Pianta della liquirizia

Caratteristiche principali della pianta della liquirizia

La pianta della liquirizia è una specie erbacea perenne caratterizzata da un notevole sviluppo in altezza. I rami degli esemplari più grandi superano il metro di lunghezza. La liquirizia appartiene alla famiglia delle leguminose e dalle radici si estraggono principi attivi adoperati nella farmacopea e nell’erboristeria mentre il succo è alla base di tante preparazioni dolciarie. Resiste bene alle elevate temperature e il suo terreno ideale è quello di tipo calcareo prevalentemente argilloso. La raccolta delle radici viene effettuata quando la pianta ha raggiunto un’età di tre anni. Vengono estratte a fine estate e sottoposte a vari trattamenti per estrarne il succo o altri elementi utili. Il principio attivo più importante che se ne ricava è la glicirrizina: un potete antinfiammatorio.
Pianta della liquirizia

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre - 6 varietà da coltivare - Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Cura e irrigazione

Varietà di liquirizia La pianta della liquirizia crea un cespuglio piuttosto arrotondato. Cresce bene in terreni aridi e non ha bisogno di essere annaffiata. Tuttavia, se l’estate si presenta particolarmente calda e priva di precipitazioni, si può provvedere a irrigare la liquirizia una volta ogni due o tre giorni. È sempre meglio controllare il suolo e procedere con l’innaffiatura solo se è completamente asciutto.La liquirizia viene propagata quasi sempre mediante i rizomi. Si recidono dalla pianta madre in autunno e per aumentare la probabilità che attecchiscano, devono essere lunghi perlomeno dieci centimetri. A quel punto non vi rimarrà altro da fare se non interrarli in un suolo ricco di fosforo. Questa sostanza aiuterà la nuova pianta a svilupparsi in maniera armonica.

  • Pianta liquirizia La pianta della liquirizia è una pianta erbacea perenne che cresce sino a un metro di altezza. È resistente alle basse temperature e cresce principalmente nelle zone mediterranee e in terreni calcarei...
  • Coltivazione liquirizia I più appassionati estimatori della liquirizia lo sanno bene: esistono ben 18 varietà di questa pianta erbacea perenne che cresce spontaneamente nell'area mediterranea e nel Sud Italia. La sua coltiva...
  • L L'elicriso, detto anche elicriso liquirizia, è una pianta arbustiva che cresce spontanea in Italia; infatti il suo nome latino, Helicrisum italicum, ne tradisce le origini. Questa pianta predilige ter...

1 PIANTA DI LIQUIRIZIA GLYCYRRHIZA GLABRA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Malattie e parassiti

Fiore della pianta di liquirizia La pianta di liquirizia è soggetta ad essere attaccata da numerosi parassiti e può ammalarsi facilmente. Le foglie e i fusti dell’arbusto possono essere attaccati dalla ruggine: una malattia di tipo fungino che a lungo andare porta a morte certa i soggetti infestati. In questo caso è necessario trattare la liquirizia con prodotti specifici, somministrati secondo le dosi riportate sulla confezione acquistata presso un comune consorzio di agraria.Anche i pidocchi possono avere un’azione deleteria per gli arbusti che iniziano a perdere le foglie rapidamente. Anche in questo caso è indispensabile correre subito ai ripari irrorando la pianta con un prodotto fitosanitario mirato. Per quanto riguarda le radici, una volta raccolte sono soggette ad essere divorate da coleotteri.


Pianta della liquirizia: La raccolta della radice

Radice della liquirizia La raccolta della radice della liquirizia viene effettuata nei mesi autunnali al compimento del terzo o del quarto anno di vita dell’arbusto. Appena le foglie iniziano a essiccarsi e a cadere a terra, si procede con la falciatura completa dei rami. Subito dopo si asportano dal suolo e si iniziano ad estrarre le radici una ad una. Per agevolare le operazioni, si utilizzano appositi attrezzi meccanici dotati di denti rigidi, ben distanziati e lunghi. Dopo la raccolta i rizomi devono esser lavati accuratamente per eliminare ogni residuo di terra e poi vengono sottoposti a un particolare processo di frantumazione. La lavorazione successiva cambia in base al prodotto finale che si vuole ottenere. Ad esempio, la pasta di liquirizia, si ricava bollendo le radici macinate.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO