Terreno calcareo

Terreno calcareo

Un terreno è calcareo quando la presenza del carbonato di calcio è superiore al venti per cento. In un terreno calcareo si possono manifestare problemi per quanto riguarda il magnesio e il potassio che potrebbero essere in quantità inferiore alla richiesta delle piante. Oltre ai problemi delle composizione chimica, un terreno calcareo presenta anche modificazioni a livello fisico, infatti possono esserci difficoltà nel deflusso dell'acqua nel substrato, oltre ad avere una cattiva circolazione dell'aria. Infatti questa tipologia di terreno presenta una crosta superficiale particolarmente dura che blocca la penetrazione dell'acqua e dell'aria. Un terreno calcareo potrebbe essere adatto per la coltivazione di piante come l'ulivo e la vite che non risentono della presenza di terreni non particolarmente fertili.
Terreno

50 articoli Piante da siepe bosso (Buxus sempervirens), alta 15cm, dimensioni del piatto: 9cm, sempreverdi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,5€


Grado di acidità di un terreno

Piante di olivo La corretta identificazione di un terreno è essenziale per riuscire a garantire un naturale sviluppo delle piante, la loro crescita ottimale e la loro sopravvivenza. Si deve quindi distinguere adeguatamente un terreno calcareo da uno acido. Un terreno calcareo è ideale per la coltivazione di piante che vengono definite "calcicole" come: il Ginepro comune, il Larice, il Pino, il Ciliegio, l'Ibisco, il Melograno, il Noce, il Gelso, il Bosso, il Nespolo, l'Oleandro, l'Olivo e il Leccio, al contrario quindi delle piante acidofile. Infatti la presenza massiccia di calcio in alcuni terreni può provocare seri danni ad alcune piante. Quindi per una corretta coltivazione è opportuno conoscere il giusto grado di acidità di un terreno e ricavarne quindi il pH. Infatti in presenza di un terreno con ph inferiore a sette si sarebbe in presenza di un substrato acido al contrario di un terreno basico quindi adatto a piante "calcicole".

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Piantina di Fragola con frutti La fragola appartiene alla famiglia delle Rosacee ed al genere Fragaria, il quale comprende diverse specie: la fragolina di bosco (Fragaria vesca), Fragaria virdis, adatta in terreni calcarei, Fragari...
  • bacche Mirtillo Il mirtillo appartiene alla famiglia delle Ericacee ed al genere Vaccinum; le specie più importanti sono: il mirtillo nero (Vaccinum myrtillus), il mirtillo rosso europeo (Vaccinum vitis idaea), il mi...
  • Pianta di rovo Il rovo appartiene alla famiglia delle Rosacee ed al genere Rubus; le specie più importanti sono: il rovo che cresce spontaneo in luoghi incolti e sui cigli stradali (Rubus fruticosus), Rubus procumbe...

10 articoli Piante da siepe bosso (Buxus sempervirens), alta 70cm, dimensioni del piatto: 19cm, sempreverdi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 50€


Calcolo dell'acidità di un terreno

Larice Il calcolo del pH risulta molto utile per la scelta delle piante da coltivare in un dato terreno, dal momento che mettere a dimora piante acidofile in un terreno eccessivamente basico potrebbe provocare la clorosi ferrica. Questa patologia si presenta con una progressiva decolorazione delle foglie, una ridotta fioritura e una fruttificazione eccessivamente scarsa. Questo perché il calcare presente nel terreno riduce la capacità di solubilizzazione di molte sostanze nutritive in esso presenti che quindi non possono essere assorbite dagli apparati radicali delle piante. È importante anche riuscire a distinguere un terreno calcareo da uno composto da torba. Infatti quest'ultimo contiene una buona quantità di sostanze organiche e può migliorare la capacità drenante tramite l'aggiunta di sabbia o ghiaia.


Miglioramenti di un terreno calcareo

Ciliegio Un terreno calcareo potrebbe essere corretto provvisoriamente apportando al substrato dei fertilizzanti che contengano sostanze organiche adeguatamente acidificanti. Il risultato dell'acidificazione di un terreno però dipende da quante sostanze vengono somministrate, da quanto sia il grado calcareo del substrato e soprattutto dalla tipologia di terreno presa in considerazione. Infatti in presenza di grandi quantità di argilla potrebbe essere molto lungo il processo di miscelazione tra la terra e le sostanze organiche. Il processo che riduce l'alcalinità del suolo però non è definitivo, in quanto le irrigazioni e le piogge tendono a riportare le caratteristiche del substrato a quelle iniziali. Quindi il processo deve essere continuativo nel tempo e il suolo andrebbe pacciamato adeguatamente con sostanze acidificanti come aghi di conifere, scarti di caffè e di frutta o verdura.



  • terreno calcareo Quando si parla di terreno calcareo si fa riferimento a un tipo di terreno nel quale il carbonato di calcio risulta pres
    visita : terreno calcareo

COMMENTI SULL' ARTICOLO