Coltivare pomodori

Quanto irrigare la pianta di pomodori

Per coltivare pomodori è richiesta un'irrigazione abbondante, anche se bisogna prestare attenzione a non eccedere per evitare la comparsa di problematiche fitosanitarie. Per questo motivo, basta adottare delle semplici accortezze in relazione al metodo di coltivazione; infatti, se si tratta di una coltura amatoriale con pianta in vaso, basta bagnare il terreno regolarmente, mantenendo una umidità costante ed evitando siccità prolungate. Per coltivare pomodori in serra o in campi aperti, invece, conviene munirsi di sistemi di tubazione forati in grado di erogare piccole quantità d'acqua in maniera costante. In ogni caso, però, bisogna ricordare di fornire una sufficiente dose di acqua al momento del trapianto e adeguare la dose somministrata in relazione alla crescita della pianta. Nel periodo della fruttificazione, invece, non occorre innaffiare abbondantemente.
coltivazione pomodori

Il Kit ortaggi stravaganti di Plant Theatre - 5 straordinari ortaggi da coltivare - un regalo ideale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Come coltivare pomodori

Cimatura della pianta di pomodoro Per coltivare pomodori bisogna iniziare in primavera, dopo un opportuno trattamento del terreno nel periodo autunnale. Si può optare per la semina o per il trapianto diretto delle piantine; nel primo caso, bisogna avere cura di estirpare i germogli più deboli per favorire la crescita di quelli più vigorosi a cui riservare energie e nutrimenti. Vengono solitamente piantate in file parallele, con distanza di 30 cm l'una dall'altra. Durante la sua crescita bisogna prestare attenzione a rimuovere l'eccesso di vegetazione (cimatura), soprattutto quella più vicina al suolo e quella in prossimità dell'attaccatura delle foglie al fusto, che di solito è sterile; in questo modo si favorisce la produttività della pianta. Altro accorgimento per coltivare pomodori è quello di sostenere la pianta ancorandola a delle aste mediante apposite funicelle per evitare l'incurvamento dovuto al peso dei frutti. Infine, bisogna eliminare i pomodori caduti sul terreno per impedire che marciscano sviluppando muffe potenzialmente contaminanti.

  • pomodori Le semenze vanno piantate circa sei settimane prima della fine dell’inverno. Vanno posizionati a due centimetri di profondità in vasi di piccole dimensioni. Dopo che sono germogliati hanno bisogno di ...
  • Pomodori neri sulla pianta I pomodori neri, come le altre varietà, necessitano di un apporto idrico aggiuntivo perché le normali precipitazioni atmosferiche generalmente non ne soddisfano il fabbisogno. Le annaffiature vanno ef...
  • Pomodoro_O1 E’ utilizzato per preparare gustosi sughi e insalate. Famosissimi sono anche gli spaghetti al sugo che fanno di questo prodotto uno dei più amati e apprezzati in cucina. Stiamo parlando del pomodoro, ...
  • Dorifora La dorifora è uno dei principali nemici degli orti: si trova in terreni coltivati soprattutto con patate o melanzane, in quanto particolarmente attratta dalle solanaceae. Non è semplice eliminarla e d...

Plant Theatre Wacky Tomatoes Kit - 6 diverse varietà da coltivare - Regalo ideale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Come concimare la pianta di pomodoro

Fertilizzazione della pianta di pomodori Prima di procedere a cotivare pomodori, è opportuno concimare il terreno in maniera adeguata, utilizzando dei materiali organici, come letame o compost, almeno un mese prima della semina, per fornire al suolo le giuste sostanze nutritive. In base alle caratteristiche del terreno, inoltre, è possibile decidere se, per coltivare pomodori, è necessario impiegare altri tipi di fertilizzanti al momento della semina, soprattutto quelli a componente minerale ricchi di fosforo, potassio e sostanze azotate. Quest'ultimo tipo di concime può essere somministrato ogni 7-10 giorni e intensificato nel periodo di fruttazione soprattutto per l'apporto di potassio che favorisce la maturazione del prodotto agricolo. Si tratta di concimi in forma liquida che vanno impiegati con attenzione per evitare un sovradosaggio e il conseguente rischio di una crescita eccessiva di fogliame a discapito dei frutti.


Coltivare pomodori: Malattie e rimedi

Marciume apicale del pomodoro Anche nel coltivare pomodori si può incorrere in malattie e infestazioni della pianta. Tra le patologie del primo gruppo si verificano perlopiù il marciume del frutto, con sua conseguente spaccatura, risultato di irrigazioni scorrette, in particolare le abbondanti somministrazioni di acqua dopo un periodo di siccità, e l'ammuffimento delle foglie, dovuto a specie fungine che si sviluppano principalmente in ambienti poco areati, come le serre. In entrambi i casi il rimedio è quello di rimuovere la causa che le ha determinate. Nel secondo gruppo, invece, troviamo soprattutto i ragnetti rossi, acari che crescono sulla superficie inferiore delle foglie e che causano ingiallimento e caduta delle stesse; questi tendono a svilupparsi soprattutto in ambienti aridi, per cui la corretta irrigazione del suolo ne previene la comparsa. In caso di contaminazione, comunque, esistono specifici insetticidi in commercio che offrono un valido aiuto nel coltivare pomodori.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO