Stella di Natale coltivazione

Innaffiare Stella di Natale

La Stella di Natale è ben nota per essere una pianta piuttosto delicata. Molto spesso, viene mantenuta solo durante il periodo natalizio per poi essere gettata via successivamente. Tuttavia, nel caso in cui la si voglia conservare più a lungo, è bene partire da un buon processo di innaffiatura. Per questa pianta, il terreno deve essere mantenuto sempre umido. Ciò può significare innaffiare la stella di natale tutti i giorni in estate ed una volta sola a settimana durante l'inverno. E' bene controllare che il terreno non si secchi ed anche, evitare che sia completamente irrigato e pieno d'acqua. Per aumentare l'umidità ambientale, si può conservare la stella di natale ponendo un sottovaso pieno di argilla espansa a sua volta immersa in acqua, in modo da poter generare un processo di evaporazione che aiuti la pianta.
Stella di Natale fiori

Bromelia Guzmania "Ostara" [Vaso Ø12cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Come conservare la Stella di Natale

Stella di Natale pianta In natura, la stella di Natale è una pianta facilmente reperibile in zone collinari e montuose. Questo vuol dire che i grandi sbalzi di temperatura sono poco tollerati da questa pianta. La stella di Natale non sopporta temperature al di sotto dei 12 o 15 gradi. Temperature inferiori a queste potrebbero causare la perdita di tutto il fogliame. Inoltre, è bene conservare la stella di Natale lontana da fonti di calore dirette ed eccessive, come termosifoni o caminetti. Generalmente un vano sottoscala potrebbe essere adeguato alle necessità della pianta. Ugualmente, è preferibile evitare sbalzi di temperatura troppo bassi. Dunque, si consiglia di conservare la stella di Natale lontana da finestre o porte, da cui potrebbero provenire sbalzi di aria troppo fredda. Una volta trovato lo spazio adeguato, bisogna lasciare la pianta in quella zona e, al massimo, girarla periodicamente.

  • stellanatale4 Tra le piante ornamentali da appartamento, un posto di primo piano spetta sicuramente alla Stella di Natale, piccolo arbusto originario del Messico e tipico delle aree con clima caldo o tropicale. In...
  • La stella di natale La stella di natale è una pianta tropicale originaria del Messico e appartenente alla famiglia delle euphorbie. Conosciuta con il nome scientifico Euphorbia Pulcherrima, è nota negli Stati Uniti con i...
  • La stella di natale Simbolo di rinascita e buon auspicio, la stella di natale (dal nome scientifico Euphorbia Pulcherrima e nota anche come Poinsettia) è una pianta appartenente al genere euphorbia, che fiorisce proprio ...
  • La stella di natale Simbolo di rinascita e di buon auspicio, la stella di natale è una pianta tropicale originaria del Messico che fiorisce proprio nel periodo natalizio. Conosciuta con il nome scientifico Euphorbia Pulc...

Vero Amaryllis lampadine, pianta orto Hippeastrum lampadine bonsai fiore bulbi Amarilis Rizomas bulbos Barbados Lily vaso - 1 lampadina 7

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,97€


Concimazione della Stella di Natale

Stella di Natale decorativa La stella di Natale è una pianta che in natura si trova in terreni piuttosto basici. Di conseguenza, è consigliata la concimazione piuttosto basica. E' buona norma concimare il terreno ogni quindici giorni durante il periodo della fioritura e dello sviluppo. Nelle altre fasi di vita della pianta la concimazione non è necessaria. Il concime che si consiglia di utilizzare è un normale concime per piante che fondamentalmente sarà a base di sostanze quali azoto, potassio e fosforo (il concime NPK). Per quanto riguarda il rinvaso, va effettuato in primavera quando la stella di Natale riprende la sua attività vegetativa. Di volta in volta, si utilizza un vaso più alto del precedente, ma l'altezza del contenitore utilizzato non deve superare i 20 centimetri, in quanto altrimenti la stella di Natale tende a sviluppare più gli steli che le foglie.


Stella di Natale coltivazione: Malattie della Stella di Natale

fiore Stella di Natale La stella di Natale è piuttosto delicata. Fra i primi problemi che si possono riscontrare, vi è la caduta delle foglie. Questo problema è generalmente causato da un ambiente troppo freddo o dalla presenza di correnti d'aria. Basta quindi spostare la pianta in un ambiente più adeguato. Se vengono notate delle macchie brune all'altezza della pagina inferiore delle foglie, siamo in presenza di cocciniglia bruna. Le cocciniglie possono essere rimosse mediante l'uso di un batuffolo imbevuto di alcol. Se le brattee e le foglie appaiono decolorate e tendono a cadere, siamo in presenza di un'eccessiva innaffiatura e dunque marcescenza delle radici. Il rimedio in questo caso consiste nella rimozione delle radici marce e nello spolvero mediante un fungicida di quelle rimaste. Aspettare inoltre una settimana prima di riprendere l'innaffiatura.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO