Coltivazione basilico

Caratteristiche generali

Il basilico (Ocimum basilicum) appartiene alla famiglia delle Lamiaceae ed è una pianta erbacea aromatica e annuale, alta fino a 60 cm. Ha foglie tenere e lucide, color verde o porpora, opposte su fusti a sezione quadrata e di forma lanceolata, con la lamina a volte incurvata verso il basso, a volte bollosa. Con l’avanzare della stagione i fusti tendono a lignificare e prostrarsi. La fioritura avviene tra maggio e settembre, con fiori di 5-6 mm, bianchi o rosa a simmetria bilaterale e quattro stami gialli riuniti a formare infiorescenze a racemo. Il frutto è dato da quattro acheni ovali e scuri. Il profumo del basilico caratterizza molti piatti tipici della cucina italiana, ma non si mantiene con la conservazione industriale. Le foglie seccate, o sminuzzate e congelate, perdono quasi tutto l’aroma, meglio quindi cogliere fresche le foglie da una piantina coltivata sul davanzale anche in inverno, oppure in estate congelare all’interno di cubetti di ghiaccio le foglie intere e scongelarle al momento del bisogno, magari per insaporire un sugo fatto al momento con pomodori da serbo (varietà di pomodori che si mantengono per buona parte dell’inverno, conservati al fresco in “trecce” appese alle travi del soffitto, come da tradizione). Tra le varietà di basilico presenti in commercio ricordiamo:

Il basilico greco a foglie piccole e ovali, che forma un cespuglio compatto e sferico che ha anche un certo fascino ornamentale, sopporta meglio di altre varietà i climi freddi.

Il basilico genovese d.o.p. da cui si ricava il famoso pesto alla genovese, a foglie convesse e medio-piccole, caratterizzate dall’aroma delicato.

Il basilico napoletano ideale per la coltivazione in vaso.

Il basilico a foglie rosse red rubin a foglie seghettate e purpuree, molto profumate, a volte usato più come ornamentale che come pianta aromatica a uso culinario.

Il basilico mammouth con foglie molto grandi che conservano abbastanza l’aroma anche se essiccate (ma è sempre meglio usarle fresche).

basilico

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla e Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€
(Risparmi 0,09€)


Semina

basilico coltivazione Il basilico viene seminato in semenzaio a seconda del clima o all’aperto o in serra, a marzo, con temperature sui 16°C. Dopo una germinazione piuttosto lenta e un primo sviluppo a 13-16°C si esegue il ripicchettamento interrando radici dei semenzali un po’ più di prima, e successivamente si procede ad acclimatare la piantina fino a maggio-giugno quando verrà trapiantata a dimora con distanze di 30 cm sulla fila e tra le file. La semina direttamente a dimora di solito si esegue a fine maggio quando non c’è più pericolo di gelate che uccidono la pianta invariabilmente. Il diradamento avviene alle stesse distanze valide per i trapianti.

  • Foglie di basilico Il basilico è una pianta annuale a carattere erbaceo che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. La pianta teme il freddo e le temperature non dovrebbero mai scendere sotto i 10 gradi, altrimenti le...
  • Panoramica piante aromatiche Le piante aromatiche sono specie vegetali annuali, biennali o perenni, che contengono grandi quantità di sostanze volatili e profumate, in alcuni casi veri e propri oli essenziali, che le rendono appu...
  • basilico Il basilico è una pianta aromatica con un profumo inconfondibile, utilizzata moltissimo in cucina in varie ricette. Scopri quanto conosci le tecniche di coltivazione di questa pianta rispondendo ad al...
  • Varietà di basilico La pianta del basilico appartiene alla famiglia delle Lamiacee ed è un arbusto annuale di piccole dimensioni. E’ originario dell’Asia ma viene coltivato anche nel nostro paese da molti anni. È caratte...

Kit Per Coltivazione Basilico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Terreno

coltivare basilico Il terreno ideale per il basilico è soffice, caldo, ben drenato e ricco di letame maturo, in posizione calda e soleggiata, ma riparata. Il bio coltivatore di solito prepara il terreno con compost fine e maturo.

La coltivazione biologica del basilico non prevede alcuna concimazione, ma solo un terreno ben preparato al momento dell’impianto. Questo perché un eccesso di concimazione porta a una mancanza di aroma nelle foglie. La coltivazione tradizionale invece utilizza concimi bilanciati a lenta cessione.


Coltivazione

coltivazione basilico La coltivazione del basilico non è impegnativa e la pianta ha talmente tanti usi e proprietà che vale davvero la pena cimentarsi nell’impresa di mantenere un vaso di basilico sul davanzale della cucina. Per prolungare il ciclo di sviluppo del basilico durante l’estate si asportano tutti gli steli fiorali appena spuntano, e a settembre si pota la pianta a 5-7 cm da terra sistemandola poi al coperto in modo che ricacci e produca foglie fresche durante tutto l’inverno. Un sistemazione ideale è quella in vasi da 12-13 cm, riempiti di compost da vaso piuttosto ricco, collocati tra doppi vetri esposti a sud, oppure lungo la tromba delle scale non riscaldata, davanti a una finestra sempre rivolta a meridione e quindi molto luminosa. La consociazione favorevole al basilico è quella con i pomodori e i cetrioli. Tra i parassiti del basilico segnaliamo le larve di farfalle Geometridae che vanno asportate a mano tenendo presente che di giorno si mimetizzano sotto le foglie o lungo i fusti della pianta, e gli afidi da asportare a mano o con acqua. Il basilico può essere attaccato anche da varie malattie fungine che si prevengono usando farina di roccia sui letti di semina, pulendo sempre molto bene i vasi prima di usarli, utilizzando la rotazione colturale, arieggiando i letti di semina e infine offrendo alla pianta le condizioni colturali appropriate senza ristagni ma anche senza eccessiva aridità, e senza esagerare nelle concimazioni. In ogni caso essendo una pianta aromatica è sempre meglio evitare di usare anticrittogamici sula basilico.


Annaffiature

Le annaffiature devono essere abbondanti e regolari durante tutta la stagione vegetativa o la pianta cresce stentata. Nelle annate piovose invece saranno le piante in vaso a dare i risultati migliori.


Coltivazione basilico: Proprietà

basilico Il basilico contiene le vitamine A,C,E e alcune del gruppo B, oltre a vari amminoacidi, rame, potassio, calcio fosforo, manganese, zinco, ferro e magnesio. Allevia i dolori dell’artrite, è antiinfiammatori e benefico per la pelle, stimola l’appetito e la digestione, rinforza il sistema nervoso riducendo ansia e nervosismo e favorendo il sonno, e combatte raffreddori e stati catarrali. E in ultimo è saporito e meravigliosamente profumato, in grado di dare un tocco inconfondibile a sughi, insalate e salse.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO