Oidio zucchine


partecipa al nostro quiz su: Sai coltivare le zucchine?
Sai coltivare le zucchine?

Cos'è l'oidio

L'oidio è una delle principali minacce delle coltivazioni nell'orto e in particolare di curcubitacee, cetrioli e zucchine. Conosciuto anche come “mal bianco” per via delle macchie bianche che provoca sulla coltivazione infetta, l'oidio è una malattia fungina che, una volta diffusa, è difficile da debellare: osservare la sua presenza in modo tempestivo è quindi fondamentale per evitare che i danni siano molti. Le macchie si diffondono infatti in poco tempo divenendo sempre più ampie, fino a creare una patina bianca che ricopre la foglia impedendole di ricoprire l'intera foglia, facendola così seccare. Una volta che la malattia fungina si è diffusa, la pianta è compromessa e il suo recupero è difficile: per questo la prevenzione è fondamentale. L'oidio si diffonde tramite spore portate dal vento e la sua diffusione è facilitata da ambienti poco areati e umidi, con temperature intorno ai 22 gradi.
Oidio zucchine

10 kg ≙ pellet letame 15,4 L HORSIT Pellet fertilizzante per cavalli, Concime universale Premium NPK Concime naturale Fertilizzante a lungo termine di sterco di cavallo - consentite nell'agricoltura biologica (sacco da 10 kg)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,99€
(Risparmi 8€)


Prevenzione

Oidio zucchineLa prevenzione è particolarmente importante per un disturbo difficile da combattere e di facile diffusione: la prima azione importante da mettere in atto è quella di fare in modo che l'oidio non abbia mai a disposizione un ambiente fertile per proliferare. Tra le fila di zucchine e, in generale, delle coltivazioni, è bene lasciare sufficiente spazio per favorire il ricircolo dell'aria, evitando così anche il contatto diretto tra le foglie delle diverse piante. Il ricambio dell'aria deve essere favorito anche tra le foglie della stessa pianta, eliminando quelle più vecchie e ormai secche soprattutto nei pressi dei frutti. Anche i ristagni idrici sono da evitare, poiché favoriscono la diffusione di questa e molte altre malattie fungine e parassitarie. Meglio innaffiare all'alba e a scorrimento, evitando l'innaffiatura a pioggia soprattutto la sera, quando poi le gocce e l'umidità rimarrebbero sulle foglie per l'intera notte.

  • Pianta di Ribes rosso con frutti Il ribes rosso appartiene alla famiglia delle Sassifragacee, al genere Ribes ed alla specie rubrum.È una pianta perenne, dotata di radici robuste, di 1-2 m di altezza che forma cespugli di media vig...
  • Pianta di Ribes Nero Il ribes nero appartiene alla famiglia delle Sassifragacee, al genere Ribes ed alla specie nigrum.È un cespuglio che raggiunge e supera un’altezza di 2 m, dotato di fusti ramificati. Le foglie sono ...
  • Pianta di Uva Spina L’uva spina appartiene alla famiglia delle Sassifragacee, al genere Ribes ed alla specie grossularia.È un cespuglio di bassa taglia, alto 0,5-0,7 m, a portamento eretto; le radici sono superficiali ...
  • oidio1-1 Le piante possono essere attaccate da insetti, virus, batteri e funghi. Questi ultimi, una delle forme di vita più elementari sulla Terra, hanno un comportamento parassitario, cioè vivono nutrendosi d...

CONCIME ORGANICO GRANULARE BIOSTARK CONF. DA 10 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,5€


Oidio zucchine: Rimedi

Oidio zucchineDebellare l'oidio, una volta che ha colonizzato una pianta, non è affatto semplice. Se la pianta non è recuperabile, comunque, è importante intervenire in modo tempestivo sradicandole e smaltendola lontano dalle altre coltivazioni dell'orto: le spore, infatti, potrebbero facilmente raggiungere per via aerea altre piante rovinando intere coltivazioni. La lotta può essere chimica o anche biologica, grazie all'utilizzo di prodotti antifungini a base di zolfo. Il trattamento può essere ripetuto più volte nel corso dell'anno, per avere la certezza che il disturbo non torni a proliferare rovinando le zucchine e le altre coltivazioni vicine. Va ricordato, però, che lo zolfo ha potere preventivo: non è infatti attualmente possibile eliminare l'infestazione, ma si potrà solamente eliminare le foglie colpite, se non sono molte, ed utilizzare lo zolfo in maniera preventiva per evitare che l'oidio si diffonda su altre parti della pianta ancora sane.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO