Gloxinia

Gloxinia

La pianta denominata comunemente Gloxinia o Glossina, fa parte del genere Sinningia, appartenente alla famiglia delle Gesneriaceae. Originaria del continente asiatico e dell'America centrale e meridionale. Si caratterizza per la produzione abbondante di fiori semplici e doppi, disponibili in diverse tonalitÓ cromatiche e di forma campanulata. Bianco, rosa, rosso, viola sono i colori pi¨ diffusi per questa specie vegetale. La Gloxinia Ŕ una pianta erbacea perenne, le foglie sono tomentose sulla superficie esterna e di grandi dimensioni, tondeggianti oppure ovali. La specie pi¨ facilmente reperibile in commercio e diffusa a scopo ornamentale Ŕ la Gloxinia speciosa o Sinningia speciosa, con i diversi ibridi selezionati geneticamente. La fioritura Ŕ colorata e decorativa, inizia nella stagione primaverile e si protrae fino all'estate inoltrata.
Fiori pianta Gloxina

Viola Gloxinia Semi piante da fiore Sinningia Speciosa Bonsai Balcone Fiore 100 particelle / lot

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Coltivazione della Gloxinia

Fiori screziati di Gloxina I tuberi di Gloxinia vengono messi a dimora all'inizio della primavera, nel mese di marzo e possono essere coltivati sia in vaso che in piena terra. Sono piante erbacee che amano la luce ma temono i raggi diretti del sole, il terriccio ideale Ŕ ben drenato e composto principalmente da torba. L'irrigazione deve essere regolare per garantire il giusto grado di umiditÓ, durante l'intero ciclo vitale dei rizomi. In estate le annaffiature dovranno essere pi¨ abbondanti, soprattutto durante il periodo della fioritura. Inoltre, Ŕ consigliabile effettuare una concimazione frequente con un fertilizzante per piante fiorite da sciogliere nell'acqua delle innaffiature. Quando il fogliame ingiallisce e deperisce, occorre asportare i tuberi e riporli in un luogo asciutto per tutta la stagione invernale.

    Caldo di vendita 100 pezzi molto Gloxinia Semi perenne piante da fiore Bonsai 9 tipi Mini fiori del seme Per la casa giardino ornamentale *

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


    Riproduzione della pianta di Gloxinia

    Fiori e foglie di Gloxina La specie di Gloxinia pu˛ essere riprodotta principalmente attraverso due metodi, il taleaggio fogliare e la divisione dei rizomi. Il primo metodo consiste nell'asportare delle foglie dalla pianta madre, nei mesi di febbraio e marzo. ╚ necessario effettuare delle piccole e brevi incisioni alla base, successivamente, dopo questa operazione Ŕ possibile piantare le foglie in piccoli contenitori composti da terriccio torbato, mescolato ad un po' di sabbia. Le talee possono essere messe a dimora quando le prime due foglie saranno germinate. La seconda tecnica di propagazione della Gloxinia avviene dividendo i rizomi prima dell'arrivo della primavera, aiutandosi con un coltello ben affilato. Le due parti ottenute vanno piantate come d'abitudine, in un vaso riempito di terriccio torbato, con l'arrivo della bella stagione le nuove piante germineranno e fioriranno.


    VarietÓ della pianta di Gloxinia

    Piante in fiore di Gloxina La pianta da fiore Gloxinia viene utilizzata a scopo ornamentale per le colorate infiorescenze che produce dalla primavera all'estate. Diversi incroci genetici, hanno creato differenti varietÓ ibride, per questo genere vegetale. Fiori di colore azzurro, semplici e doppi, con i margini colorati di bianco per la selezione di Gloxinia Emperor William. Rosso acceso per le infiorescenze con l'estremitÓ dei petali arricciata della pianta ibrida Gloxinia Tiger Red. Il fogliame si caratterizza sempre per il verde intenso e per la superficie tomentosa anche per la varietÓ di Gloxinia Mont Blanc che produce fiori bianchi, semplici e doppi. Un'altra pianta ibrida molto apprezzata e coltivata a scopo ornamentale Ŕ la Gloxinia Emperor Federik. Le infiorescenze tubolari si caratterizzano per le tonalitÓ scarlatte, i margini dei petali sono bianchi.



    • gloxinia Con il termine Glossinia si indica una piccola pianta tuberosa, originaria del Sud America, la Gloxinia perennis; in rea
      visita : gloxinia

    COMMENTI SULL' ARTICOLO