Maranta

La maranta

La Maranta è una pianta equatoriale, che cresce come vegetazione spontanea all'interno delle foreste del Brasile e della Gyana. Come tale, è una pianta che difficilmente si adatta ai freddi inverni europei, ma che può invece crescere in modo rigoglioso se coltivata negli spazi chiusi. Per questa ragione, la pianta vanta una vastissima diffusione e viene particolarmente apprezzata. Tra i suoi pregi vanno ricordati il rapido accrescimento, che permette di avere a disposizione una bella piantina di medie dimensioni in poco tempo, e anche il fatto che, se coltivata in casa o in appartamento, non è troppo delicata e non richiede eccessive cure. A fare della maranta una pianta decorativa sono le splendide foglie che la caratterizzano: questa elegante pianta, infatti, presenta foglie di ampie dimensioni, con le pagine screziate con macchie di colore scuro che spezza il verde brillante di base. La maranta presenta anche dei piccoli fiori bianchi, che non sono particolarmente appariscenti. Una caratteristica curiosa di questa pianta è quella di alzare e raccogliere le foglie nelle ore serali, per poi aprirle e ripiegarle più verso il basso nelle ore diurne, per meglio approfittare dell'umidità ambientale.
Maranta

Sedia pieghevole in legno con braccioli 109x60x65cm, mod.Maranta, sedia giardino reclinabile in 5 comode posizioni,Poltrona pieghevole in legno keruing, sedia di legno con braccioli uso esterno.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 129€


Coltivazione

Maranta Come tutte le piante equatoriali, o quantomeno buona parte di essere, la maranta deve essere coltivata in spazi protetti perché teme il freddo inverno e l'esposizione ai venti. Si tratta di una pianta, al contrario, che necessita di ambienti umidi per crescere in modo rigoglioso, pertanto non disdegna la periodica nebulizzazione delle foglie, che andrà accompagnata ad innaffiature frequenti: questo permetterà di non esagerare con le quantità d'acqua ad ogni annaffiatura e di evitare la formazione di ristagni idrici, che potrebbero essere dannosi per le radici. Il terreno, comunque, dovrebbe essere sempre umido: per questo si può provvedere all'utilizzo di un sottovaso con uno strato di argilla, che permette alle radici di assorbire sufficiente acqua senza che essa rimanga per troppo tempo a permeare il terreno. Un altro nemico può minacciare la maranta: si tratta del sole, che se colpisce in modo diretto la pianta può danneggiarne le foglie. Per questo motivo è bene conservare la pianta di maranta in una posizione semiombreggiata o del tutto ombreggiata, sia nel periodo invernale sia, a maggior ragione, durante quello estivo. Nel periodo invernale anche le annaffiature potranno essere leggermente diradate, dal momento che le temperature caleranno sensibilmente.


  • Maranta La Maranta, una Pianta da Esterno in Vaso, è una sempreverde erbacea ed è denotata da foglie molto caratteristiche dalle diverse forme e dai diversi colori che rimangono dritte nelle ore notturne per ...
  • Cura delle orchidee Le orchidee sono piante dotate di immenso fascino, per via della particolare forma dei fiori e dei loro colori sgargianti, che possono variare notevolmente da specie a specie. Le orchidee sono piante ...
  • Insetti delle piante Non importa che le piante vengano coltivate in giardino o all'interno di appartamenti: praticamente tutte le specie vegetali sono soggette ad attacchi di parassiti e insetti che possono essere molto d...
  • Parassiti orchidea L'orchidea è una pianta d'appartamento estremamente affascinante, con i suoi eleganti fiori colorati che compaiono in cima a lunghi steli. L'orchidea occupa poco spazio e anche questo favorisce la sua...

Belli 0869 0 - Vaso con piattino, motivo: Maranta, terracotta antica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 72,56€


Moltiplicazione

MOltiplicazione La riproduzione della maranta può essere effettuata con facilità e senza troppo sforzo si potranno ottenere diverse generazioni successive a partire da quella originaria. La riproduzione avviene solitamente per talea di stelo o per divisione della parte radicale. Questa seconda tecnica viene effettuata durante il periodo di riposo vegetativo della pianta, appena prima della ripresa del ciclo naturale, tra febbraio e marzo: sarà sufficiente estrarre la piantina dal terreno e procedere nella divisione delle radici, per poi interrare le due piantine così ottenute in attesa di nuovi germogli, che riveleranno l'attecchimento e renderanno possibile la coltivazione secondo le tradizionali tecniche colturali della maranta. L'unica accortezza sarà quella di dividere le radici in modo delicato, per danneggiarle il meno possibile. La divisione per talea di stelo, invece, si effettua tra maggio e agosto e comporta il taglio di una parte di stelo sano e robusto di circa 10 cm. L'estremità dello stelo verrà prima immersa in una polvere rizogena e successivamente interrata in un composto di sabbia e torba, all'interno di un vaso di piccole dimensioni. La talea verrà conservata in un ambiente umido e ombreggiato a temperatura costante: i primi germogli riveleranno l'attecchimento e la pianta potrà essere coltivata come un qualsiasi esemplare adulto.


Maranta: Malattie e parassiti

Maranta Le condizioni ideali per la coltivazione della maranta sono per la maggior parte anche quelle che favoriscono il proliferare di infestazioni fungine e parassitarie: la scarsa esposizione alla luce solare, la forte umidità ambientale e la collocazione in ambienti dalle temperature elevate sono tutti elementi che favoriscono la diffusione di funghi e parassiti, mentre una presenza eccessiva di ristagni idrici potrebbe favorire la proliferazione di muffe. Il peggior nemico della maranta è la cocciniglia, che si nota per la presenza di macchie di colore bianco sulla pagina inferiore delle foglie. In caso di infestazione, occorrerà provvedere al ricorso di prodotti specifici antiparassitari, avendo cura di eliminare ogni esemplare parassita e di non lasciare superstiti che potrebbero dare vita ad una seconda colonizzazione. Macchie gialle o marroni, invece, di piccole dimensioni e sparse lungo la foglia, possono rivelare la presenza di ragnetto rosso. Anomalie delle foglie possono, però, segnalare anche degli errori di coltivazione: in tal caso è sufficiente ripristinare le condizioni ottimali per avere di nuovo a che fare con una pianta sana e robusta. Se le foglie avvizziscono o si seccano, significa che la pianta viene esposta a temperature troppo basse oppure alla luce diretta del sole, che brucia le foglie. Se esse perdono colorazione, invece, sarà probabilmente colpa di uno squilibrio nell'annaffiatura: l'acqua potrebbe essere troppa oppure non sufficiente.


  • maranta Genere originario del Brasile e delle zone tropicali dell’Africa, che comprende circa una ventina di specie. La Marant
    visita : maranta
  • amaranta pianta Al genere Amaranthus appartengono alcune decine di piante annuali o perenni, diffuse in tutto il globo; la maggior parte
    visita : amaranta pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO