Curcuma

Curcuma

E’ la pianta del momento: tutti la vogliono e tutti ne parlano, anche per via delle benefiche virtù di una spezia che si ricava dalle sue radici. Stiamo parlando della curcuma, pianta originaria delle Indie, dell’Australia e dell’Asia meridionale, molto apprezzata nel giardinaggio, ma anche dalla moderna fitoterapia. Le virtù fitoterapiche della curcuma sono conosciute in dall’antichità, così come anche i suoi utilizzi culinari. La curcuma è ampiamente usata nella cucina indiana, ma anche come componente dei liquori. Per la sua bellezza, questa pianta viene anche coltivata i vaso per abbellire gli appartamenti. Se le condizioni lo permettono, i suoi bulbi si possono piantare anche in giardino. Il fiore reciso si può usare per preparare dei bouquet da sposa. Insomma, con la curcuma si possono fare tante cose, a patto di dedicarle le corrette attenzioni colturali. Nei prossimi paragrafi parleremo proprio dei metodi e delle esigenze di coltivazione della curcuma, ma anche delle sue caratteristiche e di altre curiosità.

curcuma4

sorridente verme della fibra di cocco Brick, Coco torba + Coco Husk chips in one Brick, Coco mezzo di crescita per crescere curcuma curcuma Plant 800 grams, fino a 11 litri, CE: < 0.5 ms/cm, film avvolto. Spedizione gratuita

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,46€


Caratteristiche

curcuma2 Come già detto al precedente paragrafo, la curcuma è una pianta di origine asiatica. Appartenente alla famiglia delle Zinziberacee, la curcuma è parente stretto dello zenzero, anche se le sue spezie sono meno piccanti di quest’ultimo, ma pur sempre benefiche. Di questa specie si contano circa ottanta diverse varietà, tutte erbacee, arbustive, bulbose e con comportamento perenne. La pianta si presenta con un fusto carnoso alto da 45 a 70 centimetri( dipende dalla varietà) e con un’infiorescenza a forma di spiga, composta da brattee ( foglie deformate) che contengono i fiori. Le brattee sono più verdi alla base, mentre assumono diverse colorazioni nella parte apicale, dal giallo, al rosa, al bianco ed al violetto. Le foglie della pianta sono verdi, carnose, lunghe e lanceolate. Il nome botanico della curcuma deriva dall’arabo e dal sanscrito. La pianta è anche notoriamente conosciuta come “zafferano delle Indie”, dal colore della spezia ricavata dalla radice in polvere, colore che è proprio giallo. In natura esistono tante varietà di curcuma, anche se il semplice nome della pianta deriva in realtà da una varietà specifica: la curcuma longa. Le caratteristiche e le esigenze colturali delle varie specie sono simili, cambia solo l’altezza del fusto e la colorazione dei fiori.

  • Pianta di curcuma coltivata in giardino La pianta di curcuma è una specie botanica inclusa nella famiglia delle 'zingiberaceae' e nel genere 'curcuma'. Si tratta di una pianta erbacea perenne che proviene dal Sud-est asiatico e principalmen...
  • Piantagione curcuma La curcuma, pianta dalle diverse varietà, deve essere innaffiata solo dopo l'apparizione dei primi germogli. E' buona norma mantenere il terreno sempre umido, evitando però di sommergerlo troppo. Nel ...
  • Fiore pianta Curcuma La pianta di Curcuma nasce dal rizoma che germoglia con l'arrivo della stagione primaverile. A questo periodo coincide l'inizio delle irrigazioni, che diventeranno regolari e frequenti per tutta l'est...

Hentastic pulcino 12 bastoncini (origano, menta, aglio e curcuma) + free Fun Feeder

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,37€


Varietà

curcuma1Come al solito, nella elencazione delle diverse varietà di curcuma, bisogna anteporre il fatto che non è possibile menzionarle tutte, anche perché, nel caso di questa pianta, ci si riferisce di solito alle varietà maggiormente conosciute e coltivate. Per completezza possiamo citare la curcuma longa, la curcuma alismatfolia, la curcuma zedoaria, la curcuma angustifolia, la curcuma bicolor, la curcuma sylvatica, la curcuma grandifolia, la curcuma colorata e la curcuma lanceolata. La curcuma longa è la varietà più nota e maggiormente coltivata, da cui deriva proprio il semplice nome della pianta. In questa varietà le foglie sono grandi e molto allungate; i fiori sono di colore rosa e il fusto può raggiungere l’altezza di un metro. La curcuma alismatifolia presenta un fusto alto settanta centimetri , foglie molto lunghe, lanceolate, di colore verde chiaro, e grandi fiori lievemente rosati che la rendono simile al Loto. La curcuma zedoaria è usata nella preparazione del liquori; i suoi fiori sono giallo rosa. Tutte le altre varietà sopracitate si distinguono per alcune lievi differenze morfologiche che riguardano la colorazione dei fiori, la forma e la grandezza delle foglie.


Coltivazione

curcuma3La curcuma è una pianta originaria dei paesi umidi e tropicali, quelli ricchi di pioggia per intenderci. Coltivarla non è difficile, a patto di conoscere molto bene le necessità colturali di questa pianta ed i suoi fabbisogni, sia idrici che nutrizionali.


Esposizione e temperatura

La curcuma, essendo una specie tipica dei paesi con climi caldi e piovosi, necessita di temperature decisamente più elevate delle altre piante, anche nei mesi invernali. Nei periodi più freddi, la temperatura ideale per la pianta non dovrà scendere mai al di sotto dei 15 gradi, perché in caso contrario se ne impedirà la crescita e la fioritura. In estate, invece, la curcuma sopporta temperature anche ben elevate ed intorno ai 35 gradi. La pianta predilige le esposizioni luminose, ma non al sole diretto.


Substrato

Il substrato ideale per la coltivazione della curcuma è soffice, ben drenato, leggero, ricco di sostanza organica e lievemente acido. In genere, nella messa a dimora della pianta si usano: terriccio universale mescolato con sabbia o comune terra da giardino a cui vengono aggiunte torba e sabbia.


Messa a dimora

La curcuma deve essere coltivata in un vaso abbastanza ampio, perchè ogni anno tende a formare dei rizomi molto grandi. Questi si possono dividere e rinvasare singolarmente per dare vita a nuove piantine. Per la curcuma coltivata in giardino, i rizomi si prelevano all’inizio dell’autunno, conservandoli in un luogo fresco e asciutto per poi interrarli la primavera successiva. Se la curcuma è coltivata in casa ( in vaso), durante l’autunno vanno sospesi tutti gli interventi colturali, i quali andranno effettuati a partire dalla primavera. Il rizoma si interra lasciando la parte superiore esposta all’aria, in modo da osservare la formazione dei primi germogli, che indicano la ripresa della fase vegetativa. Sarà proprio durante questa fase che bisognerà procedere ad innaffiare la pianta.


Annaffiature

La curcuma deve essere innaffiata frequentemente durante il periodo vegetativo. La particolarità della pianta è che fiorisce in primavera, mentre a fine estate comincia a disseccare, le foglie si ingialliscono e tutta la struttura vegetativa entra in una fase di riposo. Durante la fase di riposo, cioè in autunno, bisogna sospendere le annaffiature. Queste riprenderanno alla comparsa dei primi germogli. La frequenza delle annaffiature nella stagione vegetativa ( dalla primavera all’autunno) dipenderà dalle condizioni del terriccio: se toccandolo con le mani sarà asciutto, bisognerà procedere ad innaffiare. Le piante di curcuma coltivate in casa e in luoghi troppo secchi ed asciutti necessitano di frequenti nebulizzazioni della chioma. Durante le annaffiature bisognerà evitare i ristagni idrici e l’eccessivo inzuppamento del terriccio. L’umidità è spesso causa dello sviluppo di malattie fungine che possono attaccare anche le radici ed i rizomi della curcuma.


Concime

La curcuma va concimata ogni dieci, quindici giorni, durante il periodo delle annaffiature, aggiungendo fertilizzanti liquidi per piante a fiore, all’acqua di irrigazione. Ogni mese, la pianta va concimata con specifici concimi per piante fiorite. La concimazione autunnale deve essere povera di azoto e ricca di fosforo e potassio, che contribuiscono al rafforzamento dell’apparato radicale della pianta. Da non trascurare anche i concimi ricchi di microelementi, come ferro, rame, zinco, manganese, boro e molibdeno, che intervengono in maniera importante nei processi di sviluppo della curcuma.


Propagazione

La curcuma, come accennato ai precedenti paragrafi, si propaga per divisione dei rizomi. Questi si tagliano e di dividono in singoli cespi, da rinvasare per dare vita a nuove piantine. I rizomi vanno tagliati con attrezzi a lama puliti e disinfettati. Ogni porzione di rizoma deve contenere almeno due o tre foglioline e la sua superficie va trattata con un fungicida ad ampio spettro, a base di zolfo.


Potatura

La curcuma non ha bisogno di essere potata. Solo in caso di necessità bisogna procedere ad eliminare le parti secche, ingiallite o danneggiate, spesso veicoli per malattie parassitarie.


Malattie

La curcuma, se ben coltivata, riesce a resistere egregiamente alle malattie e alle avversità. Tuttavia, in particolari condizioni, la pianta può essere attaccata dalla cocciniglia, dagli afidi e dal ragnetto rosso. Questi parassiti compaiono nei periodi caldi e secchi, ovvero in estate. In tal caso, per prevenirne gli attacchi, bisogna nebulizzare frequentemente la chioma della pianta. Un’eccessiva umidità può però provocare il marciume delle radici. Nella coltivazione della curcuma sarà, dunque, necessario utilizzare un certo equilibrio. Le malattie conclamate si combattono, invece, utilizzando specifici antiparassitari.


Proprietà

La curcuma è nota per le sue proprietà officinali. Dalla sua radice ridotta in polvere si ottiene una spezia, chiamata sempre con il nome della pianta, a cui vengono attribuite proprietà digestive, antinfiammatorie, antiossidanti, antidolorifiche e persino anticancro. Uno studio condotto dall’Università della California, ha evidenziato che la curcuma blocca la produzione di un enzima implicato nello sviluppo del tumori del collo e della testa. La curcuma può essere usata in cucina anche come condimento per risotti, con la stessa funzione dello zafferano, e per piatti a base di carne o pesce. La spezia viene usata anche per la produzione del curry, rinomato liquore giallo. Da una sostanza contenuta nella curcuma, la curcumina, si ricava anche un colorante alimentare. Nell’antichità la pianta era usata anche per colorare i tessuti, ma questo uso si è perso con il tempo, perché i coloranti estratti dalla curcuma tendono a scolorire facilmente sotto l’azione del sole. Nella cultura indiana la radice di curcuma appesa al collo di una ragazza indicava una promessa di matrimonio. Nella medicina Ayurvedica, la radice di curcuma viene usata per lenire ferite e scottature.


Dove trovarla

La curcuma si acquista facilmente nei vivai, mentre la spezia, nonostante le riconosciute proprietà officinali, non è ancora molto diffusa nei supermercati. La polvere di curcuma e le relative formulazioni erboristiche ( capsule o compresse) si possono comprare in erboristeria. Le capsule e le compresse si trovano anche in farmacia e parafarmacia. Un’ampia offerta di prodotti a base di curcuma si trova anche su Internet, dove esistono numerosi e-commerce che vendono sia la spezia in pacchi che le formulazioni erboristiche. Prima di acquistare la curcuma online bisogna accertarsi della serietà dell’e-commerce scelto. I prezzi di vendita della spezia sfusa, o in compresse, variano un base al produttore e al canale di acquisto e in genere sono compresi tra i tre ed i venti euro.



  • curcuma fiore La curcuma è una pianta originaria dell'estremo oriente, e dell'Australia, dove ne esistono svariate specie, circa 80; p
    visita : curcuma fiore
  • curcuma pianta La pianta di curcuma è una specie botanica inclusa nella famiglia delle 'zingiberaceae' e nel genere 'curcuma'. Si tratt
    visita : curcuma pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO