Pianta del cappero

Breve storia della pianta del cappero

La pianta del cappero, definita 'capparis spinosa', è una varietà di arbusto che appartiene alla famiglia delle 'capparaceae' e al genere 'capparis'. Si tratta di un tipo di coltivazione che interessa i principali paesi del bacino del Mediterraneo. La si può trovare infatti in Marocco, Tunisia, Spagna, Grecia, Cipro, Iran e in tutta l'Asia minore. In Italia il cappero è coltivato lungo le zone costiere della penisola e soprattutto nelle isole siciliane di Pantelleria e Salina. Questa pianta era già nota in tempi remoti, tanto che alcuni semi sono stati rinvenuti in diversi scavi archeologici iraniani risalenti ad almeno 5000 anni fa. Anche i Greci e i Romani conoscevano i capperi e ne impiegavano le radici per preparare infusi e decotti mentre con i boccioli aromatizzavano i piatti. Inoltre sembra che Plinio abbia parlato del cappero in alcuni dei suoi scritti.
Cespuglio di pianta di capperi

Capperi Pianta di Cappero in vaso - 5 Piante in Vaso 7x7 - Capparis Spinosa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Caratteristiche generali della pianta del cappero

Pianta del cappero durante la fioritura Il cappero può essere coltivato per scopo ornamentale ma anche per i suoi saporiti boccioli da mettere sotto sale o sott'aceto. Quale che sia lo scopo, è bene sapere che la pianta si presenta come compatto arbusto perenne e può arrivare ad un'altezza massima di un metro. Si aprono una serie di fusti sottili e ricadenti che alla base risultano legnosi. I rami fitti e lunghi sono ricoperti di foglie alterne, tondeggianti e leggermente pelose in superficie. Vicino al picciolo poi crescono delle piccole spine e per questo la specie è definita 'spinosa'. I fiori della pianta del cappero sono ermafroditi e composti di una corolla di 4 petali. In genere hanno una colorazione tra il bianco ed il rosa e sbocciano a partire dal mese di maggio. I frutti invece sono delle capsule verdi e ovali piene di semi. Quelli immaturi saranno i nostri capperi da cucina.

  • Pianta di Cappero Il cappero appartiene alla famiglia delle Capparidacee, al genere Capparis ed alla specie spinosa, comprendente due sottospecie: rupestris, un arbusto alto 1,5-2 m con chioma fitta, foglie caduche e p...
  • Il bocciolo del cappero Il capparis spinosa, è un arbusto a portamento ricadente. Della pianta vengono consumati i boccioli, chiamati capperi, e raramente il frutto conosciuti come cucunci. Entrambi vengono conservati sott’a...
  • Il fiore del cappero La pianta del cappero può anche raggiungere l’altezza di un metro e di solito si sviluppa sul suolo, appesa sui muri secchi oppure sulla roccia lungo spaccature. La pianta ha un aspetto piuttosto diso...
  • Pianta di cappero in un muro Piccolo arbusto tipico delle zone del Mediterraneo, il cappero ama i terreni aridi, asciutti e soleggiati. Spesso lo si intravede nelle crepe dei muri, dove trova le condizioni ideali al suo sviluppo:...

Capperi Pianta di Cappero in vaso - 10 Piante in Vaso 7x7 - Capparis Spinosa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,99€


Come coltivare e curare la pianta del cappero

Capperi appena raccolti Coltivare la pianta del cappero non è difficile. Di solito predilige una posizione molto soleggiata ed esposta alla diretta luce solare. In quanto vegetazione mediterranea è adatta al clima caldo e umido e tollera le temperature oltre i 30-35°. Gli inverni invece dovrebbero essere piuttosto miti anche se il cappero resiste bene a brevi periodi di gelo. Il terreno deve essere povero, asciutto e ben drenato ma andrà bene anche un terriccio più sassoso. A fine di ogni inverno poi è consigliabile aggiungere del concime al terreno per favorire il nuovo ciclo vegetativo. Per quanto riguarda l'irrigazione, il cappero non richiede grandi quantità d'acqua. La pianta andrà quindi leggermente potata verso febbraio per eliminare i rami secchi mentre la sua riproduzione si può ottenere per semina o per talee.


Pianta del cappero: Proprietà aromatiche della pianta del cappero

I capperi che mangiamo sono i boccioli della pianta e solitamente si raccolgono a mano in primavera. Il consiglio è di scegliere quelli più piccoli perché hanno più sapore. Non tutti sanno però che i capperi freschi non hanno nessun aroma particolare ma anzi sono amari. Solo dopo opportuni trattamenti acquistano il loro tipico sapore lievemente piccante. Andranno infatti salati, lavati e messi di nuovo sotto strati di sale o sott'aceto. I capperi fanno parte della tradizione culinaria italiana e vengono utilizzati per aromatizzare piatti a base di pesce, carne e pasta. Oltre al cappero si può mangiare il frutto della pianta detto 'cucunio' o 'capperone'. In ogni caso i migliori capperi sono quelli sotto sale e prima di utilizzarli conviene lasciarli in acqua fredda per venti minuti circa in modo da esaltarne il sapore.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO