Fragno

Generalità

Il Fragno (Quercus trojana) è una piccola quercia semisempreverde appartenente alla famiglia delle Fagaceae, con il tronco dritto e ramoso fino alla base, che assume spesso un portamento di tipo arbustivo. La chioma è arrotondata e espansa. A maturità raggiunge appena i 10-15 m di altezza, quindi pur essendo simile al Leccio ha dimensioni molto inferiori. La corteccia è di colore grigio cenere nelle fasi iniziali di sviluppo, poi grazie alla presenza di cristalli minerali si forma un un ritidoma scuro e fessurato, rugoso, e molto duro. I rametti dell’anno sono grigiastri e finemente pubescenti all’inizio, poi nel corso della stagione vegetativa diventano glabri. Le gemme sono piccole e ovoidali, pluriperulate e glabre. Le foglie sono semplici, ad inserzione alterna, di forma ovale lanceolata, simili a quelle del castagno ma molto più piccole, con un picciolo molto corto (5-6 mm) e con stipole che cadono nel giro di breve tempo. Le loro dimensioni si aggirano sui 6-10 cm di lunghezza e 1-3 cm di larghezza, e sono coriacee e lucide, con i margini seghettati e 8-14 coppie di denti ottusi e mucronati. Entrambe le pagine fogliari sono glabre, quella inferiore appare più chiara della superiore che è verde scuro a causa della presenza di sostanze cerose che la ricoprono, gli stomi sono ellittici o sub orbicolari, mentre la rima stomatica è decisamente ellittica. Quando le foglie seccano rimangono attaccate all'albero fino alla primavera successiva, quando la nuova emissione fogliare ne provoca la caduta, sostituendole. La fioritura avviene tra maggio e giugno. Le infiorescenze maschili sono amenti penduli, lunghi 5-6 cm, con elementi che portano ciascuno 4-5 stami, mentre i fiori femminili sono singoli o riuniti a gruppi di 2-4 elementi e sono sub sessili, con 4-5 stili allungati. I frutti sono ghiande ovali e mucronate che arrivano anche a 4 cm di lunghezza, racchiuse per metà o addirittura per i due terzi come nel Cerro da una cupola legnosa e spessa con peli setosi appressati al loro interno. Sono glabre ma sericee all’apice. La ghianda matura nel giro di due anni, cioè è biennale, quindi esaminando la pianta in primavera-estate sarà possibile rinvenire contemporaneamente sia le ghiande che matureranno nel corso dell’anno e precisamente nell’autunno seguente, sia quelle che matureranno l’autunno dell’anno successivo, ancora molto piccole. Questa caratteristica, essendo le ghiande molto appetite dagli animali e usate dagli allevatori per alimentarli, è utilissima per prevedere con largo anticipo di quanto alimento si disporrà nel giro di un anno-un anno e mezzo all’incirca. L’apparato radicale è di tipo fittonante, che si approfondisce e ramifica nel tempo.
fragno

Grande vendita! 10 pc / lotto, rari semi arcobaleno limone frutta biologica degli alberi di limone semi giardino di casa piante da frutto colorato Bonsai, # 9HML13

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,64€


Clima e terreno

fragnoIl Fragno è originario della penisola Balcanica, il suo areale si estende a oriente fino alla Turchia e al Mar Nero. In Italia è presente solo in Puglia e Basilicata, nel Salento e Lucania per essere precisi, come estremo lembo occidentale del suo areale. Il suo habitat ideale si situa tra i 200 e i 400 metri sul livello del mare (ma può arrivare sino a 600 m), su suolo calcareo anche se può vegetare bene anche su terre rosse umificate, profonde e fresche, a pH sub acido e discreto contenuto di fosforo e potassio (come accade in certi terrotori pugliesi). Forma boschi puri o più spesso misti con Roverella, Leccio, Vallonea, e altri alberi. Il Fragno è eliofilo e termofilo, ma non eccessivamente xerofilo, infatti apprezza un clima mediterraneo ma con una certa piovosità e ambienti non troppo aridi. Nelle Murge pugliesi e della Basilicata sono presenti popolamenti puri e misti di Fragno, governati a ceduo, che manifestano una certa sofferenza per il taglio troppo ravvicinato nel tempo e il pascolo soprattutto di bovini.

LR Aloe Vera Shampoo 500 ML

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,9€


Impianto e tecniche di coltivazione

ghianda fragnoIl Fragno come tutte le querce si propaga per seme subito dopo la raccolta. La germinazione avviene immediatamente e la plantula che ne deriva ha le foglie primarie profondamente lobate. I lobi sono triangolari, molto diversi dalle foglie definitive. Il Fragno viene raramente coltivato a scopo ornamentale, il che è un peccato poiché non solo è adatta a contesti di piccole dimensioni che non potrebbero ospitare altre querce di prima o seconda grandezza, ma è anche una pianta molto bella, come portamento e per il contrasto che la chioma scura offre sulla corteccia rugosa. Nelle zone in cui il clima lo consente varrebbe davvero la pena tentarne l’impianto in giardino. Di recente la sua coltivazione è stata tentata in alcuni vivai in altre regioni italiane.


Parassiti e malattie

Come tutte le querce, anche il Fragno è soggetto agli attacchi dell’oidio o mal bianco, degli afidi, dei cerambicidi e delle processionarie, oltre che ai marciumi radicali e alla carie del legno.


Caratteristiche del legno

il legno del Fragno è semiporoso, duro e di lunga durata, sia all'aperto sia a contatto con l'acqua dato l’elevato contenuto di tannini. Viene usato per l'ossatura di imbarcazioni, come traverse ferroviarie, per fare doghe di botti e palerie per i vigneti. E’ un ottimo combustibile e produce buon carbone.


Fragno: Varietà

Vengono segnalate la varietà “Yaltirikii” (a foglie più piccole della specie tipica con peli stellati su entrambe le pagine fogliari e sui rami. E’ presente nel sud della Turchia) e la varietà “Euboica” (un cespuglio considerato sottospecie nana di Q. trojana, proveniente dalla Grecia).



COMMENTI SULL' ARTICOLO