Zucche ornamentali

Le zucche

Quando si parla di zucche, si usa un termine generico per indicare una moltitudine di specie diverse. Con il termine zucche, in genere, si intendono i frutti delle piante che appartengono alla famiglia delle Cucurbitaceae; a questa famiglia fanno capo diversi generi, di cui il più noto è quello detto Cucurbita. Al genere Cucurbita si ascrivono le zucche che vengono usate in cucina, a scopo culinario, ma che nessuno vieta di poter impiegare anche a scopo ornamentale. La famosa zucca di Halloween, che viene intagliata con volti mostruosi per la festa di Ognissanti, ad esempio, solitamente è una Cucurbita maxima. C'è poi il genere Lagenaria, cui invece appartengono la maggior parte delle zucche propriamente ornamentali. I frutti prodotti dalle piante di questo genere assumono forme strane e singolari; spesso la loro polpa non è buona da mangiare, e quindi si usano, una volta fatti essiccare, per decorare la casa.
Esemplari di Cucurbita maxima

Lampada Coltivazione LED AURA S2 HeavenGrow GROW LIGHT 90W Lenti 2X 6 Bande

Prezzo: in offerta su Amazon a: 172,9€


Le zucche ornamentali

La zucca ornamentale Lagenaria assume la forma di una fiaschetta Le zucche ornamentali possono assumere le forme più diverse, a volte anche le più estrose: la natura non conosce davvero limiti. Quelle che vengono maggiormente usate per la realizzazione di decorazioni per la casa, e che in America vengono molto impiegate in occasione della festa del Ringraziamento (Thanksgiving) sono definite dal termine anglosassone gourds. Tra i principali tipi che si possono trovare in commercio, già pronte da conservare, oppure che si possono coltivare nell'orto di casa, ci sono: la cosiddetta trombetta d'Albenga, che è un rampicante i cui frutti assumono la forma di piccole clave; la Baby boo, una zucca di dimensioni ridotte, bianca e costoluta, dalla forma rotonda; la Turban, che ha la parte superiore ricoperta da una buccia colorata, tanto che sembra abbia un cappello in testa; la Lagenaria, infine, ha la forma di una fiaschetta, tanto che in antichità si usava come recipiente per bere.

    Vivai Le Georgiche SPATHIPHYLLUM CHICO [Vaso Ø13cm]

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 18€


    Come coltivare le zucche ornamentali

    Un'idea originale per il semenzaio Chi si sente maggiormente portato per il giardinaggio, potrebbe pensare di piantare un esemplare di zucca ornamentale, o più di uno, nel proprio orto, o nel giardino di casa. Le virtù decorative di queste piante, infatti, non si esprimono solo una volta che i frutti sono stati colti ed essiccati, ma anche quando questi sono ancora appesi ai rami. La modalità migliore per coltivare le zucche ornamentali, una volta scelta la specie preferita, consiste nel procurarsi i semi, da mettere in un semenzaio all'inizio della primavera. Quando i primi germogli saranno spuntati e si saranno irrobustiti, e la temperatura esterna si sarà assestata intorno a temperature piuttosto calde, si potranno mettere nel terreno. Il terreno deve essere ricco di torba e compost, e le innaffiature devono essere abbondanti, ma attenzione a non far creare ristagni, che potrebbero causare il marciume dalla pianta. All'inizio dell'autunno, sarà possibile raccogliere le prime zucche ornamentali.


    Zucche ornamentali: la conservazione

    La conservazione delle zucche ornamentali avviene appendendole all'aria, finché non sono essiccate Una volta raccolte le zucche, non resta che compiere l'operazione più delicata, ovvero la loro conservazione. Infatti, se non adeguatamente trattate, le zucche ornamentali, in capo a pochissimo tempo, marciranno e saranno da buttare via. Invece, seguendo la procedura più corretta, potranno durare anche per molti mesi, belle come appena colte. La prima cosa da fare, per la conservazione delle zucche ornamentali, consiste nel pulirle accuratamente dalla terra. Poi, non si devono assolutamente mettere in contenitori o cestini, ma si devono lasciare appese, ben distanziate l'una dall'altra, in un luogo ventilato, ma al riparo dalla luce diretta del sole. Se compare della muffa, può essere rimossa con un pennellino. Dopo un mese, un mese e mezzo, saranno perfettamente essiccate. Se hanno perso un po' di lucentezza, questo è normale per via della perdita di liquidi. Si può ovviare spennellando la superficie con del lucidante. Ora sono pronte per creare centri tavola, ghirlande, e tutte le decorazioni che suggerisce la fantasia.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO