Come curare le stelle di natale

Le caratteristiche della stella di Natale

Ogni Natale, una delle piante da appartamento che quasi sicuramente si riceverà in regalo, o che si userà per fare a nostra volta un dono, è la cosiddetta stella di Natale. Il nome botanico della stella di Natale è Euphorbia pulcherrima, poiché appartiene alla famiglia delle Euphorbiaceae. In un primo tempo invece fu erroneamente chiamata Poinsettia, in onore di Joel Roberts Poinsett, che fu l'ambasciatore degli Stati Uniti che importò la pianta dal Messico, regione di cui è originaria. In natura, la Poinsettia può arrivare a misurare fino a tre metri di altezza, mentre gli esemplari coltivati in serra è davvero raro che arrivino a tali dimensioni. Ciò che comunemente viene creduto il fiore della stella di Natale, i petali di colore rosso, sono in realtà brattee, ovvero foglie modificate. I fiori sono piccoli e gialli, e si trovano al centro delle brattee. Spesso, dopo Natale, la Poinsettia viene abbandonata e lasciata morire: ma con le cure adeguate, può rifiorire il Natale successivo. Ecco come curare le stelle di Natale.
Illustrazione botanica delle brattee della stella di Natale

BloemBagz Erbario: Vaso per erbe aromatiche piccolo con 3 tasche Colore: Sea Struck

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€


Come curare le stelle di Natale

I fiori della stella di Natale, circondati dalle brattee rosse Le stelle di Natale, in genere, vengono vendute confezionate all'interno di involucri di plastica aperti sulla sommità. Questo, infatti, serve a proteggere le loro foglie, che sono molto delicate e si spezzano con estrema facilità. Appena in casa, però, la pianta deve essere liberata, perché ha bisogno di respirare, e bisogna inoltre evitare che la sua terra non si secchi troppo. Quindi, si deve controllare subito se ha necessità di acqua, e, nel caso sia così, le deve essere somministrata. Attenzione però a non creare ristagni, perché anche le radici della Poinsettia sono estremamente delicate e possono marcire. Dieci minuti dopo averla annaffiata, si deve avere cura di svuotare il sottovaso, se c'è dell'acqua in eccesso. La posizione migliore in cui metterla è in un ambiente caldo, ma non troppo secco. Come si diceva, la stella di Natale è una pianta originaria del Messico, quindi le temperature ideali per lei sono intorno ai venti gradi, mai sotto i quindici.

  • stellanatale4 Tra le piante ornamentali da appartamento, un posto di primo piano spetta sicuramente alla Stella di Natale, piccolo arbusto originario del Messico e tipico delle aree con clima caldo o tropicale. In...

Papiro- Artificiale - H.180 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 169,99€


Come conservare le stelle di Natale dopo il Natale

Un esemplare di stella di Natale potata dopo l'inverno Una volta trascorso il periodo natalizio, non ci vorrà molto perché le ampie e rigogliose foglie della stella di Natale inizino ad afflosciarsi. A questo punto, in genere, chi possiede una Poinsettia tende a trascurarla e a lasciarla morire. Per farla sopravvivere, la pianta deve essere messa in un luogo leggermente più fresco, ad esempio lungo le scale. Bisogna avere cura che riceva sufficiente luce solare, meglio se non diretta, e che non si trovi in una zona particolarmente ventosa. Inoltre, si deve farle avere sempre l'acqua a sufficienza. Quando le temperature iniziano a farsi più miti, verso la primavera, la Poinsettia può essere spostata all'esterno, sul balcone o in giardino, in un luogo luminoso. Va potata, tagliandole via tutti i rami ormai secchi, fino a ridurli della metà. Si deve avere cura di fare il taglio sempre sopra l'attaccatura di una foglia, e di aiutare la cicatrizzazione dei tagli usando dello zolfo.


Come curare le stelle di natale: Come far rifiorire le stelle di Natale

La splendida fioritura di stelle di Natale di diversi colori Per tutta la primavera e l'estate, la Poinsettia deve essere lasciata in un luogo riparato e luminoso, senza spostarla e solo girandola di tanto in tanto affinché riceva il sole in modo uniforme. In autunno, si deve di nuovo portare la pianta in casa. Per avere una nuova fioritura a Natale, c'è una procedura che si deve osservare scrupolosamente. L'Euphorbia infatti è una pianta detta brevidiurna e fotoperiodica: questo significa che necessita di un certo numero di ore di buio, e di un certo numero di ore di luce. La notte, va messa in una stanza completamente buia, dove non entri nessuno e non filtri mai luce: poi esposta alla luminosità naturale per almeno otto ore. In questo modo, spunteranno le prime brattee colorate. A questo punto, si può portare in appartamento, e la Poinsettia rallegrerà un altro Natale. Altri accorgimenti su come curare le stelle di Natale consistono nel cambiarle il vaso ogni due o tre anni, e nell'usare in inverno un buon concime ricco di potassio e fosforo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO