Pianta senape

Caratteristiche principali della pianta della senape

La pianta della senape appartiene alla grande famiglia delle crocifere ed è conosciuta anche col nome scientifico di brassica. Si tratta di una pianta di tipo erbaceo annuale che è dotata di gambi eretti privi di peluria, molto ramificati e arrotondati. La foglie hanno una caratteristica forma lanceolata e si trovano tutte alla base della pianta. I fiori sono formati da quattro petali ciascuno, sono molto piccoli e iniziano a sbocciare a metà estate. Sono raggruppati in infiorescenze ed emanano un aroma meno pronunciato rispetto a quello delle foglie. I semi hanno una forma sferica e la loro colorazione varia dal marrone fino al crema chiaro. A maturazione raggiunta vengono fatti essiccare, poi macinati e messi a bagno in acqua per estrapolarne tutto il loro profumo.
Fiore della senape

Senape Red Giant biologica - 2 gm -approx 1100 semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,4€


Varietà di senape

Piante di senape La varietà di pianta della senape più comune è quella verde ma ne esistono numerose specie come ad esempio quella indiana, quella bianca e la senape nera. La senape nera è stata importata dal Medio Oriente e i suoi semi venivano utilizzati per preparare tutti i tipi di salsa di senape. Con il passare degli anni la coltivazione di questa varietà s’è fatta sempre più rara perché è molto ingombrante. Basti pensare che raggiunge i due metri d’altezza e i semi, appena maturano, cadono a terra rendendo la raccolta particolarmente difficoltosa. Attualmente la senape nera viene prodotta nei paesi in cui la mano d’opera ha un costo limitato. In Europa la varietà più utilizzata è quella indiana. Ha un sapore meno accentuato e meno piccante ma è più facile da gestire.

  • una fitta siepe di rosmarino La coltivazione del rosmarino si può effettuare con discreto successo in qualsiasi terreno che sia ben drenato ed in posizione soleggiata, purché la pianta sia sufficientemente protetta dai venti fred...
  • Il fiore zafferano Lo zafferano è una delle piante più antiche presenti nei nostri orti. Originaria delle aree dell'Asia Mediterranea, la sua diffusione è dovuta ai Greci, che ne iniziarono la coltivazione in tutta l'ar...
  • Pianta di origano L'origano è una pianta erbacea perenne a carattere cespuglioso. Cresce spontaneamente nelle aree mediterranee, prediligendo zone assolate e aride. Viene coltivata per utilizzo alimentare e a scopo ter...
  • origano in giardino Oggi parleremo dell'origano (Origanum), pianta aromatica assai conosciuta perché originaria dei paesi mediterranei. Appartenenti alla famiglia delle Lamiaceae, esistono al mondo circa una cinquantina ...

Koziol Camilla L, Annaffiatoio, per Fiori e Piante, Verde Senape, 2851582

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,95€


Esposizione e innaffiature

I baccelli della senape La pianta della senape deve essere messa a dimora in un terreno fertile e ben soleggiato per gran parte della giornata. Teme il freddo e a causa di un repentino abbassamento della temperatura può perire. Se desiderate piantarne qualche esemplare nel vostro giardino o nell’orto, non fatelo prima del mese di maggio, quando le temperature iniziano a rialzarsi. La senape può essere fatta crescere in serra o entro le quattro pareti domestiche. Basta che vi assicuriate che riceva un’adeguata quantità di luce. Per quanto riguarda le innaffiature, irrigate le piante ogni due giorni o quando il terreno è perfettamente asciutto prima di innaffiarla nuovamente. Ricordatevi di fornirgli i giusti nutrienti concimando il terreno con dello stallatico maturo in primavera.


Pianta senape: Propagazione

La propagazione della senape può essere fatta mediante la semina. Per ricavare dei semi di ottima qualità dalle piante che già avete, eliminate la maggior parte delle foglie alla base. In questo modo i semi avranno più vigore e il loro potere germinativo aumenterà esponenzialmente. Lasciate essiccare i semi raccolti e conservateli in un barattolo di vetro chiuso. A fine marzo preparate il terreno concimandolo con stallatico e successivamente mettete a dimora i semi gettandoli sul suolo. Dopo circa una settimana inizierete a vedere le prime piantine far capolino assieme ad altre erbe di ogni tipo. Per evitare di dover attendere tanto tempo, potete acquistare le piantine già nate presso un qualsiasi consorzio di agraria e interrarle con tutto il panetto di terra.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO