Senape

Senape, descrizione

La senape comprende un nucleo di piante erbacee annuali appartenenti alla famiglia delle brassicacee o crocifere originarie dell' Europa e dell' India. Le varietà più note sono la senape nera, la senape bianca e quella indiana. Sebbene per molto tempo fosse la senape nera ad avere maggior diffusione, per ragioni di praticità questa tendenza ultimamente si è invertita a favore di una più massiccia coltivazione della senape bianca. La ragione di tale cambiamento di rotta si deve al fatto che la senape nera raggiunge dimensioni decisamente maggiori, può arrivare infatti ai tre metri di altezza, richiedendo più spazio rispetto alla senape bianca. Solitamente infatti la senape è costituita da fusti che raggiungono i sessanta centimetri di altezza.Tuttavia la senape bianca si distingue per un sapore meno deciso e pungente.
Piantagione di senape

Battle - Semi Aromatici Senape Bianca (Semi - 40-55Cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,55€
(Risparmi 0,98€)


Senape, la semina

Fioritura senape indiana Il periodo ideale di semina per la senape è abbastanza esteso, in quanto va dalla fine dell' inverno all'inizio dell' estate. Dopo aver interrato i semi bisognerà mantenere il terreno costantemente umido fino al germogliare delle piantine. Una volta che i germogli avranno raggiunto i quattro o cinque centimetri di altezza si può procedere alla scelta delle piante più sane e forti, eliminando le altre. Nel caso di semina in contenitore o in vaso, prima di esporre le piantine al sole attendere fin quando le piante avranno raggiunto i dieci centimetri di altezza e che siano spuntate almeno cinque foglioline. Fino a questo momento è consigliabile una esposizione ombreggiata o semi ombreggiata.Le piante di senape sono abbastanza rustiche e si adattano facilmente a qualsiasi tipo di terreno e di spazio, ma per la coltivazione in vaso è importante non scendere al di sotto dei venti centimetri di diametro.

  • Fiore della senape La pianta della senape appartiene alla grande famiglia delle crocifere ed è conosciuta anche col nome scientifico di brassica. Si tratta di una pianta di tipo erbaceo annuale che è dotata di gambi ere...
  • Panoramica Agrumi Gli agrumi sono alberi appartenenti alla famiglia delle Rutaceae e ai generi Citrus (come arancio, limone o pompelmo), Fortunella (cioè il Kumqat) e Poncirus. I tre generi comprendono 18 specie stabil...
  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...

Geo ZSE0160 Senape Semi da Germoglio, Marrone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,85€


Esposizione e annaffiatura

Piantine di senape Le piante di senape hanno bisogno di ricevere la luce diretta del sole per almeno alcune ore al giorno. Importante dunque optare per una posizione soleggiata e al riparo dai venti. Solitamente si piantano vicino alle siepi o nei pressi di muri in modo da fornire loro protezione. Principalmente durante i mesi caldi, e soprattutto per le piante in vaso, sarà importante il corretto apporto di acqua. È fondamentale somministrarla quando il terreno risulterà completamente asciutto, ma allo stesso facendo attenzione a non far soffrire la pianta per la siccità. Soddisfacendo queste uniche esigenze delle piante di senape, che durante il ciclo vegetativo non richiedono necessariamente concimazioni o interventi di potatura, avremo ottimi risultati. Va precisato, anche se ovvio, che le piante cresceranno proporzionate alla quantità di terreno di cui disporranno.


Senape: Raccolta senape

Semi di senape In ambito culinario si utilizzano perlopiù le foglie e i semi della senape. Le foglie vengono colte durante la prima fase del ciclo vitale. Già dopo dieci giorni dalla semina sarà possibile utilizzarle, in quanto nei primi periodi di vita risultano più tenere. Data la natura del loro aroma meno deciso e più aromatico dei semi, le foglie vengono impiegate specialmente nella preparazione di insalate miste oppure consumate a crudo. A livello di sapore, per alcuni versi richiamano al palato il sapore della rucola selvatica per via del loro retrogusto amarognolo. Per la raccolta dei semi invece occorre attendere l'arrivo dell'autunno. Dopo la fioritura i fiori appassiranno formando le silique. Quando quest' ultime raggiungono una colorazione brunastra è arrivato il momento di reciderle. Da esse si ricavano i semi che poi si faranno essiccare al sole. Una volta essiccati vengono sgretolati affinché rilascino il loro aroma intenso e piccante che trova diversi impieghi in ambito culinario, dalle carni bollite alle verdure e le salse.



COMMENTI SULL' ARTICOLO