Veccia

L'irrigazione

La veccia è una pianta che si adatta molto bene al clima mediterraneo. Essa è in grado di soffocare l'insorgenza delle principali erbe infestanti. La veccia è utilizzata come coltura da alternare alle colture cerealicole. Inoltre rappresenta un ottimo foraggio per gli allevamenti, dato il grande quantitativo di proteine e la facilità del bestiame a digerirlo. Per quanto riguarda l'irrigazione della pianta, si consiglia di evitare eccessivi ristagni di acqua, poiché sono poco tollerati dalla pianta e possono provocare danni irreparabili, specie all'apparato radicale. Per tale motivo risultano essere più che sufficienti gli apporti idrici forniti dalle precipitazioni invernali. Nel caso di un inverno particolarmente caldo e poco piovoso risulterà necessario irrigare. In tale evenienza bisogna tener conto dell'estensione del campo da irrigare. Si consiglia di ricorrere a macchinari specifici per l'irrigazione di colture erbacee e cerealicole.
Veccia fiore

SEMI veccia vellutata, utilizzato come una coltura di copertura, sovescio, pascolo, insilato e fieno.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come coltivarla

Semi veccia La veccia non richiede particolari cure dal punto di vista operativo, perlomeno durante la coltivazione. Il grosso del lavoro, infatti, deve essere effettuato prima di iniziare la coltivazione. Prima di procedere con la semina della veccia, si raccomanda di preparare accuratamente il terreno. Innanzitutto si consiglia di affinare quanto più possibile il terreno, in particolare in superficie, così da favorire l'interramento dei semi. Successivamente, si raccomanda di livellare e uniformare il terreno, cercando di evitare la formazione di dossi e avvallamenti, causa di pozze e ristagni idrici. Per quanto riguarda la semina, quando possibile si raccomanda di effettuarla meccanicamente, così da spargere il seme in maniera più uniforme. I periodi più indicati per la semina sono l'autunno nelle zone con inverni più miti; e la primavera nelle zone con inverni più rigidi ed estati più fresche.

  • Compostiera Riciclare gli scarti verdi e quelli di cucina è possibile in modo economico e semplice, senza dover ricorrere a servizi di smaltimento, grazie all’installazione all’interno del proprio giardino di una...
  • concimifertilizzanti1_zpscbaab65e I concimi fertilizzanti sono delle sostanze dotate di una doppia proprietà: nutrizione delle piante e correzione delle caratteristiche chimico fisiche del terreno. In agricoltura e giardinaggio i conc...
  • Fertilizzanti per le piante I fertilizzanti sono una delle risorse più preziose per gli amanti del verde, dei validissimi compagni che aiutano nella coltivazione e permettono di far crescere al meglio tutte le piante. Una perfet...
  • Urea fertilizzante Per una coltivazione efficace non basta selezionare il terreno e fare in modo che le condizioni ambientali siano ottimali per la pianta che si decide di far crescere: il terreno avrà bisogno di essere...

Semi veccia vellutata * Azoto Fixer * la copertura del raccolto * Companion Impianto di pomodori

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


Concimazione

Campo veccia dolce La veccia è una coltura che viene utilizzata essa stessa come fertilizzante. Per tale motivo le concimazioni non sono strettamente necessarie, inoltre si adatta a tutte le tipologie di terreno. Tuttavia, nel caso si voglia dare sostegno alla coltura, si possono effettuare delle concimazioni. Si raccomanda di effettuare queste concimazioni solo nella fase iniziale d'impianto della coltura, utilizzando solo prodotti contenenti fosforo e potassio. Durante la fase di preparazione del terreno, inoltre, se lo si desidera, si possono utilizzare concimi organici o del letame al fine di arricchire maggiormente il terreno. Nel caso in cui si decide di utilizzare il letame, è necessario assicurarsi che sia maturo, poiché in caso contrario si potrebbero creare dei danni all'apparato radicale della veccia.


Veccia: Malattie e rimedi

Ruggine foglie La veccia è una pianta abbastanza resistente e poco soggetta a particolari patologie. Nonostante questo, in alcuni casi potrebbero insorgere alcune patologie. Tra queste le più diffuse e comuni sono la peronospora, la ruggine e il mal bianco. Queste problematiche sono legate per lo più ad un'eccessiva umidità e a notevoli ristagni idrici. Pertanto, se in fase di pre-impianto si è provveduto a lavorare e sistemare correttamente il terreno, tali problemi possono essere tranquillamente evitati. Nel caso in cui dovessero manifestarsi queste patologie, occorre intervenire tempestivamente, dato che si tratta di problemi in grado di compromettere irrimediabilmente la coltura. Per combattere la peronospora e la ruggine si consiglia di utilizzare prodotti a base di rame. Per quanto riguarda il mal bianco è necessario ricorrere ad un fungicida a base di zolfo. In ogni caso si consiglia di richiedere l'intervento e la consulenza di un esperto del settore, poiché ritardi o errori di intervento possono provocare la distruzione totale del raccolto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO