Salice bianco

Generalità

Il Salice bianco (Salix alba) appartiene alla famiglia delle Salicaceae e deve probabilmente il suo nome alle parole celtiche “Sal lis” ovvero “presso l’acqua” e al fatto che visto da lontano, quando la sua chioma si agita al vento, appare bianco. E’ un albero alto fino a 30 metri nel migliore dei casi, di solito non supera i 25 m, con chioma aperta, ampia e leggera. I rami sono eretti e i ramoscelli sottili, flessibili, dalla corteccia che va da verde-rossastra a bruno-rossastra. Il tronco è dritto, con diametro fino a 60 cm e corteccia grigia che si screpola molto presto fino a diventare cordonata a maturità. A volte il tronco è biforcato. Le foglie finemente seghettate e caduche, hanno il picciolo di circa 1 cm e sono lanceolato-acuminate, con l’apice leggermente asimmetrico. Lunghe 5-10 cm e larghe 1-2 cm, sono pelose su ambo le pagine da giovani, mentre a maturità la peluria argentea si mantiene solo sulla pagina inferiore, parallelamente alla nervatura centrale, mentre la pagina superiore diventa più lucida e liscia o al massimo leggermente pelosa. La pianta è dioica e la fioritura avviene tra marzo e aprile. Gli amenti maschili sono lunghi fino a 7 cm e hanno due stami con antere gialle, quelli femminili invece sono peduncolati, più esili di quelli maschili e di colore verde, con l’ovario allungato. L’impollinazione è anemofila, e il polline mediamente allergenico. I frutti sono capsule glabre e oblunghe, sub sessili, che poi si aprono in due valve per liberare i semi cotonosi a forma di bastoncino sormontato da lunghi peli candidi chiamati pappo. Il Salice bianco si ibrida molto facilmente con il Salix fragilis, che ha foglie giovani vischiose, e più raramente con Salix triandra e Salix pentandra (il Salice da ceste e il Salice odoroso rispettivamente). Esiste una sottospecie di Salice bianco, il Salix alba vitellina, che non è naturalizzata bensì coltivata e capitozzata per la produzione dei giovani getti con la corteccia giallo dorata. Come tutti i salici, anche il Salice bianco si accresce molto rapidamente, ma purtroppo non è molto longevo.
Salix alba

Salco - Set di 3 porta vasi in legno di salice intrecciato, a forma di cuore, colore: Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 46,63€


Clima e terreno

Salix alba Il Salice bianco è naturalizzato in tutta Italia, da 0 a 1200 metri sul livello del mare, anche se eccezionalmente si possono trovare esemplari fino a 1500 metri. Tipico dei suoli alluvionali tollera periodiche esondazioni e predilige un terreno sciolto, sabbioso o limoso, ma in ogni caso umido dato che abbisogna di precipitazioni annue di circa 900-1000 mm in media. E’ molto diffuso lungo le rive dei fiumi in pianura. Tollera temperature invernali medie non inferiori a -2°C.

  • Salice piangente bonsai. Il bonsai è frutto di un'antica arte orientale che consiste nel rimpicciolire maestose creature del regno vegetale per conservarle in piccoli vasi di ceramica. Per realizzare un progetto del genere bi...
  • Bellissimo salice piangente Il salice piangente fa parte della famiglia delle Salicacee, che raggruppa circa 400 specie tra cespugli e alberi decidui. E’ un albero ad alto fusto, tozzo e breve, che può raggiungere anche i 20 met...
  • Rami di salice Coltivare un albero di salice è in definitiva piuttosto semplice: sono piante resistenti, che non hanno bisogno di cure particolari. Necessitano di un terreno ben nutrito e molto umido, infatti cresco...
  • Salice piangente nello Zimbabwe Anche noto come salice piangente, per via dei suoi rami penduli, deve il suo nome scientifico alla combinazione di due parole celtiche "sal" (vicino) e "lis" (acqua), in riferimento al fatto che quest...

Arella in Cannette di Salice Giallo e Bianco 50x200cm Disraeli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,6€


Impianto

La propagazione avviene per talee che possono essere di 20-30 cm nel caso in cui si voglia ottenere il cosiddetto “ceduo da vimini”, mentre talee di un metro sono utilizzate per alberature o se si vogliono rinsaldare sponde fluviali o scarpate. La distanza d’impianto varia da 6-7 metri per le alberature, a 1 m (con talee la cui base viene tagliata a becco di luccio) o anche meno per ottenere viminate o comunque impianti protettivi della stabilità di pendici di vario genere. Il terreno va preparato prima dell’impianto, fino a 60 cm di profondità. La piantumazione ideale avviene in autunno, ma può dare buoni risultati anche in primavera.


Tecniche di coltivazione

Il salice bianco se lasciato crescere indisturbato può essere impiegato in parchi di ampie dimensioni, meglio se in prossimità di stagni o laghetti. Il colore della sua chioma argentea mossa dal vento può fare da sfondo a contrasto a alberature meno imponenti e di diverso colore sia in contesti ordinati che in giardini rustici orientati a un approccio più informale o naturalistico. In quest’ultimo caso è da segnalare che il Salice bianco è una delle specie più utili per il riparo e il sostentamento della cosiddetta fauna minore (uccelli, anfibi, rettili e soprattutto insetti). Data la rapidità del suo accrescimento è opportuno offrire alla pianta una concimazione adeguata, utilizzando dello stallatico maturo soprattutto in caso di capitozzatura o tagli ancor più radicali. A questo proposito va specificato che una pianta capitozzata o ceduata non raggiungerà mai un’altezza di dieci metri, considerando che in una stagione vegetativa arriverà al massimo a 2 o 3 metri, il che renderà il Salice bianco accessibile anche a chi non possiede un giardino di dimensioni esagerate. Le piante allevate per il colore dei giovani getti si abbinano bene a Erica carnea, Erica erigena e vari Cornus da ramo e Prunus davidiana, giocando a contrasto coi colori, per creare bordure miste con effetti spettacolari in pieno inveno.


Parassiti

Il Salice bianco è sensibile all’attacco degli ascomiceti che provocano l’oidio, che ricopre con un feltro biancastro le foglie. Un altro ascomicete, Rhytisma salicinum, provoca macchie nerastre sulle foglie con conseguente caduta delle stesse. Lepidotteri diurni e notturni allo stadio larvale possono cibarsi delle foglie in modo massiccio.


Caratteristiche del legno

Il legno è ottimo per la produzione di carbone, cassette da imballaggio truciolati e cellulosa.


Salice bianco: Varietà

Oltre alla già citata sottospecie Vitellina a rami giallo oro, esistono altre varietà di Salice bianco selezionate per il colore dei rami più giovani. Da notare che per mantenere un numero elevato di rami del colore selezionato, la pianta va capitozzata o addirittura ceduata (tagliata a terra) ogni anno.

Salix alba “Chermesina” con rami giovani con la corteccia giallo rossi. E’ alto circa 7 m, se non viene tagliato ogni anno, e molto vigoroso.

Salix alba “Britizensis” albero piccolo e conico, alto circa 6 m se non viene tagliato, giovani rami rosso arancio che contrastano con le foglie verdi. Spettacolare in inverno, specialmente se associato ad altri salici come il Salice da vimini o ai Cornus da ramo.

Salix alba “sericea” con foglie argentate e chiare su entrambi i lati. Arriva a 10 m, a meno che non venga capitozzato o tagliato raso terra.


  • salice bianco Al genere salix appartengono circa duecento specie di alberi e arbusti, spesso difficilmente riconoscibili l'una dall'al
    visita : salice bianco

COMMENTI SULL' ARTICOLO