Mirto tarantino

Caratteristiche del Mirto Tarantino

Il Mirto Tarantino è un arbusto sempreverde, che fa parte della famiglia delle Myrtaceae, che comprende 4000 specie di piante, tra cui anche l’Eucalipto Australiano. Originario della Persia è diffuso in tutta l’Europa Mediterranea dove è frequente lungo i litorali e nelle siepi . Caratteristico della zona del Salento meridionale, la specie di Mirto Tarantino si presenta per lo più come arbusto di dimensioni modeste perfetto per creare fitte siepi. Si caratterizza per una crescita lenta e si presenta di solito con una chioma dalla forma sferica e tronco corto e ramoso. Ha foglie piccole piuttosto strette e lucide di colore verde scuro. Da giugno a Settembre sbocciano dei fiori solitari di colore bianco composti da 5 petali, che lasciano poi spazio alle bacche di colore viola scuro quasi tendente al nero, con riflessi metallici.
Arbusto di Mirto tipico della macchia mediterranea

Vivai Le Georgiche Mirto Tarantino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,2€


Coltivazione del Mirto Tarantino

Bacche di mirto raccolte e pronte per la lavorazione e la produzione del liquore Il Mirto Tarantino è una specie che ama il caldo ed i terreni acidi, tuttavia è diffusa anche in terreni calcarei. Solitamente si coltiva per motivi ornamentali in posizioni riparate perché teme il gelo. Non necessita di particolari attenzioni in merito all’irrigazione, di solito in estate, in caso di gran caldo e siccità si deve innaffiare ogni 15/20 giorni. La concimazione dovrebbe avvenire tra maggio e settembre aggiungendo all’acqua per l’irrigazione un concime liquido specifico. Se il Mirto si coltiva in vaso, il rinvaso deve essere effettuato annualmente nel periodo primaverile, una volta raggiunta la dimensione finale del vaso è sufficiente sostituire il primo strato di terra. Proprio per la sua particolare fioritura e sconsigliata una potatura drastica mentre è preferibile diradare periodicamente la chioma rimuovendo i rami rovinati.

  • Fiore della senape La pianta della senape appartiene alla grande famiglia delle crocifere ed è conosciuta anche col nome scientifico di brassica. Si tratta di una pianta di tipo erbaceo annuale che è dotata di gambi ere...
  • una fitta siepe di rosmarino La coltivazione del rosmarino si può effettuare con discreto successo in qualsiasi terreno che sia ben drenato ed in posizione soleggiata, purché la pianta sia sufficientemente protetta dai venti fred...
  • Principali piante aromatiche Il clima del nostro bel paese ci permette di coltivare abbastanza facilmente le piante aromatiche in balcone. Con qualche accorgimento in più per le regioni settentrionali che hanno inverni più rigidi...
  • Il fiore zafferano Lo zafferano è una delle piante più antiche presenti nei nostri orti. Originaria delle aree dell'Asia Mediterranea, la sua diffusione è dovuta ai Greci, che ne iniziarono la coltivazione in tutta l'ar...

100pcs Rhizoma Curcumae Semi Longae Seed curcuma Seed condimento alimentare Antibiosis bonsai Fiore piante Casa decorazione del giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,97€


Raccolta, conservazione ed utilizzo

Il tipico liquore di mirto è preparato macerando le bacche di mirto nell’alcool ed aggiungendo lo zucchero. Durante tutto l’anno si raccolgono le foglie, le bacche in autunno. Sia le foglie che le bacche ed i fiori si fanno essiccare al sole e così conservati. Vengono utilizzati in cucina per insaporire carni, pesci e salumi. Sembra che l’utilizzo come pianta medicinale sia molto antico proprio per ricca presenza degli oli essenziali e sostanze aromatiche. Il mirtolo, sostanza contenuta nelle foglie e nei frutti, avrebbe proprietà balsamiche, sedative, digestive e antibatteriche, per questi scopi è utilizzato l’olio essenziale che si ottiene dell'intera pianta. Sarebbe anche ottimo come tonico e depurativo per le problematiche dell’epidermide. In Sardegna è tipico l’utilizzo del Mirto per la produzione di liquori, preparati facendo macerare le bacche nell’alcool, marmellate e dolciumi ed in accompagnamento alla carne di maiale.


Mirto tarantino: Il Mirto tra mito e leggenda

Fiori Bianchi della pianta di Mirto, caratterizzati stami ben evidenti per i lunghi filamenti. Il nome Mirto deriva dal greco myrtos ed ha il significato di "essenza profumata". Molte sono le leggende circa l’origine del nome, secondo la mitologia greca il nome deriverebbe da Myrsine, una giovane uccisa da un uomo invidioso perché da lei battuto nei giochi ginnici. Atena, impietosita, decise di trasformarla in un arbusto odoroso. Nel tempo divenne simbolo della colonizzazione greca in quanto gli emigranti greci portavano rami di mirto per simboleggiare la fine di un periodo della propria vita. Nell’antica Roma il Mirto divenne simbolo di vittoria e durante i banchetti un rametto di Mirto passava da un ospite all’altro per il brindisi e l’incitamento alla festa. Come pianta sacra a Venere è stato associato alla fecondità, nell’Impero Romano era l’albero propiziatori per la casa degli sposi a ancora oggi in alcune regioni rametti di Mirto vengono usati nei bouquet della sposa.


Guarda il Video
  • mirto tarantino Il Mirto è una pianta aromatica abbastanza utilizzata in Italia, soprattutto per il fatto che si tratta di uno dei comun
    visita : mirto tarantino

COMMENTI SULL' ARTICOLO