Prato da giardino

La semina del tappeto erboso

La fase della messa a dimora dei semi è molto importante per ottenere un prato che non solo cresca in maniera sana, ma che si conservi anche negli anni. Fondamentale è la base per la semina: il terreno dovrà essere prima di tutto ripulito da erbacce o pietre, e in seguito dissodato con l'aiuto di una vanga a una profondità di circa 15 cm. Nel caso di un terreno troppo poco drenato sarà bene addizionarlo con della sabbia e torba mescolate. Circa una settimana prima della semina si procede alla fase di concimazione con prodotti a base di azoto, fosforo e potassio. Il terreno dovrà essere quindi livellato con l'aiuto di un rastrello per poter sistemare i semi in modo uniforme (50 gr di semi per metro quadro), ricoprendoli in seguito con un sottile strato di terra. Per i due mesi successivi alla semina il prato non deve essere stressato con passaggi frequenti per permettere alle radici di rafforzarsi. Il periodo preferibile per la semina è quello autunnale (settembre-ottobre), e quello primaverile (marzo-aprile). Seminando all'inizio dell’autunno, il terreno si mantiene umido grazie alle piogge e le piantine hanno modo di radicarsi bene per poi svilupparsi in primavera.
Preparare il terreno alla semina del prato

Holifine 50FT Espandibile Garden Flessibile Innaffiare Elastico Tubo con 9-modello Ugello di Spruzzo Acqua Tubi per Irrigazione da Giardino Prato - Blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,98€
(Risparmi 16,38€)


Manutenzione del manto erboso

La manutenzione del prato da giardino La primavera è il momento ideale per valutare le condizioni del prato e procedere con eventuali cure e falciature. È importante non falciare l'erba quando il terreno è troppo secco o troppo bagnato, per evitare, nel primo caso, la scarsa disponibilità di nutrienti necessari alla rigenerazione, e la proliferazione di funghi nel secondo. L'operazione di tosatura richiede dedizione e fatica, per questo una buona alternativa per chi fosse impossibilitato a garantire la giusta manutenzione al prato, è la scelta in fase di semina di una varietà come il trifoglio nano o la Dichondra, che formano una superficie densa e compatta che non necessita falciature regolari. L'irrigazione costituisce l'elemento più importante per la manutenzione del tappeto erboso: essa non deve essere frequente, ma l'acqua deve penetrare a fondo, interessando le piantine fino alla radice. La superficie irrigata deve essere uniforme, per questo è importante verificare il raggio dell'impianto di irrigazione, evitando una crescita "a macchie" o ristagni di acqua. L'orario perfetto per irrigare il giardino è al mattino, quanto il vento è debole e l'aria ancora non abbastanza calda da fare evaporare l'acqua.

    Pistola da Giardino | Crenova HN-01 Pistola Irrigazione / Pistola Spray ad Alta Pressione per Autolavaggio, Irrigazione Giardino/ Prato,Pulizia Camera/ Pedana/ Pavimento con Flusso d'acqua Regolabile

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€


    Scegliere la giusta varietà

    Per scegliere la giusta varietà del prato da giardino è opportuno valutare il clima, l'umidità del terreno, la possibilità di manutenzione e l’aspetto finale desiderato. In commercio si trovano in genere miscugli bilanciati di sementi adatti alle più varie condizioni. Le sementi per il prato da giardino sono distinguibili in microterme e macroterme. Sono microterme le graminacee, utilizzate grazie alla loro compattezza per il cosiddetto "prato all'inglese". Hanno una elevata resistenza al freddo, ma tollerano male la siccità, per questo sono adatte a zone temperate. Tra le microterme troviamo le erbe del genere Agrostis Stolonifera, la Festuca e la Poa Pratensis (la specie ideale per le regioni umide e fredde, molto resistente al calpestio). Esse si sviluppano velocemente e sono preferibili per prati altamente sfruttati. Anche le macroterme sono delle graminacee, ma differenza delle precedenti (più attive in primavera), queste sono più adatte alle zone calde e soleggiate; i generi più diffusi sono la gramigna, la Dichondra e il Paspalum. In particolare il Paspalum Vaginatum è una specie macroterma molto utilizzata grazie alla sua resistenza agli stress termici e idrici.


    Prato da giardino: Le malattie del prato: cause e rimedi

    La malattia della Macchia Bruna o Nei periodi caldi e umidi il prato da giardino può essere colpito da diversi tipi di malattie. Lo sviluppo della cosiddetta Brown Patch o Macchia Bruna (una delle malattie più diffuse) ad esempio è favorito dal clima umido, da un'eccessiva presenza di azoto nel terreno e dai ristagni d'acqua. Si presenta come un inaridimento circoscritto a zone circolari in cui le foglie appaiono impregnate di acqua alla base e tendenti al marrone sulla punta. Altre patologie tipiche dei periodi caldi e umidi sono la Dollar Spot e la "Ruggine", causate da un'irrigazione eccessiva o da carenze di azoto. É possibile prevenirle anticipando le innaffiature al mattino presto e riequilibrando la composizione chimica del terreno tramite concimi ricchi di azoto a lenta cessione. Se il prato si presenta macchiato in zone di colore giallo si può ipotizzare una infezione dovuta al Rhizoctonia Cerealis, un fungo che colpisce nella stagione fredda, causato prolungati periodi di pioggia e da un terreno poco drenato.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO