Orti verticali

Cosa sono gli orti verticali

La crescente fortuna degli orti verticali deriva da un grande problema, che affligge soprattutto chi vive negli appartamenti e nei palazzi cittadini: lo spazio disponibile. Spesso ci si ritrova ad avere a disposizione solo un balcone o una terrazza che, per quanto possono essere ampi, non potranno mai offrire lo spazio sufficiente allo sviluppo ottimale di molti ortaggi, soprattutto quelli a lunga estensione; in altre occasioni si dispone soltanto di un atrio o di un piccolo spazio fuori dal portone di casa. Il ricorso agli orti verticali consente di ottimizzare lo spazio a disposizione e valorizzare il proprio pollice verde nonostante le eccessive lunghezze di accrescimento. Per creare degli orti verticali bisogna disporre verticalmente i classici contenitori che vengono impiegati nella coltivazione, per lo più i vasi, anche se nel tempo si sono diffuse soluzioni alternative molto creative; i vasi o i contenitori scelti vanno collocati su diversi ripiani, per sfruttare al meglio non solo lo spazio in orizzontale, ma anche quello in verticale.
Orto verticale

Torba per Giardinaggio Biologica Confezione 250 Litri Circa 30KG - Torba BIONDA 0-40 Natur Torf Sacco 250 Litri Ideale per Tutti i Tipi di Terreno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,5€


Cosa piantare negli orti verticali

Idea orti verticali Prima di realizzare degli orti verticali, è consigliabile valutare quali possono essere le tipologie di ortaggi più adatte. Per quanto riguarda i pomodori, di cui esistono veramente le più disparate specie, si può optare per i tipi che crescono in larghezza e mantengono comunque un’estensione abbastanza ridotta; un’idea può essere coltivare i pomodori rampicanti, che possono essere piantati alla base dell’orto verticale e fatti crescere adiacenti a un muro o alla struttura stessa dell’orto. Più in generale, tutte le specie rampicanti, come zucchine e zucche, possono essere impiegate secondo queste modalità, stando però attenti che non ostacolino o tolgano luce agli altri ortaggi: si devono scegliere pochi esemplari di rampicanti, rispetto a quelli cespugliosi o bassi. Vanno evitati gli ortaggi perenni, come carciofi e asparagi, in quanto necessitano di cure maggiori e di rinvasi periodici, offrendo una produttività relativamente bassa; tra le piante perenni si può invece piantare il rosmarino, la cui vistosa crescita in altezza può essere contenuta con potature frequenti e accorgimenti non troppo laboriosi.

  • zucchine1 La zucchina (Cucurbita pepo) è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, caratterizzata da un cespuglio formato a partire dal fusto strisciante oppure rampicante, comunque fle...
  • porro Il porro (Allium porrum) è una pianta erbacea monocotiledone appartenente alla famiglia delle Liliaceae caratterizzata da falsi fusti simili a bulbi nella loro parte inferiori, formati in realtà da pi...
  • Quanto conosci dell'orto? Saresti in grado di prendertene cura? Divertiti con questa sezione, giocando e imparando tutti i segreti per coltivare l'orto...
  • La coltivazione dell'orto è diventato un vero e proprio hobby in quanto permette di creare qualcosa di proprio e avere soddisfazioni già dalla nascita del primo germoglio. Nel tuo piccolo spazio verde...

Ginocchiere da Lavoro,Preciva ginocchiere professionali per lavoro,con imbottitura in confortevole gel e cinghie regolabili, per giardinaggio e lavori di costruzione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,99€


L’attrezzatura per custodire gli orti

Manutenzione orto La gestione degli orti verticali è piuttosto semplice e intuitiva e, al tempo stesso, non richiede l’utilizzo di attrezzi difficili da reperire. Il primo oggetto essenziale è, ovviamente, un innaffiatoio: ne esistono tantissimi tipo, da quelli in plastica, resistenti e pratici, a quelli ricercati ed eleganti in materiale zincato; ogni tipologia di pianta ha bisogno di diverse modalità di innaffiatura, dettaglio da valutare prima di irrigare le proprie piante, o addirittura prima di scegliere quali innestare: le piante che necessitano di essere innaffiate sulle foglie hanno bisogno di un innaffiatoio con diffusore ampio e buchi molto sottili, mentre le piantine che richiedono solo un terreno ben umidificato possono essere irrigate con uno strumento privo del caratteristico diffusore a pioggia. Più semplice il discorso che riguarda gli altri attrezzi da impiegare: per quanto riguarda i vasi, la vasta gamma tra cui scegliere offre soluzioni adatte ad ogni genere di pianta; infine, per la manutenzione del terreno si possono utilizzare una paletta in ferro, per manipolare il terriccio, e un rastrello, sempre in ferro, per livellare il terreno ed effettuare piccole sarchiature.


Orti verticali: Le configurazioni

PET tree vertical La prima soluzione consigliata è quella che si serve di scaffali in legno, plastica, ferro, su cui disporre i vasetti; è importante esporre la struttura al sole, per assicurare la giusta quantità di luce, provvedendo anche al reperimento di sottovasi per ogni contenitore e a teli o incerate, per evitare che possibili fuoriuscite d’acqua danneggino le superfici. Per chi non ha voglia di costruire degli orti verticali fai da te, esistono dei contenitori già assemblati, pratici e comodi. Un sistema più recente è il PET tree vertical, che si serve di bottiglie e contenitori di plastica per metterci piante e terriccio; in questo caso il sistema di irrigazione è molto originale, in quanto prevede che l’acqua data ai vasi in cima scoli attraverso i fori di uscita, andando a diffondersi nei vasi sottostanti. Simili al PET tree vertical sono le fioriere e i contenitori a cascata, con colonne che, ancora, fanno defluire l’acqua nelle fioriere sottostanti, grazie a una rete di portavasi fissati al muro o ad altri supporti. Infine, si possono riutilizzare i bancali e le pedane in legno che i magazzini non riutilizzano, fondendo giardinaggio e riciclaggio.


Guarda il Video
  • orti verticali Gli orti verticali sono, innanzitutto, un'ottima idea per coloro che vivono in città e hanno l'eterno problema dell'asse
    visita : orti verticali

COMMENTI SULL' ARTICOLO