Coltivazione valeriana

Caratteristiche generali

La valeriana (Valerianella locusta), conosciuta anche come valerianella, grassa gallina, soncino, eccetera, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae. Arriva a 30 cm di altezza al massimo quando produce lo scapo fiorale, ma normalmente nelle coltivazioni a scopo alimentare non supera i 10 cm di altezza. Produce una rosetta di foglie tenere e ellittiche o spatolate, con o senza picciolo a seconda della loro posizione, caratterizzate dall’unica nervatura centrale e dal margine intero. La fioritura avviene tra aprile e maggio con fiori ermafroditi bianchi o azzurri, a cinque petali, con tre stami ciascuno, riuniti a formare delle infiorescenze erette. La pianta esiste sia in forma selvatica, comunque commestibile, che in alcune varietà selezionate. La forma selvatica molto simile ad altre congeneri, 15 in tutto, è diffusa in tutta Italia tra 0 e 1400 metri sul livello del mare, e cresce come infestante persino in ambito orticolo e su prati aridi. Tra le varietà orticole invece ricordiamo le italiane “Verde a cuore pieno” a foglie chiare e adatta a semine autunnali e “Cuore pieno a seme piccolo” più rustica a foglie scure, le francesi a foglie allungate e le olandesi di solito con foglie più corte e scure.
valerianella

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla e Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€
(Risparmi 0,09€)


Semina

valerianella2Di solito la semina della Valeriana viene effettuata tra la primavera e l’autunno, scalarmente, considerando che la germinazione richiede circa una settimana e il ciclo vitale della pianta può concludersi in soli due mesi, tre al massimo. Il coltivatore biologico in realtà seminerà solo tra agosto e settembre e tra febbraio e marzo, comunque scalarmente, per ottenere raccolti prolungati durante buona parte dell’anno. La semina si effettua a spaglio oppure su file distanti circa 15-20 cm, procedendo poi al diradamento in seguito alla germinazione. La semina a file è più pratica per il controllo delle infestanti che tendono a essere uno dei problemi maggiori nelle aiuole di valeriana.

  • fiori valeriana La saggezza popolare è un bene che purtroppo nella nostra società moderna si va sempre più perdendo; i giovani di oggi (ma in questo gruppo comprendiamo pure i loro genitori, che non agiscono molto di...
  • Esempio di valeriana officinal dai fiori bianchi La valeriana officinalis, conosciuta semplicemente come valeriana, è una pianta angiosperma inclusa nella famiglia delle 'valerianacee' e nel genere 'valeriana'. Nonostante esistano in natura oltre 15...
  • Fiore della <i>Valeriana officinalis</i>. La valeriana è una pianta molto diffusa; cresce spontanea in Europa e in Asia e in tempi storici stata introdotta in Nord America dove si è naturalizzata. La pianta ha portamento erbaceo, quindi cres...
  • Valeriana rossa spontanea La valeriana rossa è una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Valerianaceae. La pianta è originaria del bacino del Mediterraneo ed è diffusa nel sud dell'Europa, in Africa e in Asi...

Kungfu Mall da 100, frutta e verdura per trapiantare piante da giardino Seedling Tools

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,3€


Terreno

La valeriana richiede un terreno ben drenato, possibilmente un’aiuola in cui siano appena state coltivate delle patate, e una preparazione minima, fatta con solo composto.


Coltivazione

Coltivare la valeriana non è difficile e vanno tenute presenti poche regole. Innanzitutto per ottenere un raccolto prolungato nel tempo non si deve raccogliere tutta la pianta ma tagliare le foglie alla base e lasciare che altre se ne sviluppino. Poi bisogna tenere presente che la valeriana sopporta meglio il freddo che il caldo e va quindi protetta in inverno solo nelle regioni più fredde, mentre in estate sarebbe meglio riservare a questa pianta luoghi in mezzombra. Per proteggere la pianta in inverno si ricorre a frasche o serre (o locali non riscaldati ma adeguatamente illuminati come verande esposte a sud o balconi chiusi). Tra i nemici della valeriana ci sono le lumache, da tenere alla larga con appositi recinti in vendita, oppure uccise da esche o trappole alla birra cioè vasetti pieni di birra per un terzo, che vanno interrati a filo del terreno tutto attorno all’aiuola. Altri nemici sono rappresentate dalle larve di vari lepidotteri, da eliminare appena compaiono, togliendo anche tutte le uova ancora non schiuse, e irrorando il terreno attorno alla valeriana con infuso di tanaceto o di assenzio. Le larve di maggiolino se troppo numerose vanno tolte durante la preparazione del terreno (restano sottoterra per tre anni!). Contro le varie muffe, marciumi e così via bisogna evitare la coltura troppo fitta e eventualmente irrorare con macerato di ortica o infuso di equiseto finché si è ancora in tempo. Consociazioni favorevoli alla valeriana sono quelle con le cipolle invernali e con le cicorie. Per le sue caratteristiche la valeriana si presta benissimo ad essere coltivata in cassette sui balconi, badando a curare il drenaggio del contenitore e a mantenere l’umidità finché non saranno spuntate le piante. Una volta attecchite andranno innaffiate con parsimonia, solo quando il terreno è del tutto asciutto.


Concimazione

Il ciclo colturale della pianta (comunque frugale) è talmente breve che a parte la preparazione del terreno non sono necessarie altre fertilizzazioni.


Annaffiature

Durante i mesi estivi è bene non trascurare l’irrigazione, soprattutto se l’esposizione dovesse essere molto soleggiata, perché mantenendo costante l’umidità si ottengono piante migliori. Come per tutte le insalate anche per la valeriana è consigliabile innaffiare al mattino presto di una giornata che si preveda ben soleggiata, in modo da non esporre le piante al rischio di muffe e attrarre le onnipresenti lumache più del necessario.


Coltivazione valeriana: Proprietà

La valeriana va consumata sempre fresca, è meglio coltivarla in proprio che acquistarla in confezioni già pronta per il consumo, rischiando di trovarla infiacchita. E’ infatti molto difficile da conservare, e deperisce alla svelta perdendo buona parte delle sue proprietà. La valeriana è ricca di ferro e vitamina C soprattutto, ma anche calcio, fosforo e potassio oltre a vitamina A e del gruppo B oltre alla PP. Ipocalorica, viene considerata una pianta depurativa, ricostituente, rinfrescante, lassativa ed emolliente.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO