Innesto a marza

Tecnica colturale

Per coltivare le piante c’è bisogno di una serie di caratteristiche personali, altrimenti è meglio non accostarsi a questa attività; ciò però non vuol dire che essa non sia bella o altro, ma semplicemente che c’è bisogno sia di passione che di un piccolo bagaglio di conoscenze ed esperienza per riuscire ad operare un qualcosa. Ecco, diciamo immediatamente che la cosa necessaria è la passione, perché il giardinaggio è diventato uno degli hobby più diffusi proprio grazie al fatto che è riuscito ad appassionare tantissime persone, risvegliando in esse quel legame con la natura che, a parte tutto, ha regalato all’uomo tanto, formandolo nel corso dei millenni. Oltre a questa passione per il giardinaggio, nonostante sia già una gran cosa, è necessaria anche una sorta di preparazione di base nella tecnica colturale, perché le piante non solo sono annaffiaggio e concimazione (che tra l’altro richiedono entrambe delle conoscenze non trascurabili), ma anche innesti, travasi e tanto tanto altro. E’ pur vero che per coltivare qualche piantina sul balcone o sul terrazzo di casa non sono necessarie tante cose, però ci si può sempre trovare in una situazione del genere e comunque tante persone praticano giardinaggio ad un livello molto elevato rispetto a quanto ci si può attendere.
innesto a gemma ed a marza

INNESTATRICE 3T + INN. COMPLEMENTARE + Guida all'Innesto = 4 Tipi d'Innesto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,8€


Innesto a marza

innesto a marzaL’innesto a marza è una tecnica colturale che vede la pianta ospitante (chiamata tecnicamente “portainnesto”) subire uno spacco deciso e trasversale, cioè netto, o su un grosso ramo o addirittura sul tronco, quasi come la si volesse recidere; ovviamente, sia nel caso del ramo che del tronco, il taglio non deve essere effettuato alla base ma ad un metro d’altezza o più per il tronco, e ad almeno 30 centimetri dall’attaccatura al tronco per il grosso ramo. Dopo aver fatto ciò si pratica un altro spacco nel portainnesto, come una ferita diametrale; in questa andranno posizionate una o più marze (essenzialmente a seconda delle dimensioni del ramo/tronco e delle marze stesse), ovvero dei rami da innestare tagliati a coltello, sagomandoli sapientemente con dei coltelli o delle seghe. E’ chiaramente questa la parte del lavoro più difficile, quella della sagomatura dell’innesto, perché si devono sia raggiungere le dimensioni e proporzioni giuste per entrare nel portainnesto e sia si deve stare attenti a non farsi male, ed è qui che quindi occorre tecnica ed esperienza. Dopo aver posizionato le marze esse vanno fissate con del nastro stretto a chiudere lo spacco del ramo/tronco, unendo anche della pasta per innesti.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Pianta di Susino con frutti Il susino appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Prunus; le specie più importanti sono il susino europeo e quello giapponese.Il susino e...
  • Mandorlo in Fiore Il mandorlo (Amygdalus communis) appartiene alla famiglia delle Rosacee ed alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee; si divide nelle sottospecie amara (mandorlo amaro), sativa (mandorlo dolce co...
  • Ciliegio in fiore Il ciliegio appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Cerasus; le specie più importanti sono il ciliegio dolce, il più coltivato, e quello ac...

ARBOKOL COPPER, MASTICE PER INNESTI CON RAME IN CONFEZIONE DA 1 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,5€


Precisazioni ed accortezze

Una parte molto importante della procedura dell’innesto a marza e che risulta fondamentale per la buona riuscita del tutto è la legatura finale: stringere con dei nastri o con delle corde la spaccatura del portainnesto intorno agli innesti (marze) è un modo per aiutare le due parti ad entrare in intimo contatto, ad unirsi per poi diventare una sola pianta come dovrà succedere; il contatto stretto e protetto è necessario anche per evitare che agenti patogeni esterni possano attaccare la pianta direttamente all’interno, dato che con le spaccature necessarie all’innesto si crea una corsia preferenziale (involontariamente) all’ingresso di patogeni. Ebbene, ad evitare tutto questo contribuisce la pasta per innesti, una sorta di composto che viene spalmato negli interstizi tra le parti dell’innesto per aiutare sia a velocizzare la procedura di assemblamento e sia per garantire una protezione batterica e funginea. Proprio per questo motivo esistono paste per vari tipi di innesto e soprattutto per le varie specie di piante più comunemente innestate, dato che ogni pianta ha i suoi particolari nemici ed è bene proteggerla da questi nello specifico. A ciò contribuisce anche l’utilizzo di attrezzi da taglio puliti ed igienizzati, magari alla fiamma.


Scopi e piante da innesto

Lo scopo dell’innesto è quello di utilizzare come base una pianta che non porta frutti e/o fiori come li desideriamo noi, unendola poi ad un ramo di una pianta che ha le caratteristiche che desideriamo, in modo da “trasformare” la nostra pianta in una a noi gradita o utile. Ciò accade soprattutto per le piante da frutto, dove l’innesto a marza è molto comune; ad esempio abbiamo una pianta di pesche che però, essendo nata da un seme, è selvatica, ovvero non produce frutti mangiabili o non ne produce affatto. A ciò si rimedia innestandola con uno o più rami di una pianta produttiva, e da essi, se l’innesto ha successo, uscirà di certo tutto ciò che desideriamo. L’innesto è però anche utilizzato in via curativa: ci sono alcune malattie che per eliminarle e salvare la pianta richiedono che essa venga recisa quasi totalmente, quindi l’unico modo per riaverla come prima è innestarla, dandole nuova vita ed un futuro prospero come il passato. Abbiamo già detto che le piante da innesto sono soprattutto quelle da frutto (per via della produttività), ma ci sono anche innesti di piante da fiore o anche innesti scientifici, veri e propri esperimenti di ricerca per trovare specie nuove ed interessanti dal punto di vista botanico o addirittura farmaceutico.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO