Semi di amaranto

Descrizione

L'amaranto viene coltivato come pianta per uso alimentare da migliaia di anni dai popoli dell'America Centro Meridionale. Soprattutto per i suoi semi, utilizzati come cereali, cotti come polenta o ridotti in farina. Le tre migliori piante di genere Amaranthus che oggi si coltivano per produrre questi semi sono la Caudatus, la Cruentus e la Hypochondriacus. Queste piante producono infiorescenze a grappolo pendule (amenti) molto grandi, (che arrivano a pesare fino a 100-200 gr.), da cui si ricavano i semi di amaranto che sono piccoli, tondeggianti, e di colore che varia dal bianco lattiginoso al giallo oro o dal marrone brunastro al nero. Possono raggiungere un diametro di circa 1,5 mm e per raccoglierne 1 gr. ce ne vogliono circa 1000-1200. Contengono amidi, ma soprattutto proteine (di più rispetto ai cereali), fibre, sali minerali, lisina (aminoacido molto importante poco presente nei cereali come mais e grano). I semi si raccolgono quando gli amenti sono secchi. La raccolta è complessa in quanto gli amenti maturano in tempi diversi e quindi va fatta in più fasi e a mano. Una pianta è in grado di produrre anche 200.000 semi per un peso fino a 100 gr.
Il fiore dell'Amaranto

il trasporto libero semi Fiori Amaranthus tricolori, Poinsettia amaranto, tasso di germinazione del 99% - 20 particelle Seed h11

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,93€


Contenuto dei semi di amaranto e proprietà

Semi d'AmarantoI semi di amaranto sono ricchissimi di sostanze utili per l'organismo, contengono molto calcio (tre volte superiore ai cereali), ferro, magnesio, fosforo, potassio, vitamine del gruppo B, vitamina C, arginina, alanina, serina, acido glutamminico, acido aspartico (in piccole quantità) e fibre (molto salutari per l'intestino). L'amaranto inoltre è uno dei semi che contengono più proteine (circa il 14%). Le proteine presenti al suo interno sono "complete" perché contengono un aminoacido essenziale per l'organismo umano chiamato lisina (che manca nei cereali o è presente in piccole quantità) e sono nutrienti quasi come quelle di origine animale. Per le sue qualità è un alimento di basilare importanza per chi predilige un'alimentazione sana e priva di carni. Ha iniziato ad essere apprezzato in larga scala come prezioso alimento, intorno agli anni 70, quando alcuni studi scientifici ne hanno evidenziato le tantissime proprietà. In Cina, India e Stati Uniti oggi si coltiva in grandi appezzamenti di terreno ed è cosiderato una coltura "industriale" per la diffusione che ormai ha raggiunto.

    (Ordine della miscela minimo di $ 5) 1 confezione originale 30 pz semi, commestibile Amaranto semi C081 trasporto libero

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,37€


    altre proprietà benefiche dell'amaranto

    Piante di Amaranto nei diversi stadi di maturazione I semi di amaranto sono privi di glutine (la proteina principale di molti cereali) e per questo sono molto importanti nell'alimentazione dei celiaci e nello svezzamento dei bambini. Sono utilizzati spesso come base nelle pappette o come ingrediente nei minestroni per anziani e convalescenti. Ricchi di aminoacidi essenziali (lisina, arginina, inistidine, isoleucina, leucina, fenilalalina) i semi di amaranto sono molto indicati anche per la crescita dei ragazzi (Il succo, miscelato con il miele è un ottimo tonico per garantire una buona crescita). Possono essere utilizzati anche per curare disturbi dell'apparato respiratorio (un cucchiaio di succo fresco, mescolato con del miele è un ottimo rimedio per raffreddore, influenza, asma e bronchite cronica). I semi dell'amaranto inoltre sono simili all'avena, per le capacità che hanno di ridurre il colesterolo, in quanto contengono fitosteroli (molecole in grado di ridurre l'assorbimento intestinale del colesterolo). Per l'alto contenuto di ferro, sono molto impiegati anche per curare l'anemia. Trovano impiego addirittura nella cosmesi. L'olio invece si usa nella cura dell'ipertensione e delle malattie cardiovascolari.


    Semi di amaranto: I semi di amaranto in cucina

    Tortino di Amaranto con zucchine In genere i semi di amaranto si mangiano interi, dopo essere stati lavati e cucinati in una pentola a fuoco basso per circa 30 minuti con una quantità d'acqua doppia rispetto al loro peso. Una volta cotti vanno fatti riposare per circa 10 minuti, per completare la cottura. Si possono poi servire conditi con olio, accompagnati a verdure o carni o in sostituzione del pane. Possono essere cucinati anche accompagnati ad altri ingredienti quali riso, orzo ecc. I semi di amaranto cotti, restano morbidi al loro interno e croccanti all'esterno. Hanno un sapore leggermente dolce, simile alle nocciole tostate. Si usano anche per preparare burgher vegetariani e nelle zuppe di verdure e cereali. In padella, possono essere utilizzati come pop corn. Utili anche per muesli, croccanti e pasticcini o soffiati. Si impiegano anche per aromatizzare plumcake o pane, in sostituzione dei semi di sesamo. Possono essere anche macinati ed utilizzati come farina che, non potendo lievitare per mancanza di glutine, deve essere unita a quella di farro o grano. Si utilizzano anche come latte (ricco di calcio e aminoacidi e quindi indicato per bambini ed intolleranti al lattosio).


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO