltivare - Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Melissa, pianta medicinale

Foglie di melissa Come pianta medicinale, la melissa viene apprezzata soprattutto per l'olio essenziale, che si estrae dalle sue foglie e che le conferisce il caratteristico aroma di limone; tale olio viene impiegato nella cura degli stati d’ansia con somatizzazioni gastrointestinali; inoltre, possiede un'azione antispasmodica e antinfiammatoria, che lo rende ideale contro dolori mestruali, nevralgie, nausea e colite, e agisce come calmante sul sistema nervoso e rilassante su quello muscolare. Sotto forma d'infuso, poi, la melissa è particolarmente indicata come digestivo o in presenza d’irritabilità e insonnia causate da stanchezza o nervosismo. Per quanto riguarda l'uso esterno, la melissa ha proprietà cicatrizzanti, astringenti e antimicrobiche e il suo estratto di foglie fresche svolge attività antivirale contro l'herpes simplex.

  • Foto di Melissa La melissa, denominata anche cedronella, appartiene alla famiglia delle Labiate, al genere Melissa ed alla specie officinalis. È una pianta erbacea perenne, alta 60-100 cm e larga 50 cm, con un portam...
  • melissa1-1 E’ considerata l’erba degli ansiosi per eccellenza. I suoi preparati si assumono fin dall’antichità per sedare problemi nervosi e crisi di nervi. Stiamo parlando della melissa, pianta dal delicato nom...
  • tisanamelissa2_zpsf77829c8 Siete ansiosi, stressati e non riuscire a dormire? Se la risposta è sì, vi consigliamo di bere una bella tazza di tisana alla melissa. Questa pianta, infatti, si usa per preparare rimedi adatti a colo...
  • Tintura madre di melissa Appartenente alla famiglia delle Labiatae, la melissa è una pianta nota per le sue proprietà benefiche sin dai tempi antichi: già i latini e i greci sfruttavano i principi attivi ottenuti dai preparat...

CLP Arco per piante rampicanti MELISSA con cancello, finemente decorato, in 6 colori a scelta bianco antico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 159,9€


Melissa, pianta aromatica

Pianta di melissa fiorita Come pianta aromatica, la melissa viene apprezzata in cucina per il suo aroma gradevole e il sapore di limone che attribuisce ai piatti; tuttavia, deve essere utilizzata in quantità non eccessiva, per evitare di coprire il sapore originale degli alimenti alla base delle diverse pietanze. In campo culinario, della melissa si utilizzano le foglie fresche per aromatizzare insalate, minestre, salse per il pesce, marmellate e dolci. Inoltre, l'estratto è impiegato anche nella preparazione di bevande alcoliche, come alcuni liquori, e per aromatizzare l'aceto.Se destinate a un impiego in cucina, le foglie di melissa andranno sempre colte prima della fioritura, quando sono più profumate, e utilizzate fresche, dato che essiccate perdono la maggior parte delle loro proprietà aromatiche.


Melissa pianta: La pianta della melissa: proprietà

Piante di melissa in natura Come già detto, la melissa possiede soprattutto proprietà calmanti e sedative, grazie all’azione di alcuni flavonoidi in essa contenuti, che svolgono un’attività simile a quella delle benzodiazepine. Più in generale, si può dire le sue proprietà sono aromatizzanti, digestive, coleretiche e antispasmodiche; inoltre, esercita un’azione tonica e stimolante sull’organismo.Esistono però delle controindicazioni all'assunzione dei derivati dalla melissa: innanzitutto, un dosaggio eccessivo può causare stati di ansia e/o agitazione; inoltre, l'impiego di melissa è sconsigliato in presenza di glaucoma, in quanto in alcuni casi è stato riscontrato un aumento della pressione endoculare, e di ipotiroidismo, soprattutto quando si segue una terapia a base di ormoni tiroidei, dato che si sono verificati fenomeni di interferenza.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO