Douglasia

Generalità

L’abete di Douglas o Douglasia (Pseudotsuga meziensii) è un’imponente conifera sempreverde appartenente alla famiglia delle Pinaceae che raggiunge altezze considerevoli, vicine a quelle delle sequoie, dato che nella sua area di origine (Nord America) può arrivare a 75-100 metri con un tronco che può raggiungere 2-4 metri di diametro. Ha chioma conica in bosco e tronco scoperto per circa la metà dell’altezza della pianta, oppure piramidale negli individui isolati, con le branche orizzontali o ascendenti nel terzo superiore, e discendenti e incurvate in quello inferiore, da cui si originano rametti penduli e il tronco colonnare, con una corteccia liscia con tasche resinose. Nel tempo la corteccia diventa rugosa, rossiccia, con una fessurazione irregolare, e suberosa. Le foglie sono aghiformi, lunghe 3-4 cm, color verde brillante sopra e grigie sotto, appiattite e flessibili. Emanano un aroma gradevole e sono disposte a spirale lungo i rami. La fioritura avviene tra marzo e giugno, con microsporofilli maschili gialli o rosso scuri che formano strutture ascellari lunghe lunghi 2 cm e macrosporofilli femminili che formano strutture apicali lunghe 3 cm verdi o rosso scure, provviste di brattee a forma di tridente molto caratteristiche. La maturazione dei coni fecondati richiede circa sette mesi e e produce pigne brune e legnose contenenti da 25 a 50 semi. L’apparato radicale varia molto a seconda del tipo di terreno su cui cresce la pianta, in condizioni ideali è fittonante all’inizio e poi sviluppa robuste radici laterali che si approfondiscono nel terreno con andamento obliquo. E’ abbastanza longeva.
douglasia

SAFLAX - Set per la coltivazione - Sequoia gigante - 50 semi - Sequoiadendron gigantea

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Clima e terreno

pigne douglasiaLa Douglasia è presente in diverse aree della nostra penisola non solo come specie ornamentale ma anche come essenza da rimboschimento. Può adattarsi a una grande varietà di terreni e climi, ma predilige terreni umidi ma ben drenati, una notevole umidità atmosferica sotto forma di neve, pioggia, e possibilmente nebbia, pH neutro o debolmente acido, mai alcalino, e una posizione in pieno sole ma riparata dato che non è resistente ai venti troppo forti che possono danneggiare seriamente l’albero adulto. E’ rustica ma in giovane età teme molto le gelate tardive. Può sopportare esposizioni marittime.

Plant Theatre - Bonsai Trio, Kit per la coltivazione di 3 bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


impianto e tecniche di coltivazione

La Douglasia si propaga per seme in serra fredda alla fine dell’inverno o subito dopo la raccolta, in quest’ultimo caso approfittando del freddo per sottoporre la semente in modo naturale a una sorta di stratificazione fredda. Dopo il ripicchettamento i semenzali vanno tenuti in ombra parziale e devono trascorrere uno, o ancor meglio due, inverni al riparo, poi possono essere messi a dimora nella primavera seguente dopo l’ultima gelata o in autunno. La propagazione vegetativa è piuttosto laboriosa soprattutto quando effettuata tramite colture di tessuti vegetali, inoltre in questi casi l’accrescimento resta plagiotropico (con la pianta che tende a crescere in larghezza e non in altezza) per parecchio tempo. Le cultivar vengono comunque propagate per innesto. L’accrescimento della Douglasia inizialmente è lento, poi diventa piuttosto veloce con una crescita annuale di 1,2 metri e resta tale per un certo periodo. La crescita risulta compromessa, invece, in posizioni troppo calde e secche. La Douglasia per le sue caratteristiche è una specie molto decorativa, adatta a ampi spazi, isolata o a gruppi, tenendo presente che l’auto potatura nella specie, che porta la pianta a liberarsi della parte inferiore della chioma man mano che cresce, avviene lentamente, quindi la chioma si mantiene piramidale a lungo. Può essere utilizzato come albero di Natale, e le sue cultivar possono essere inserite in giardini medio-ampi in collezioni di conifere o come sfondo di bordure.


Parassiti e malattie

Tra i patogeni della Douglasia ricordiamo i funghi dei generi Pythium, Fusarium, Botrytis, Rhizoctonia, e Phytophthora che possono causare marciumi ai semenzali, Armillaria e Phellinus che causano marciume radicale, e Rhabdocline che attacca gli aghi. Tra i parassiti segnaliamo gli afidi lanigeri, Megastigmus spermotrophus che danneggia i semi, Barbara colfaxiana e Dioryctria abietivorella che attaccano i coni, inioltre esistono oltreoceano alcuni limantridi e tortricidi in grado di danneggiare seriamente la pianta che però non sono presenti nel nostro paese.


Caratteristiche del legno

La Douglasia ha un legno robusto, elastico, resistente agli agenti atmosferici e leggero, che viene largamente impiegato per gli usi più svariati. Costruzione di barche, edilizia, ponti, traversine ferroviarie, per la produzione di carta, mobili e pannelli.


Douglasia: Varietà

Tra le varietà di Douglasia ricordiamo:

“Fastigiata” a branche erette che formano una chioma densa grigioverde.

“Glauca” varietà naturale a chioma più densa e eretta e aghi grigio-bluastri.

“Blue” selezione ad aghi blu.

“Little jon” nana e globosa, diventa più aperta col tempo.

“Pendula” col tronco incurvato e le branche fitte che da allargate si fanno pendule.

“Carnefix weeping” più rustica della specie precedente, ad aghi verde intenso.

“Fletcheri” forma nana che arriva a due metri di altezza al massimo per uno di larghezza, con aghi verdi-blu, adatta a spazi di piccole dimensioni.



COMMENTI SULL' ARTICOLO