Semina fave

Coltivare le fave

Le fave sono piante della famiglia delle leguminose abbastanza facili e veloci da coltivare. Il loro nome scientifico è Vicia Faba e sono una pianta annuale. La raccolta avviene tre mesi dopo la semina. La fava si pianta molto semplicemente, da febbraio ad aprile in tutta l'Italia, e da ottobre a dicembre nelle regioni meridionali con clima invernale mite. Per le semine primaverili, la raccolta avverrà tra maggio e giugno, per quelle autunnali, tra marzo e maggio. Per realizzare un impianto di successo, occorrerà allentare il suolo per circa 30 cm. e creare solchi di circa 10, 15 cm. di profondità. Si porrà un seme ogni 10 cm., spingendo leggermente con il pollice. Alternativamente si potranno seminare due semi per buca, spaziandoli di circa 20 cm. Occorre ricoprirli con poca terra leggera. Infine si darà acqua a pioggia sottile. Occorre fare attenzione perché le fave temono il caldo e la siccità, che rallentano la formazione del baccello: si eviteranno, quindi, coltivazioni troppo tardive. Se si desidera avere più solchi di fave, le file dovranno essere disposte ogni 20 cm. Dopo la raccolta occorre mantenere il terreno mobile e vergine da tutte le erbacce, zappando regolarmente.
fave coltivazione

LENTICCHIE DA SEMINA IN CONFEZIONE DA 100 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


L'irrigazione della fava

piante di fave Le piante di fave non possono sopportare il caldo e hanno bisogno di un terreno fresco e umido per crescere. Bisogna dar loro acqua regolarmente, infatti hanno necessità di umidità consistenti, ma occorre non eccedere. Segno della carenza d'acqua è che le foglie appassiscono. Bisogna favorire l'utilizzo di acqua piovana, che risulta più efficiente e migliora il benessere della pianta. Per annaffiare si potrà utilizzare un annaffiatoio o un tubo flessibile. Dalla primavera, occorrerà irrigare con parsimonia, a seconda delle condizioni meteorologiche. Si continuerà ad aspergere d'acqua all'inizio dell'estate: durante la fioritura e la formazione dei baccelli il terreno deve rimanere umido. In caso di siccità o di un'ondata di calore, si darà acqua più volte alla settimana, preferibilmente la sera.

  • fave Appartenente alla famiglia delle Papilionaceae e all’ordine delle Leguminose, la Fava, è una pianta erbacea annuale diffusissima nelle Mediterraneo. Il nome botanico associato a questa pianta è “Vicia...
  • zucchine1 La zucchina (Cucurbita pepo) è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, caratterizzata da un cespuglio formato a partire dal fusto strisciante oppure rampicante, comunque fle...
  • porro Il porro (Allium porrum) è una pianta erbacea monocotiledone appartenente alla famiglia delle Liliaceae caratterizzata da falsi fusti simili a bulbi nella loro parte inferiori, formati in realtà da pi...
  • Quanto conosci dell'orto? Saresti in grado di prendertene cura? Divertiti con questa sezione, giocando e imparando tutti i segreti per coltivare l'orto...

LUPINI DA SEMINA IN CONFEZIONE DA 100 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Concimazione delle fave

Coltura delle fave La fava è una delle piante più sobrie da coltivare. Accetta volentieri l'azoto. La fava appartiene alla famiglia delle Fabaceae, precedentemente definite legumi, che sono in grado di assorbire l'azoto dall'aria e si nutrono grazie a dei batteri, Rhizobium, ospitati nelle radici. L'aggiunta di letame, o di fertilizzante organico ricco di azoto, non è necessaria. Anzi, potrebbe anche essere dannosa, perché i nitrati non assorbiti dalle colture possono essere dilavati e entrare nelle acque sotterranee. Tuttavia, la fava ha bisogno di un suolo profondo, argilloso, calcareo e ricco di potassio. Un terreno troppo povero può influenzare la crescita delle fave. Quando le foglie divengono marroni o arrossiscono, è un segno di carenza di fosforo o di potassio. In suoli poco ricchi, si consiglia di apportare un fertilizzante organico, ricco di sali di potassio e di fosforo, 2 o 3 settimane prima di seminare. Dalla semina alla fioritura, ogni 2 o 3 settimane, si potrà aggiungere un concime ricco in oligoelementi.


Semina fave: Esposizione e malattie delle fave

Il simulide della fava Le fave richiedono un'esposizione calda e soleggiata. Anche se facili da coltivare e manutenere, si deve monitorare la loro crescita. Il nemico principale è il simulide. Lo si nota quando attacca gli steli e talvolta i baccelli, formando invasioni di piccole bestie nere che danneggiano il raccolto. Occorre iniziare il trattamento appena compaiono questi ditteri. Eventualmente si rimuoveranno gli steli infestati, se l'invasione è importante e localizzata. Si controllerà anche la possibile comparsa di funghi, come la muffa e la ruggine della fava. La coltivazione delle fave, per prevenire la diffusione delle malattie, deve tessere riportata nello stesso terreno ogni tre anni. Sul campo si potranno coltivare, l'anno precedente della semina delle fave, bulbi come l'aglio, lo scalogno, la cipolla, e l'anno successivo verdure a foglia, quali la lattuga o il cavolo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO