Coltivazione carota

Caratteristiche generali

La carota (Daucus carota) è una pianta erbacea e pelosa appartenente alla famiglia delle Apiaceae (precedentemente note come Umbelliferae) e presente anche allo stato spontaneo in Italia, caratterizzata dal ciclo vitale biennale ma coltivata come annuale per la sua radice a fittone ramosa e carnosa. Ha foglie di forma variabile, da ovali a margine dentato (soprattutto quelle basali) a laciniate (soprattutto quelle superiori). La fioritura avviene durante il secondo anno, tra aprile e ottobre, con numerosissimi fiori bianchi o rosa riuniti a formare una infiorescenza a ombrella di diametro variabile il cui fiore centrale ha un intenso color porpora scuro. Dopo la fecondazione operata dagli insetti l’infiorescenza, e le brattee somiglianti a foglie laciniate che la circondano, si richiudono formando una struttura a nido d’uccello. I frutti sono acheni muniti di aculei per la dispersione zoocora. Le cultivar di carota si differenziano tra loro per le dimensioni della radice, più o meno lunga, e per l’epoca di raccolta. Tra le tante segnaliamo le precoci a radice corta “clairon” e “Corta d’Olanda”, le medio precoci a radice più lunga delle precedenti “Dolce cuore”, “Ottusa di Chantenay” e Berlanda” e le tardive dalla radice lunga “Cilindrica d’Ingegnoli”, “Gigante Flakker” e “Lunga di S.Valery”.
carota

Il Kit ortaggi stravaganti di Plant Theatre - 5 straordinari ortaggi da coltivare - un regalo ideale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Semina

carota Le carote precoci vengono seminate in febbraio marzo, in cassone freddo o sotto campane, , le carote medio-precoci si seminano scalarmente in aprile-giugno, quelle tardive si seminano sempre scalarmente da giungo a agosto. La semina viene effettuata su solchi profondi 1,5-2 cm e distanti 15 cm, e deve essere rada. Subito dopo si copre di terra. Il bio coltivatore invece lascia più distanza tra le file, fino a 20 cm, e semina a maggiore profondità (anche 3 cm), coprendo poi i semi di composto e spargendo farina di roccia, comprimendo poi col rastrello e innaffiando a fondo. La germinazione è lenta, richiede fino a 3 settimane. Appena possibile si dirada a 5 cm di distanza senza mai lasciare le piantine sradicate sul terreno perché tutta la pianta odora di carota e l’aroma attira la temutissima mosca della carota, le cui larve si nutrono delle radici delle piante.

SERRA BALCONE SERRA TERRAZZO SERRA PER PIANTE POMODORI ORTAGGI TRASPARENTE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,95€


Terreno

La carota preferisce un terreno sabbioso e aerato a uno duro e pesante, con il classico ph variabile tra 6,5 e 7,5, in posizione aperta e ventosa per scoraggiare la mosca della carota. Non deve essere sassoso, né contenere letame fresco che potrebbe veicolare larve dannose per l’ortaggio. La preparazione prevede una vangatura invernale in profondità che porti alla formazione di un leggero terriccio superficiale, molto fine, seguita dalla fertilizzazione con 70-100 gr per metro quadro di prodotto sparso sulla superficie dell’aiuola una settimana prima della semina. In caso di terreni e condizioni sfavorevoli vanno preferite le varietà precoci o medio-precoci. Nell’orto biologico, invece, la preparazione del terreno prevede una concimazione verde che aerei il terreno e venga poi lasciata sull’aiuola (che deve essere al secondo turno della rotazione) in autunno, sotto forma di pacciame, insieme a compost maturo e/o cenere di legna ricca di potassio, elemento molto utile per la crescita della carota. L’aiuola dovrà nel complesso avere un substrato soffice, profondo e ricco di humus.


Coltivazione

fiore carota Più le carote restano nel terreno e più saranno saporite, quindi nei climi più miti vengono lasciate in terra fino al momento del consumo, proteggendole dal gelo con una pacciamatura. Tra le avversità della carota ricordiamo la mosca della carota e le malattie fungine. Il bio coltivatore consocerà le carote con agli e cipolle per allontanare la mosca della carota che viene anche scoraggiata da semine molto precoci (in marzo) o molto tardive (in giugno). Anche la consociazione con l’aneto sembra essere utile. Altre consociazioni comunque favorevoli per la cerscita dell’ortaggio sono quelle con piselli, pomodori, cicoria, insalate da taglio, bietole e ravanelli. La coltivazione tradizionale prevede in caso di infestazione di mosca della carota di utilizzare insetticidi a base di triclorphon in maggio-giugno per le carote precoci e in luglio-agosto per tutte le altre.


Concimazione

carota Il bio coltivatore utilizza nel corso della stagione vegetativa un’unica concimazione a base di macerato di ortica.


Annaffiature

La mancanza di acqua porta a carote dure e legnose, quindi l’irrigazione è fondamentale per ottenere un buon raccolto, ma senza esagerare dato che un eccesso di acqua in caso di tempo piovoso portano a un grande sviluppo fogliare a scapito di quello della radice. In caso di siccità servono circa 10 litri di acqua settimanali per metro di fila. Uno strato di pacciame non troppo spesso, che lasci passare aria a sufficienza, sarà utile per mantenere il giusto grado di umidità evitando sbalzi in questo senso che rischino di far “scoppiare” le radici.


Proprietà

La carota è ricca di provitamina A detta anche carotene, e vitamine del gruppo B e C, Sali minerali e falcarinolo anti-tumorale. Rinforza il sistema immunitario, protegge il sistema circolatorio, ha proprietà benefiche nei confronti dell’occhio, è depurativa, ipocalorica e antiossidante.


Coltivazione carota: Carota in cucina

passato di carote La carota è un ingrediente molto apprezzato in cucina tanto è vero che nei frigoriferi degli italiani questo gustoso ortaggio non manca di certo! Oltre al sapore ricco della carota, anche la sua "croccantezza" quando la addentiamo risulta essere gradita al consumatore e tutto questo, aggiunto al prezzo particolarmente ridotto dell’ortaggio, fa della carota una nostra preziosa alleata in cucina. Le carote possono essere consumate al naturale, semplicemente pulendole sotto acqua corrente e gustate poi grattugiate, tagliate a rondelle, in insalata, bollite, in padella come secondo piatto o come contorno per altri piatti. La carota può essere anche bevuta! Il frullato di carota, se assunto prima dell’esposizione al sole, assicura un’abbronzatura più bella e duratura! Per chi ama sperimentare nuove ricette, via libera alla creazione di risotti a base di carota, torte salate, zuppe, minestroni, polpette, dolci, gnocchi e molto altro ancora!


Guarda il Video
  • semina carote La carota è uno degli ortaggi re della nostra tavola: i suoi utilizzi in campo alimentare cono infatti molteplici. Con u
    visita : semina carote

COMMENTI SULL' ARTICOLO