Cuscuta

Caratteristiche

La cuscuta viene considerata una pianta parassita, non in grado di produrre in maniera autonoma il proprio nutrimento attraverso l'azione della clorofilla. Per questo motivo la sua sopravvivenza è legata alla possibilità di svilupparsi sopra ad altre piante, dalle quali estrae le sostanze nutritive necessarie. Ne deriva un indebolimento generale della pianta ospitante. Ritenuta dagli agricoltori una specie invasiva e distruttiva, la cuscuta può arrecare danni anche notevoli alle coltivazioni di alcune specie di piante, come il lino, i fagioli, l'erba medica e le patate. La cuscuta può infestare anche numerose piante ornamentali, come l'edera, le dalie ed i crisantemi. Benché non sia gradita agli agricoltori però, la cuscuta ha notevoli proprietà mediche, conosciute ed apprezzate fin dall'antichità.
Cuscuta

Semi per prato caltestabile sementi tappeto erboso miscuglio OLTER adatto a qualsiasi terreno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18€


Le proprietà mediche

Esemplare cuscuta Molto apprezzata in fitoterapia occidentale, la cuscuta è ritenuta dagli esperti un vero e proprio toccasana, in grado di curare e recare sollievo nei disturbi legati a fegato, milza e colecisti. Leggermente lassativa, viene ancora oggi utilizzata dagli erboristi più esperti per la preparazione di medicamenti in grado di dare sostegno alla funzione epatica. Le sostanze estratte dalla pianta hanno un sapore amaro, e contribuiscono alla funzionalità renale grazie al loro potere diuretico. Raccolta fresca ed utilizzata per uso esterno, la cuscuta è in grado di aiutare a combattere particolari forme di dermatite. Nella medicina cinese la cuscuta ha sempre rivestito un ruolo molto importante, tanto che viene oggi compresa tra le nove piante che compongono l'Equiguard, un medicinale indicato per la cura di prostata e disturbi renali.

  • Pianta di fragole rampicanti Le fragole sono i frutti, o meglio dei frutti aggregati, di piante appartenenti al genere botanico Fragaria ed alla famiglia delle Rosaceae. Ve ne sono oltre 20 specie diverse e molto ibridi. La parte...
  • Diserbo chimico Il diserbo è un'operazione che viene eseguita per impedire che le erbe infestanti si sviluppino. Può essere classificato secondo varie tipologie: può essere chimico, meccanico e naturale. Per chimico...
  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...

Medicina Tradizionale Cinese Semen Cuscuta Chinensis Semi di erbe impianto Dodder Semi Tu Si Zi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,92€


Habitat naturale

Pianta fiorita cuscuta La cuscuta si può trovare in Europa, in Asia, in America ed in Africa. Il suo habitat naturale è rappresentato da piante di altre specie, dalle quali estrae le sostanze nutritive. Si tratta di una pianta annuale alta circa 30/40 cm di colore biancastro o rossastro, composta da un unico fusto filiforme privo di foglie. Proprio il fusto filiforme serve alla cuscuta per avvolgere la pianta ospitante, in un fitto intrico. La pianta colpita, privata così di una parte importante delle proprie sostanze nutritive, tende ad indebolirsi irreparabilmente. I fiori sono disposti a grappolo lungo lo stelo, in misura variabile da sei a dodici per ogni grappolo. La fioritura avviene nel periodo compreso tra giugno e settembre, ed i fiori peduncolati racchiudono al loro interno 3/4 piccolissimi semi in grado di dare vita ad una nuova pianta.


Cuscuta: Estirpazione

Pianta infestante I fusti filiformi della cuscuta possono essere di colore giallo, biancastro oppure rosso, ma mai verde a causa della totale mancanza di clorofilla che non le consente di produrre autonomamente le proprie sostanze vitali. Per sopperire a questa mancanza va ad ancorarsi a fusti e foglie di piante verdi, succhiandone così la linfa vitale. Priva di radici, non potrebbe sopravvivere se non ancorata ad altre specie. Il suo potere devastante era già noto nell'antichità, quando i Romani che ne conoscevano le caratteristiche la ribattezzarono con il nome di rete del diavolo. La sua propagazione nelle zone infestate avviene attraverso il seme piccolissimo contenuto all'interno del fiore, difficile da sterminare per la sua caratteristica resistenza che gli permette di rimanere in grado di germinare anche per una decina d'anni. La mancanza di clorofilla della pianta rende vani i tentativi di estirparla facendo uso di erbicidi, tranne quelli a base di propizamide non indicati nella maggior parte delle colture. L'unico rimedio efficace ad oggi sembra essere l'estirpazione manuale dei tralci.



COMMENTI SULL' ARTICOLO