La Calathea

Quando e come annaffiarla

Questa stupenda erbacea perenne proviene dall'America del Sud e fa parte del folto e variegato raggruppamento tassonomico delle Marantaceae. La pianta, posta solitamente in abbellimento all'interno di abitazioni ed uffici, ha notevoli necessità di essere bagnata, in base alla sua posizione e soprattutto alla stagione climatica in corso.Nelle stagioni primaverile ed estiva andrà generosamente e costantemente innaffiata, anche con periodico inumidimento del fogliame, mentre le bagnature verranno considerevolmente moderate e limitate nel periodo freddo, nonché effettuate soltanto in presenza di terreno asciutto o addirittura disseccato.Nelle irrigazioni, si dovrà avere assoluta cura di non cagionare pozze d'acqua o stagnazioni idriche, potenzialmente in grado di ledere le radici della Calathea, indebolendola.
Calathea pianta

CALATHEA ORNATA, MARANTA, IN VASO CERAMICA, pianta vera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,9€


Cura e coltivazione della pianta

Germoglio pianta Come già detto in precedenza, la Calathea è tipicamente una pianta da sistemare all'interno della casa e dovrà essere dotata di terreno pregno di componenti organiche, come la torba, e di materiali sabbiosi, onde assicurare minore compattezza complessiva della base e maggior efficienza di drenaggio.Periodicamente, con l'arrivo delle prime giornate primaverili si potranno compiere opere di rinvaso del sempreverde, ma è consigliabile farlo solamente se l'apparato radicale, di ragguardevoli dimensioni, abbia completamente saturato il contenitore ed impedisca il regolare nutrimento della pianta.Viceversa, non dovranno essere compiute particolari operazioni di potatura della erbacea perenne, risultando del tutto sufficiente la semplice rimozione, con opportuno utensile, dei rami vecchi e delle foglie ingiallite o seccate.

  • Calathea La Calathea è una pianta di origine sudamericana appartenente alla famiglia delle Marantaceae che gode di particolare diffusione anche in Italia, nonostante non sia una coltivazione autoctona, per via...
  • Ficus lyrata Lasciare un piccolo angolo per la natura all'interno della casa o dell'appartamento non significa necessariamente dover includere piante appariscenti e visivamente molto impegnative, che potrebbero st...
  • Una zamia di medie dimensioni. La zamia appartiene alla famiglia delle Zamiaceae,piante che assumono l'aspetto di veri e propri cespugli, fusto corto e può raggiungere i tre metri di lunghezza. Le foglie sono succulente, lucide e c...
  • Sottobosco di felci Esistono moltissime specie di pianta di felce, molte delle quali vengono coltivate in appartamento o messe a dimora nei giardini per ornarli adeguatamente grazie alle foglie particolari e dai colori s...

Shadow plants set of 3 - with unusual leaf pattern - Calathea - 7cm pot - approx. 20cm high

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


Fertilizzazione e concimazione del sempreverde

Calathea fiore Per quanto riguarda la concimazione, vanno seguite poche e semplici regole.Di norma, la pianta è collocata in un recipiente di medie dimensioni e andrà perciò concimata con regolarità, per garantire i giusti nutrienti.La fertilizzazione andrà compiuta con buona frequenza durante il periodo vegetativo, più o meno una volta ogni 13 - 14 giorni, e opportunamente diminuita nel periodo autunnale ed invernale, con intervalli almeno mensili tra una concimazione e l'altra.Potranno essere utilizzati fertilizzanti a natura solida, cosiddetti a lento rilascio, o più appropriatamente di natura liquida, diluiti nell'acqua di annaffiamento.In ogni caso, andranno privilegiati concimi specifici per la tipologia di sempreverde, con significativa presenza, oltre che dei necessari microelementi, di componenti azotate e potassiche.


La Calathea: Esposizione e possibili malattie

Calathea sempreverde casa La pianta erbacea, per quanto abbisogni di notevoli attenzioni, può essere tenuta in salute all'interno della casa per tutto l'anno, ma deve essere posizionata in un ambiente umido e non particolarmente luminoso, mai alla luce diretta del sole. Essendo molto resistente, può alloggiare anche in luoghi di penombra o quasi del tutto ombrosi, evitando però di sottoporla a bruschi cambiamenti di clima e flussi d'aria. Le condizioni climatiche, peraltro, dovranno essere costantemente calde nel corso delle stagioni, con temperature mai al di sotto dei 20° C. Il sempreverde, infine, può essere sottoposto ad attacchi di insetti e parassiti, come il ragnetto rosso e la temibile cocciniglia. In tal caso, dovranno essere rimossi tempestivamente, sia a mano che utilizzando insetticida specifico.



COMMENTI SULL' ARTICOLO