Pianta del caffè

Come irrigare la pianta del caffè

La pianta del caffè ha bisogno di essere annaffiata regolarmente: necessita, infatti, di umidità e di un terreno mantenuto costantemente fresco. Si consiglia, pertanto, di irrigare la pianta in questione almeno due volte alla settimana nel periodo compreso tra marzo ed ottobre, caratterizzato da un progressivo aumento delle temperature; il terreno non dovrà mai asciugarsi del tutto, ma contemporaneamente non dovranno esserci nemmeno ristagni idrici, i quali potrebbero far marcire la pianta. L'annaffiatura può essere ridotta ad una volta a settimana nei mesi freddi, ma non bisogna mai trascurarla ed è fondamentale intervenire se il suolo inizia a seccarsi. Potrebbero essere d'aiuto, per accentuare l'umidità dell'ambiente, vaporizzatori ed umidificatori, e come acqua utilizzata è preferibile quella demineralizzata.
Una pianta del caffè

. 100pcs / bag, semi di Clivia, piante in vaso di DIY, tasso di germinazione del seme dell'interno / all'aperto dei 95% dei colori misti Bonsai seeds

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


Come coltivare e curare la pianta

Un ambiente per la pianta del caffè Se si decide di coltivare questa particolare pianta in appartamento, bisogna innanzitutto tener presente che il terreno deve essere fertile, piuttosto profondo, ben drenato e caratterizzato, possibilmente, da un ph acido; la temperatura ideale dell'ambiente si aggira intorno ai 18 °C, né eccessivamente alta né troppo bassa, in ogni caso mai inferiore ai 10 °C. Non è necessario potare le foglie, ma se si desidera farlo è meglio utilizzare un attrezzo già disinfettato; è opportuno, comunque, pulirle con un panno umido, senza mai servirsi di lucidanti fogliari che ostacolerebbero la respirazione. Un'ottima soluzione per la coltivazione di tale pianta è la serra, garanzia di una fioritura rigogliosa; in alternativa, soprattutto in inverno, è preferibile un punto illuminato ma non troppo riscaldato.

  • Clivia Gli amanti dei colori caldi e dei più accesi arancioni non potranno che innamorarsi della clivia, pianta d'appartamento dalle dimensioni contenute ma dalla vivace fioritura, che costituisce un element...
  • Dracena marginata La dracena è una pianta che sviluppa una chioma caratteristica e molto decorativa, ma che non richiede moltissimo spazio per crescere e il suo sviluppo può essere facilmente contenuto: per queste ragi...
  • Gerbera Difficile non cedere al fascino delle gerbere: i fiori dalle ampie dimensioni e dalla forma molto semplice, simile a quella della margherita e della comune prataiola, si accompagnano all'allegria sgar...
  • Ipomea Gli amanti dei colori accesi non potranno non cedere al fascino dell'ipomea, pianta tropicale che sa coniugare tutta l'attrazione del colore con l'eleganza e la poesia della forma dei delicati fiori. ...

Portal Cool Inverno Cherry Plant (Solanum Capsicastrum) Gerusalemme Cherry pianta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


La concimazione

Pianta del caffè concimata Per la concimazione si consigliano prodotti che bilancino i tre elementi fondamentali, ovvero potassio, azoto e fosforo, con altri elementi minori, tra cui vi sono il ferro, il rame, lo zinco, il magnesio ed il manganese: questi sono necessari per uno sviluppo corretto della pianta e per evitare che essa deperisca con il passare del tempo. Si raccomanda, quindi, di accertarsi che il concime acquistato contenga sia i macroelementi, sia i microelementi. La pianta del caffè ha bisogno di una concimazione variabile in base all'età: se molto giovane deve essere concimata una volta al mese, se adulta una volta alla settimana. Potrebbe essere opportuno aggiungere all'inizio dell'inverno anche dello stallatico, ovvero letame essiccato ideale per le piante da appartamento, che viene opportunamente amalgamato con il terreno.


Pianta del caffè: Esposizione, malattie e possibili rimedi

Ruggine sulla pianta del caffè Poiché tale pianta è originaria di luoghi tropicali, l'esposizione deve avvenire in aree ampiamente illuminate e caratterizzate da elevata umidità, ma lontane da fonti dirette di calore; una serra, come in precedenza accennato, o una veranda riscaldata rappresentano la soluzione ideale, ma si ottengono ottimi risultati anche presso le finestre collocate a ovest e a sud. Un grave problema, per la pianta, è rappresentato dai parassiti: i più frequenti sono gli afidi e la cocciniglia, i quali possono però essere combattuti rispettivamente con macerato d'ortica e olio bianco minerale. Tra le malattie più frequenti vi sono la ruggine, trattabile adeguatamente con decotti di equiseto, e la clorosi, causata dall'assenza di microelementi nel concime e contrastata con prodotti a base di ferro chelato.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO