Imenotteri

Giardino e suoi abitanti

Un giardino di casa non è solo il luogo dove l’essere umano può dar libero sfogo alla sua voglia di stare tra la natura oppure di dilettarsi con uno dei suoi hobby; no, esso è un vero e proprio ecosistema, un luogo dove c’è vita e ce n’è tantissima, oltre che di forme molto diverse. Dobbiamo renderci conto che noi non siamo gli unici abitanti degni di attenzione né del mondo e né del nostro giardino: insetti, piccoli animali, piante, batteri, funghi, sembra strano ma tutte questi generi e le loro specie abitano il nostro giardino, e forse sono anche di più. Questo ci deve cominciare a far ragionare come se non fossimo soli, perché solo così possiamo provare a salvare il nostro pianeta, perché esso non è nostro perché ne abbiamo la proprietà, ma lo è semplicemente perché lo abitiamo insieme ad altri. Ebbene, limitatamente al giardino possiamo dire che non tutti questi “abitanti” sono ostili, anzi la maggior parte di essi ci offre dei servizi e ci garantisce ciò che desideriamo; in realtà anche gli ospiti sgraditi sono parte dell’ecosistema naturale e del naturale corso della vita, ma noi esseri umani vediamo solo che ci danneggiano e perciò tentiamo di combatterli con i nostri espedienti, che ci liberano dal problema (a volte) ma ce ne creano altri perché più spesso disturbiamo l’equilibrio della natura.
vespa particolare

ESCA GEO INSETTICIDA TERRENO GRANULARE CENTURIO 3KG ORTO E GIARDINO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,9€


Imenotteri

formica ed altro insettoUna delle categorie di abitanti dei nostri giardini più numerosa è quella degli imenotteri: essi sono un ordine di insetti il cui nome, detto così in maniera scientifica, magari non ci suggerisce nulla e nulla ci torna alla mente, ma in realtà ne conosciamo moltissime specie e soprattutto quasi ogni giorno ne veniamo in contatto. Esso è un ordine comprendente un numero elevatissimo di specie di piccole e medie dimensioni, con ali membranose ed a volte ridotte o addirittura del tutto mancanti; presentano sia occhi composti che ocelli a seconda della specie, mentre hanno un apparato tracheale (atto alla respirazione) che si dilata in sacchi aerei. Il loro apparato cerebrale, costituito da gangli, è molto sviluppato e questo si fa ricollegare anche alla loro vita sociale molto attiva e complessa, dato che tante specie di questo ordine formano società numerose ed appunto complesse. Ma quali sono alcune specie molto conosciute appartenenti a questo ordine? Semplice, parliamo di api, formiche, vespe, bombi, calabroni e tanti tanti altri. Essi si usano suddividere in due gruppi di specie, i Sinfiti e gli Apocriti.

  • attrezzi da giardino La vita dei nostri giorni è molto molto diversa da quella di qualche tempo fa; un tempo l’esistenza era diviso tra il lavoro e la famiglia, mentre oggi molto spesso si vive per lavorare, mentre il tem...
  • piscina con sposi. La piscina da giardino è il più desiderato degli arredi da giardino; chiunque fin dall’adolescenza (tantissimi cominciano anche prima, ma è da quando si comincia a ragionare per davvero che lo si desi...
  • grande forno barbecue. Noi viviamo in un mondo particolare, in una società molto diversa da quella di anche dieci anni fa, figuriamoci quanto diversa da quella in cui i nostri genitori sono cresciuti ed a cui si sono ispira...
  • pergolato in legno vorremmo cominciare questo nostro articolo con una piccola domanda, che può anche suonare come una provocazione leggera e iniziatrice di un confronto: avete mai notato che sempre più persone possiedon...

INSECT TRAP ARIA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,1€


Interazione col giardino

Dopo l’accurata descrizione delle caratteristiche principali di questo ordine di insetti, ma soprattutto dopo aver saputo quali sono quelle comunissime e familiarissime specie che lo compongono, ci è molto più semplice pensare ed immaginare all’interazione degli Imenotteri con il giardino di casa nostra. Più comunemente vediamo qualche ape aggirarsi alle prime ore del mattino di pianta in pianta, di fiore in fiore per prendere un po’ di polline e portarlo nel loro “nido” per utilizzarlo come materiale di costruzione, come cibo per le larve ed anche per trasformarlo nel ricercatissimo miele. Esse spesso hanno la “colpa” di venire a nidificare troppo vicino ad i nostri luoghi, quindi spesso, anche per una questione di sicurezza soprattutto dei bambini, dobbiamo allontanarle o farle allontanare da un esperto, mantenendo sempre l’attenzione perché esse, se infastidite, e ripetiamo solo se infastidite, attaccano l’uomo pungendolo col pungiglione posto alla fine del loro corpo; questa puntura può provocare bruciore e prurito, ma anche shock anafilattici alle persone allergiche. Le formiche invece sono molto più innocue: vederle marciare in fila come soldatini, magari col loro carico di cibo sul groppone a volte incanta, ma risultano “moleste” quando vorrebbero avere come loro cibo il “nostro” cibo.


Le larve

A quanto pare dal paragrafo precedente, più che di uno scontro, c’è una vera interazione tra l’uomo ed alcuni rappresentanti dell’ordine degli Imenotteri; a volte si può giungere a pestarsi i piedi (o le zampe, dipende dai punti di vista) ma sono casi fortuiti e comunque non è nulla di grave. Ciò che però succede tanto spesso è che altre specie di Imenotteri vengano a disturbare direttamente il nostro raccolto o comunque le nostre piante, quindi noi direttamente; la colpa, anche se si tratta del corso della Natura, è delle larve: come succede per la maggior parte degli insetti, non sono gli esemplari adulti a disturbare l’uomo e le sue piante ma lo fanno le larve; la loro caratteristica più importante da questo punto di vista è l’estrema voracità che hanno quando sono in questo stadio della loro vita: esse debbono crescere enormemente di dimensioni e funzioni in un tempo brevissimo, quindi hanno bisogno di energie e quindi di cibo. Il loro cibo preferito purtroppo sono spesso le piante e le loro foglie; gli Imenotteri sono fitofagi, cioè mangiano foglie ed in particolare le loro larve scavano spesso gallerie nelle foglie più grandi trovandoci residenza ed anche cibo per crescere. Spesso si possono eliminare con leggeri prodotti, in vendita anche dai fiorai più forniti.




COMMENTI SULL' ARTICOLO