Pianta pachira

Pianta pachira origini e caratteristiche

La pachira è una pianta sempreverde originaria dell’America centro-sud. Laddove crescono spontaneamente, le pachire sono degli eleganti alberi che raggiungono fino a venti metri di altezza. La loro chioma è molto grande e molto ramificata e, tra le foglie, crescono dei grandi fiori che risaltano subito agli occhi grazie ai lunghi petali bianchi e agli stami gialli che spuntano dal centro e che profumano l’aria. In alcune specie gli stami possono essere anche rossi; oltre alle infiorescenze, le pachire producono dei frutti dalla forma particolare, simile a quella di una mela ma allungata come quella di una pera: questi frutti marroni contengono dei semi che si possono mangiare. La pachira è ormai coltivata in tutto il mondo, ma da noi normalmente non è tenuta come albero, bensì come pianta da appartamento perché non sopravvivrebbe a temperature inferiori ai 10 gradi, dunque d’inverno va tenuta dentro casa, in vaso, dove non supera mai i tre metri di altezza.
Esemplari di <em>pianta pachira</em> coltivati in vaso

Pianta artificiale Pachira aquatica, altezza 150cm - 469 foglie

Prezzo: in offerta su Amazon a: 148,95€


Pianta pachira coltivazione

Il particolare fiore della pianta pachira La pianta pachira, anche se coltivata in vaso, è comunque una specie di grandi dimensioni, dunque va messa in un recipiente ampio e in un luogo dove la sua chioma possa avere un po’ di respiro, anche se non è molto folta. Normalmente una pianta di pachira ha massimo cinque fusti, spogli per due terzi e ricchi di vegetazione solo sulla parte superiore; i fusti di solito si intrecciano tra loro, quasi a formare un unico tronco: le foglie sono grandi e tonde, costituite da foglie più piccole e di forma allungata. La pachira deve stare in una posizione ventilata e luminosa ma non esposta direttamente ai raggi del sole, che potrebbero far ingiallire le foglie. È una pianta che non tollera il gelo ma comunque, in caso di freddo intenso, al massimo può perdere il fogliame, che ricrescerà tranquillamente in primavera.

  • Clivia Gli amanti dei colori caldi e dei più accesi arancioni non potranno che innamorarsi della clivia, pianta d'appartamento dalle dimensioni contenute ma dalla vivace fioritura, che costituisce un element...
  • Dracena marginata La dracena è una pianta che sviluppa una chioma caratteristica e molto decorativa, ma che non richiede moltissimo spazio per crescere e il suo sviluppo può essere facilmente contenuto: per queste ragi...
  • Gerbera Difficile non cedere al fascino delle gerbere: i fiori dalle ampie dimensioni e dalla forma molto semplice, simile a quella della margherita e della comune prataiola, si accompagnano all'allegria sgar...
  • Ipomea Gli amanti dei colori accesi non potranno non cedere al fascino dell'ipomea, pianta tropicale che sa coniugare tutta l'attrazione del colore con l'eleganza e la poesia della forma dei delicati fiori. ...

Vivai Le Georgiche PACHIRA ACQUATICA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,8€


Pianta pachira cure e manutenzione

Il frutto della pianta pachira La pianta pachira è originaria di zone tropicali, dunque predilige ambienti umidi e terreni umidi: il terriccio del nostro vaso deve sempre essere un po' bagnato dunque, ma senza mai ristagni idrici. Le annaffiature devono essere regolari ma solo quando vediamo il substrato ben asciutto; in estate basta irrigare una volta ogni tre giorni, mentre in inverno è sufficiente addirittura una volta a settimana. Anche le foglie hanno bisogno di essere inumidite e il metodo migliore è vaporizzarle: se vediamo che iniziano a scurirsi, dobbiamo pulirle con uno straccio di tessuto in microfibra appena umido, accorgimento che ci aiuterà anche a eliminare eventuali acari dalla pianta. In autunno la pachira va sempre rinvasata e bisogna usare un terriccio nuovo e ricco, facendo sempre attenzione al drenaggio.


Pianta pachira potatura e moltiplicazione

Esemplari di pianta pachira in diversi stadi della loro crescita La chioma della pianta pachira tende ad espandersi molto, per questo motivo periodicamente è necessaria una potatura: bisogna togliere, però, solo i rami danneggiati o le foglie ingiallite, senza esagerare e operando solo per contenere la vegetazione e dare una forma definita alla chioma. Prima di intervenire bisogna assicurarsi che gli strumenti usati per la potatura siano ben puliti, altrimenti si rischia di attaccare alla pianta infezioni fungine che potrebbero danneggiarla, visto che è una specie abbastanza delicata. La moltiplicazione della pachira può avvenire in due modi, o per seme o per talea. Nel caso della semina, bisogna preparare bene il terreno, arricchendolo di sostanza organica. La talea va invece operata in primavera, asportando una porzione di ramo che va poi ripiantato in un terriccio umido e ugualmente lavorato.



Guarda il Video
  • pachira pianta Buongiorno, mi è stata regalata nel mese di settembre una pianta di pachira aquatica. I primi tempi la pianta sembrava
    visita : pachira pianta
  • pianta pachira in casa ho una pachira nonostante stiamo attenti con l'acqua ho notato che alcuni tronchi nella parte bassa si sono ragg
    visita : pianta pachira

COMMENTI SULL' ARTICOLO