Arieggiatori

Amore del giardino

Se una famiglia, o comunque una persona, ha la fortuna di vivere in una casa dove c’è un giardino privato, beh allora con i tempi che corrono questa è davvero una cosa importantissima; attenzione, noi non stiamo facendo né un discorso economico e né comunque i conti in tasca a nessuno. Infatti, parlando dei “tempi che corrono” non citiamo la scadente congiuntura economica, bensì la strada che la nostra società ha preso, ovvero una strada fatta di stress, fretta, obiettivi da raggiungere sul lavoro, pressioni per impegni vari e pochissimo tempo per noi e per la nostra famiglia. Il giardino interviene proprio su quest’ultimo aspetto, riuscendo a far ritagliare a coloro che lo vivono del tempo per loro, un tempo da trascorrere nella serenità di un pezzetto di natura tutto per noi, magari sorseggiando un drink oppure facendo qualche lavoretto di manutenzione dello stesso giardino, sapendo in ogni caso che nessuno potrà né toglierci questi attimi e né disturbarci. Per questi motivi è oggettivo che tra il giardino e chi lo vive non può scattare che un vero e proprio amore, cioè un qualcosa di inspiegabile che però porta le persone a desiderare davvero fortemente di trascorrere del tempo lì, anche lavorando, perché quelli sono i lavoretti che ci impegnano e distraggono allo stesso tempo, facendoci dimenticare stress e pensieri negativi.
arieggiatore a rullo

Al-Ko 112800 Comfort 38E Combicare Arieggiatore-Scarificatore, Elettrico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 128€
(Risparmi 55€)


Dare ed avere

arieggiatore a motoreL’incredibile rapporto che si instaura tra giardino e chi lo vive ha delle basi solidissime, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, ma non può esser definito “reciproco” se non altro perché non crediamo che il giardino possa amare per davvero chi lo abita. Nonostante ciò, esso fa per coloro che lo abitano le stesse cose e forse anche più di un centro benessere, di una seduta sportiva e di tutte le altre cose che ci aiutano a scaricare lo stress, ma tutte insieme e senza costanti spese economiche. Ma noi cosa facciamo per il nostro giardino? Solitamente il ricambio migliore dei favori che esso fa a noi è una cura costante, precisa ed appassionata, alla maniera del “pollice verde”; tenere infatti il giardino stesso al massimo del suo splendore ed efficienza è quanto di meglio possiamo fare per esso, e ciò si ottiene attraverso dei piccoli lavoretti che hanno nella costanza giornaliera la loro pecca maggiore, se di pecca si può parlare. Curare un giardino è tutt’altro che difficile, perché se si ha quel minimo di buona volontà che ci fa impegnare ogni giorno il tutto risulterà molto semplice, mentre far accumulare le cose da fare farà sembrare insormontabile la mole di lavoro da affrontare.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

BLACK+DECKER GW3030-QS Soffiatore, Aspiratore e Trituratore, 3000 W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 94€
(Risparmi 25,9€)


Attrezzi da giardino

Per prendersi cura del proprio giardino l’attrezzo fondamentale è la volontà; in realtà, a voler proprio esser sinceri, questo è l’attrezzo indispensabile per ogni cosa che si fa, dallo studio ai lavoretti di casa. Per i lavori da giardino nello specifico serve anche qualche altra cosa, tipo i classici attrezzi che da sempre accompagnano i lavori della terra: vanga, pala, zappa, rastrello, carriola e poco altro a seconda delle occorrenze. Con queste semplici, economiche attrezzature, i nostri nonni hanno coltivato i campi intorno alle proprie case, sfamato e cresciuto i propri figli ed anche guadagnato qualcosa di soldi. Oggi il mondo è cambiato e ciò è quasi impossibile, ma soprattutto questi attrezzi sono stati evoluti e meccanizzati, per renderli più efficienti, veloci, facili da usare e per rendere meno duro il lavoro, anche se gli attrezzi storici sono ancora utilizzatissimi e diffusi come poche altre cose. Diciamo che quando c’è l’esigenza di avere un briciolo di competitività economico-industriale, anche nel campo dell’agricoltura è quasi d’obbligo rivolgersi alle macchine agricole: con un costo d’acquisto a volte un po’ alto ci si garantisce lavori perfetti e di qualità costante, oltre che rapidissimi (rispetto a quello manuale).


Arieggiatori

Gli arieggiatori sono dei particolari attrezzi agricoli che hanno anche un grande utilizzo nel micro-mondo del giardinaggio; il loro scopo funzionale è quello di arieggiare il terreno (e non, come potrebbe far pensare il nome, di ventilatori o comunque qualcosa che manda e smuove l’aria), ovvero di separare, smuovere, riposizionare le zolle in modo da permettere ad aria fresca di penetrare il terreno ed all’aria ”esausta” di venirne fuori ed essere smaltita. Infatti, al di là di ciò che si pensa in giro, il terreno ha bisogno di ricambio di aria e di sostanze nutritive, soprattutto nella fase precedente alla inseminazione, per far sì che i semi possano trovare le condizioni migliori per crescere e svilupparsi come piante, fiori, frutti eccetera. L’arieggiatore raggiunge il suo scopo grazie a delle specie di pale che vengono fuori da un rullo, un po’ come un pettine da parrucchiera: questo rullo viene fatto ruotare sul proprio asse (quando è orizzontale e perpendicolare alla direzione del moto) e le pale quindi entrano, scorrono nel terreno, lo smuovono e ne fuoriescono per poi rientrare qualche metro dopo. Tutto ciò grazie di solito ad un motore termico, mentre la spinta in avanti è solitamente manuale.




COMMENTI SULL' ARTICOLO