Melenzane o melanzane

Descrizione della melanzana

La melanzana (solanum melogena), è una pianta erbacea (consistenza piuttosto tenera, non legnosa), annuale, con fusto rivestito di peli (tomentoso) ed eretto, che può raggiungere anche un' altezza di circa 100 cm. Le foglie sono di forma variabile, a seconda del punto di intersezione (ovali o acute), pelose ed appuntite all' apice. A volte presentano delle spine nelle nervature, nella parte inferiore. I fiori sono vistosi, di colore violetto prugna, a volte isolati, ma in genere riuniti in gruppi di due o tre. I semi sono schiacciati, di colore bianco-dorato, giallo-paglierino, e presenti in grandi quantità nel frutto (melanzana). Il frutto è una bacca polposa, collegata alla pianta da un peduncolo spesso legnoso e spinoso, e la sua parte superiore è avvolta in un calice. Di solito sono di colore viola scuro, anche se esistono altre varietà di colore bianco, striato di viola, bordeaux e rosse. La forma può variare a seconda della specie, da tonda, ad ovale, sino ad allungata. Teme il freddo e predilige clima caldi, specie sub-tropicali. In India, dove le condizioni climatiche sono per lei ideali, è una pianta perenne.
Cesto con melanzane

Nutley's, Sacchi pensili per la coltivazione di fragole, 2 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,92€


Semina, coltivazione e raccolta

Melanzana viola La coltivazione della melanzana è abbastanza semplice a condizione che le temperature siano abbastanza alte sia di giorno che di notte. Si semina in semenzaio riscaldato nei mesi di gennaio e febbraio al Sud Italia e nel mese di marzo al Centro Nord Italia. Si utilizzano circa uno/due grammi di seme ogni metro quadrato di semenzaio per ottenere un numero di piantine idonee a coprire 100 metri quadrati di terreno. Il trapianto in vivaio, si effettua quando le piantine hanno raggiunto l' altezza di circa 6/7 cm e dopo due mesi si piantano nel campo ad una distanza di circa 50 cm tra loro ed a solchi di 80/100 cm. Il periodo di coltivazione in campo varia a seconda del trapianto, della zona climatica e della varietà. E' necessario irrigare abbondantemente la coltura ed in particolar modo nel periodo di crescita del frutto. Se c'è carenza di acqua, le melanzane non si sviluppano a sufficienza ed hanno un sapore eccessivamente amaro, piccante e consistenza stoppacciosa. La raccolta avviene in maniera scalare quando i frutti non sono ancora maturi (da giugno in poi per le varietà precoci e dura quattro/cinque mesi per le varietà tardive).

    60 SEMI DEI GIGANTI DELL'ORTO: 10 SEMI di ZUCCA GIGANTE ATLANTIC GIANT + 10 SEMI di ANGURIA GIGANTE AMERICANA CHARLESTON GRAY + 10 SEMI di POMODORO GIGANTE ITALIANO + 10 SEMI di BASILICO GIGANTE a FOGLIA DI LATTUGA + 10 SEMI di PEPERONCINO LONG CAYENNA ROSSO + 10 SEMI di CAROTA GIGANTE FLAKKEE 2 + PICCOLA GUIDA ALLA COLTIVAZIONE DI OGNI SINGOLA VARIETÀ

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€
    (Risparmi 2€)


    Varietà, avversità e parassiti

    Melanzana bianca Esistono numerose varietà di melanzane, anche se le più diffuse sono quelle ovali e tonde. Tra le più conosciute, ricordiamo : - la violetta Napoletana o Palermitana, ha una forma allungata, colore scuro, sapore piccante ed è una varietà precoce; - la violetta lunga delle cascine, ha un colore violetto; - la violetta nana precoce; - la melanzana di Murcia, che ha un frutto violetto tondo, foglie e fusto spinosi; - la mostruosa di New York, che ha un frutto grande e violetto; - la tonda comune di Firenze, che ha un colore viola pallido, pochi semi e polpa compatta e tenera. Tra le malattie che colpiscono le piante di melanzana, ricordiamo la peronospera, che si cura con poltiglia bordolese. Tra i parassiti in grado di danneggiarla, vanno segnalati il ragnetto rosso, il vaiolo e la dorifora decenlineata, in grado di distruggere l' intero raccolto (si cura con prodotti a base di arseniati). Tra i parassiti sono frequenti anche i tripidi, gli afidi, gli acari e le cimici (si debellano con insetticidi a base di piretro, e gli acari, con acaricidi aggressivi). Importante è la prevenzione, con irrigazioni regolari e alleggerimenti del terreno (ammendamenti).


    Melenzane o melanzane: Proprietà ed utilizzi

    Pizza con le melanzane In cucina la melanzana è la base di moltissime ricette di moltissimi paesi per la sua versatilità (tecniche di cottura, taglio e abbinamenti). Si accompagna molto bene con formaggi, mozzarelle e sughi a base di carne. Tra le ricette molto conosciuta è la parmigiana, la caponata, la pasta alla norma, le melanzane ripiene e le polpette di melanzane. In alcune ricette campane, viene abbinata addirittura al cioccolato. La cucina regionale italiana in cui viene maggiormente utilizzata, è quella siciliana. La melanzana, essendo una solinacea, contiene una sostanza tossica chiamata "solanina" che si riduce con la cottura ad alte temperature. Per questo motivo va consumata solo previa cottura. Quest' ortaggio, inoltre, ha pochissime calorie (circa 18 per 100 gr di prodotto) ed è quindi ideale nelle diete. E' ricca di fibre e consigliata in caso di stipsi. Ha proprietà depurative, aiutando la secrezione biliare, diuretiche ed antinfiammatori. In passato le foglie venivano utilizzate per la cura delle emorroidi. Viene anche usata in cosmesi, come componente di creme viso e maschere nutrienti ed idratanti. Sembra che abbia anche proprietà schiarenti.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO